Intervista al giovane dirigente (nella foto) che dice...di iena politicaFrazzetto, che aria tira a poco dal voto per il segretario?

"Le autoproclamazioni senza contenuti ledono la stabilità del Partito Democratico anche a livello locale. Strumentalizzare la figura di Matteo Renzi esclusivamente per attirare simpatizzanti al proprio gruppo politico in vista delle amministrative 2014 mi sembra una bassezza puerile ed infantile. Le dinamiche congressuali delle mozioni devono essere discusse e partecipate nella sezione, punto di riferimento territoriale e base delle istituzioni democratiche. Se desideriamo una classe politica all'altezza del nostro paese, dobbiamo convergere i nostri sforzi sul ritrovamento del concetto di rappresentanza e moralità politica, prima che sulle tematiche."Ci sono stati episodi particolari in questi giorni?"Giorni fa, ho appreso solo tramite mezzo stampa di un incontro prorenzi organizzato dal Dott. Capuana. Nello specifico, veniva stigmatizzata la sezione del Pd mottese nella sua apertura alla società civile, così come il circolo di Misterbianco, arrivando a definire le due sezioni come ‘Autobus privati, riservati ad un èlite'.

Cosa assolutamente falsa, visto che lo stesso Leader di ‘Scelta Giovane' si è tesserato recentemente, pur continuando la sua battaglia diffamatoria e scarna di contenuti. L'opinione pubblica mottese deve essere a conoscenza di queste pratiche subdole, che infangano il percorso del movimento renziano del circolo".Ci spieghi meglio…"Si tratta di un percorso politico nato più di due anni fa,condiviso con amici catanesi come Giulio Seminara coordinatore regionale FuturDem, dell'Hinterland -come Mauro Mangano sindaco di Paternò- e che a Motta ha portato giovani e meno giovani a riacquisire fiducia nel partito. Recentemente abbiamo proposto in consiglio comunale, in sinergia col consigliere e nostro esponente istituzionale a cui facciamo riferimento, il 'civatiano' Festa, un emendamento per ridurre al minimo la percentuale dell'imposta addizionale Irpef sulle fasce reddituali più deboli.Poca Roba, ma ultima azione in ordine di tempo".

Questo cosa significa?"Testimonia che la sinistra mottese c'è ed è unita a risolvere i problemi della cittadinanza. Sul modello di partecipazione l'esempio lampante è l'adesione dell'ex assessore Nino Zuccarello al nostro comitato mottese, ribadendo che il concetto della rottamazione punta alla riscoperta di una politica onesta ed in simbiosi con le necessità del territorio, piuttosto che sull'anagrafica. Oltre tutto c'è da sottolineare che il gruppo che fa riferimento all'esponente del Liberal-Pd ha sempre osteggiato le azioni politiche portate avanti dalla sezione di Motta, dimostrando una distanza siderale di progettualità e modalità di approccio alla vita amministrativa".Ma voi non avete nulla da farvi rimproverare?"Noi non siamo per i protagonismi. Lancio un appello anche all'onorevole Faraone, coordinatore regionale dell'Area Renzi ,che tra l'altro ben conosce la realtà del circolo di Motta Sant'Anastasia. Giorno 9 dicembre il Partito Democratico dovrà essere unito, in tutte le sue componenti e pronto a vincere le sfide non molto prossime, a livello locale e non. Dobbiamo evitare di trovarci un partito ‘Mappazzone', ovvero semplice covo di dissidenti e con realtà locali scollegate dalle dinamiche verticistiche. Qualche nome nel listino provinciale catanese collegato alla mozione nazionale ha destato qualche perplessità. La trasparenza deve essere il nostro diktat".