mercoledì, 23 aprile 2014

Catania, un elicottero della Guardia costiera trae in salvo una passeggera di una nave da crociera che necessitava di cure urgenti

22 aprile 2012, 7:28

DSCN2981

di Massimo Scuderi, iene guardacoste

La scorsa notte la Base Aeromobili Guardia Costiera di Catania è stata allertata dalla Sala Operativa del Comando Generale  delle Capitanerie di porto, per l’evacuazione medica di una paziente eseguita grazie ad un elicottero, di allarme H24, da bordo della motonave “MELODY” in navigazione dalla Grecia verso Genova, a circa 190 miglia ad Est di Catania con velocità di 18 Nodi.

Una passeggera, G. L. di 54 anni, di nazionalità brasiliana, era stata colpita da un ictus e a seguito di convulsioni risultava ipertesa ed incosciente. Pre-allertato l’equipaggio d’allarme del velivolo AB 412 CP, si procedeva, alle ore 00:30, a far decollare il Koala 9-10 del 2° Nucleo Aereo Guardia Costiera di Catania. Un’operazione che richiede dei passaggi preliminari delicati come: reperire le informazioni riguardo la fattibilità della missione di soccorso considerate le condizioni meteorologiche e la posizione della motonave, sviluppare il piano di azione più idoneo, considerare rotta e velocità e l’intenzione di far dirottare la nave verso Catania, fare una stima temporale necessaria al fine di determinare l’orario di decollo dell’elicottero idoneo al raggiungimento della “MELODY” in relazione all’autonomia del mezzo.

In considerazione delle condizioni critiche della paziente, è stato imbarcato a bordo un medico della locale Stazione Elicotteri della Marina Militare di Catania. Al contempo è stato pre-allertato telefonicamente il 118 per una ambulanza con sistemi di rianimazione cardiaca da inviare nella Base Aeromobili Guardia Costiera di Catania al rientro del velivolo per il successivo trasporto della paziente  nella struttura ospedaliera del Cannizzaro a Catania. Il medico della Stazione Elicotteri della M.M. richiedeva ed otteneva la cartella sanitaria della signora traumatizzata tramite la Capitaneria di Reggio Calabria che aveva in contatto radio la nave da crociera e dalle notizie inerenti lo stato di salute della paziente al personale di guardia del 118, confermava la richiesta di una ambulanza con sistemi di rianimazione cardiaca. Alle ore 00:55 il Koala 9-10 decollava da Catania per dirigere verso la “MELODY”,  dopo circa un’ora di volo raggiungeva la motonave ed iniziava le operazioni di recupero che si concludevano in circa 20 minuti. Il rientro nell’aeroporto di Catania è avvenuto in circa un’ora. Sbarcata la  paziente è stata affidata al personale medico del 118 e trasportata con ambulanza all’Ospedale di Cannizzaro di Catania.

Personale che ha operato: – Equipaggio elicottero:  STV VERDECCHI Valerio (Capo Equipaggio), STV SCHEMBRI Angelo (2° Pilota), SGT URSINO Luca (Operatore), SC FINOCCHIARO Salvatore (Aerosoccoritore);

- Specialisti assistenza a terra: STV MERICO Angelo (Ufficiale Tecnico) C° DELL’ORCO Raffaele, C° ILLIANO Francesco, 2°C D’ASCARI Alfredo (Specialisti);

- Centrale Operativa Controllo Aeromobili della Base guardia costiera: GM PERELLI MODESTINI Valerio

Base Aeromobili G.C. – Catania Aeroporto Fontanarossa tel. 0957235200 – fax 0957235214

(mail: baseaeromobilicatania@guardiacostiera.it)

Per ulteriori informazioni i colleghi possono contattare il Capitano di Fregata (CP) Massimo RIDOLFO – Capo Sezione Relazione Esterne – Base Aeromobili G.C. – Catania (Cell. 3280433307 tel. uff.  0957235209)

2 commenti »

  • Ottimo salvataggio, pessimo articolo. Nel copia/incolla occorre eliminare i refusi ed i rifermenti a numeri riservati!
    Ma poi, contattare i colleghi, di chi?

    Comment by Lucio — 22 aprile 2012 @ 11:33

  • @Lucio
    Che i numeri siano riservati non spetta a Lei dirlo, ma ai diretti interessati che li hanno forniti al nostro inviato. Si tratta di utenza telefonica messa a disposizone di quei colleghi GIORNALISTI che avessero bisogno di maggiori informzioni. Peraltro nell’articolo non v’è alcun refuso, abbia pubblicato tutte le informazioni che riteniamo significative all’interno della vicenda. Continui a leggerci con questa costruttiva attenzione. A presto. La Redazione

    Comment by Redazione — 22 aprile 2012 @ 13:49

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento