lunedì, 21 aprile 2014

Staminali. Migliorano i tre piccoli che hanno ripreso le cure del pediatra Andolina con le cellule della Onlus Stamina Foundation

12 ottobre 2012, 22:09

Marino Andolina

di Fabio Cantarella

Nelle scorse settimane i tribunali di tre diverse città, Venezia, Catania e Matera, hanno ordinato la ripresa della terapia per tre piccoli pazienti dopo lo stop, deciso dall’Agenzia italiana del farmaco(AIFA) in maggio, alle cure eseguite agli Spedali Civili di Brescia con le cellule staminali preparate dalla Onlus Stamina Foundation.

Per avere notizie sullo stato di salute dei tre piccoli, abbiamo contattato il dottor Marino Andolina (nella foto), pediatra divenuto notissimo, non solo in Italia, per le battaglie che conduce nell’intento di poter curare con la tecnica delle staminali mesenchimali pazienti affetti soprattutto da malattie neurologiche (come il morbo di Parkinson, la paresi sovranucleare progressiva, l’atrofia multi sistemica, ictus, la retinopatia diabetica, la maculopatia, paraplegie e tetraplegie), autoimmuni (come la psoriasi e la sclerosi multipla) e genetiche (come la Niemann Pick e la distrofia muscolare) ed ottenendo importanti risultati su più di due terzi dei pazienti.

Il dottor Andolina, peraltro è un pioniere dei trapianti di midollo, molto stimato per aver salvato da un triste destino centinaia di bambini leucemici. Nel 1986 fu il primo al mondo ad iniettare con successo staminali da membrana amniotica in alcuni pazienti con malattie genetiche, in particolare nella malattia di Niemann Pick. Pochi anni dopo, Andolina iniziò ad iniettare cellule per via intratecale, ossia nel liquor contenuto nella spina dorsale, per combattere alcune malattie neurologiche. Inizialmente i risultati furono significativi, ma non stabili. Almeno sino a quando Andolina non entrò in contatto con la Fondazione Stamina ONLUS presieduta dal prof. Davide Vannoni e assistette alla guarigione di un piccolo paziente dato per spacciato.

Dottor Andolina, grazie all’intervento dei tribunali quanti bambini può curare al momento? Per adesso, i casi risolti dai giudici sono tre (Venezia, Catania, Matera). In particolare il giudice di Matera ha stigmatizzato il comportamento dell’AIFA che, bloccando immediatamente l’attività di Brescia senza tentare di correggere (magari sanzionare) eventuali errori di procedura, ha violato il suo mandato che dovrebbe mettere in prima linea la salute dei cittadini.

Tanti lettori ci chiedono come stanno i piccoli. Celeste sta continuando a fare progressi anche al di là delle mie aspettative. Non c’è un bambino al mondo con SMA1 che continui a presentare nuovi movimenti ogni giorno. Il suo risultato sta interessando le più importanti autorità americane in materia, alla faccia dei cosiddetti esperti italiani che negano un risultato a priori senza aver visto la paziente.

E gli altri due bimbi? Bisogna ricordare che si tratta di pazienti fragilissimi che un soffio d’aria può portare via. I risultati sono tuttavia stati innegabili: un coma che dopo un anno riprende a respirare senza macchine non è un effetto “placebo” come afferma invece il prode prof. Vescovi, evidentemente terrorizzato che noi ci mettiamo a curare pazienti con una metodica ben meno cruenta della sua. Tra l’altro, se posso entrare in argomento, Vescovi fa iniettare cellule fetali direttamente nel midollo spinale, ma la SLA è una malattia che coinvolge sia il cervello che il midollo spinale: quindi l’AIFA ha dato l’autorizzazione ad un trattamento che “sbaglia mira” letteralmente. Qualche vantaggio i suoi pazienti magari ce l’avranno, in termini di respirazione, ma ad un prezzo che mi pare inaccettabile.

Infine, per quanto concerne il bimbo di Matera occorre evidenziare che il piccolo ha sofferto delle conseguenze di due anni di blocco delle cure, imposto da un giudice. La sua malattia è progredita seriamente e noi oggi possiamo soltanto cercare di limitare i danni, per alcuni aspetti, temo, irreversibili. Comunque il bambino sta meglio, deglutisce meglio e ha un rapporto affettivo con la madre che prima non aveva.

Ricordiamo ai nostri lettori che la piccola Celeste ha due anni ed è affetta da atrofia muscolare spinale. Forse è l’unica bambina al mondo che lotta con tale patologia che è stata in grado di sopravvivere oltre i diciotto mesi. Adesso grazie alla terapia del dottor Andolina ha mosso le gambe per la felicità anche della sua fisioterapista. Entrambe le bambine, quindi, Celeste a Venezia e Smeralda a Catania (in coma dalla nascita per i danni celebrali causati da un’asfissia al momento della nascita), progrediscono grazie alla cosidetta terapia avanzata scoperta da Marino Andolina che utilizza cellule staminali adulte per curare malattie neurovegetative gravissime. Per le due bimbe la speranza di una cura alternativa è diventata realtà dopo i provvedimenti emessi dai giudici del lavoro delle loro città, Venezia e Catania. Due giudici che hanno avuto il coraggio di autorizzare le cure del dottor Marino Andolina nonostante il parere negativo dell’AIFA e del Ministero della Salute. CHIUNQUE AVESSE BISOGNO DI CONTATTARE IL PROF. MARINO ANDOLINA PER SOTTOPORGLI UN CASO CLINICO PUO’ SCRIVERCI ALL’INDIRIZZO IENESICULE@GMAIL.COM

38 commenti »

  • il dottore andolina e’ un grade uomo ,non so chi ,ma lo vogliono fermare,la sua cura e’ gratis , le case farmaceutiche hanno interessi economici molto grandi. conosco personalmete il dott, e sono in contatto giornaliero con pietro crisafulli.e nessuno puo’ dire male del dottore,il magistrato di torino non sa che il dottore non vuole nemmeno un caffe’ ma lo fa gratuitamente e questo lo posso dichiarare e giurare a tutto il mondo ,tutti i suoi denigratori cosa farebbero dopo? ve lo lascio immaginare.cordialmente arturo folgore 3391757xxxx

    Comment by arturo — 13 ottobre 2012 @ 11:36

  • ciao arturo
    sono alla ricerca del contatto del prof andolina per sottoporgli un caso molto grave di un ragazzo di 28 anni
    per favore se puoi aiutarmi a rintracciarlo faresti un grande gesto
    lasciami il tuto numero di telefono all ‘email whitehacker@live.it o se vuoi puoi chiamarmi al 3386839dueottosette
    ti prego di rispondermi grazie
    nino

    Comment by nino muscatello — 18 ottobre 2012 @ 13:17

  • In questa bella (?) Italia dove tutto possono i politici, NIENTE possono i malati rari, persino la sopravvivenza vieni loro negata, a convalida del ministro Balduzzi.
    Dott. Andolina Marino la Sua forza Le viene data dal Nostro Signore Gesu’ Cristo per dare una change a queste anime.Grazie.

    Comment by vito 3.2 — 25 ottobre 2012 @ 11:24

  • Sono una mamma della provincia di Palermo,vorrei un aiuto per mio figlio che fin da bambino ha avuto una forte miopia che negli anni si è degenerata portandolo ad emorraggie, si è sottoposto a 3 fotodinamiche ed ora da adulto (24 anni) la mia paura è che questa malattia lo porti alla cecità. Aiutatemi a trovare una soluzione mettendomi in contatto con il dottore, ora mio figlio non è più piccolo ed è stanco di aspettare con la paura di non poter fare più niente ed io lo vorrei, come ogni mamma vedere felice e sereno. Aiutatemi per favore!!!!!!

    Comment by Domenica — 28 ottobre 2012 @ 09:34

  • Ciao
    mi dispiace della condizione di tuo figlio ma posso capirti, mi trovo in una situazione analoga e stiamo lottando insieme a molte associazioni per avere questo metodo di cura in italia gratuitamente come affermato dai dottori e dai responsabili della Stamina Foundation.Ti lascio il numero del Presidente dell’asssociazione Sicilia risvegli onlus- Pietro Crisafulli di Catania fratello di Salvatore in coma da 9 anni.Personalmente con i miei occhi ho visionato documenti cartacei e filmati di bambini con la Sma1 una malattia genetica molto grave, dopo aver effettuato e iniziato questa cura hanno avuto risultati strabilianti.
    Chiama Pietro a nome mio e raccontagli la storia di tuo figlio.
    3407392259.
    Oggi 19 novembre nel programma POmeriggio 5 dalle 16.00 in poi da Barbara D’Urso ci sarà l’intervento della moglie dell’architetto Giuseppe Marletta in coma da 2 anni e mezzo (Irene Sampognaro) .In bocca al lupo e unisciti a noi .<cordialmente Arturo Folgore cell.339 1757678.

    Comment by arturo — 19 novembre 2012 @ 13:06

  • vorrei un numero di telefono x poter contattare con onlus stamina fondatio x mio marito affetto da sm grazie

    Comment by nadia — 19 gennaio 2013 @ 15:57

  • Aids e case farmaceutiche con le staminali non guadagnano un euro. Vergogna lucrare sulle disgraZie dei malati.

    Comment by marco platania — 21 gennaio 2013 @ 11:00

  • [...] parte – aveva ordinato la prosecuzione della cura  (un caso simile sembra ci sia stato anche in Sicilia) Ovviamente, ma solo per una questione politica, ci auguriamo che il Prof. Andolina sappia fare la [...]

    Pingback by Impresentabile ? | Scandicci - Cerca News — 28 gennaio 2013 @ 14:03

  • vorrei contattare ‘il prof. vannoni per il mio nipotino
    che vive in canada . si chiama vieri ha 6 anni
    celebroleso . vi prego aiutatemi. non riesco a mettermi in contatto con la stamina foundation.
    grazie.

    Comment by tina vergalito — 29 gennaio 2013 @ 22:14

  • Ciao a tutti io sono Ylenia la mamma della piccola Asia affetta da lys 1…. Qualcuno ha la mail del dottor vannoni? Grazie!

    Comment by Ylenia — 19 febbraio 2013 @ 20:54

  • Chi mi può aiutare vorrei il numero del dottor davide vannoni ho una bimba che necessita subito di queste cure ..grazie..

    Comment by ornella — 21 febbraio 2013 @ 19:05

  • Salve, mi chiamo Sebastiano e mi piacerebbe ricevere una vostra risposta, o dei consigli che possano aiutarmi a migliorare il mio cammino ancora impacciato!
    Non sono un bambino che rischia la vita, ma ritendo che un’iniezione di staminali, sia la cura perfetta per me.
    Prima però è opportuno che vi racconti brevemente la mia storia: sono un ragazzo di Padova, Laureato in Scienze Naturali, che quando stava tornando dalla sua festa di laurea in scooter, è stato investito da un pirata e spinto contro un platano, dove mi ha lasciato!

    In seguito a quel incidente, sono stato trovato in coma con un devastante trauma cranico e dopo un mese, si sono accorti che avevo anche riportato pure una lesione midollare a livello D5, caratterizzata da una paraparesi spastica e anche alla ridotta escursione articolare soprattutto a livello della tibiotarsica di sinistra. Così sono stato sottoposto ad un intervento di laminectomia decompressiva/stabilizzazione vertebrale T3-T10 perenne.
    Dopo 6 mesi di ospedali (tra S. Antonio di Padova e S. Camillo al Lido di Venezia) sono tornato a casa ed ho iniziato a frequentare tanti centri di riabilitazione e anche se la mia paraparesi sembrava essere permanente, con la mia testa dura e tanta forza d’animo (facendo molte prove per rialzarmi dalla sedia a rotelle: finendo sempre per sbattere il naso, il mento, le ginocchia e i gomiti al suolo) sono comunque riuscito ad eliminare la carrozzina e ad alzarmi in piedi. Dopo aver iniziato a camminare spingendo un grande deambulatore e poi con un sostegno a 4 gambe (che ho deciso di acquistare autonomamente, sorvolando dagli sconsigli neurologici) adesso muovo con un solo bastone d’appoggio, arrivando a fare anche dei grandi spostamenti (passeggiate, autobus tram e tanti viaggi in treno).
    Nelle moltissime visite mediche che ho fatto in passato, siano queste neurologiche o fisiatriche, ho sempre ricevuto molti complimenti sul mio stato e per le terapie che avevo svolto da solo, per arrivare a quella condizione… ma di suggerimenti per poter continuare a migliorare, non ne ho mai ricevuti. Così, siccome ho la possibilità di usare spesso Internet, ho iniziato a cercare qualche nuova idea che mi facesse stare meglio, oltre ai pochissimi farmaci miorilassanti usati in Italia come il Lioresal e il Rivotril. Ho allora iniziato ad assumere del magnesio galenico: dopo un mese questo elemento mi ha diminuito il grosso peso immaginario delle mie gambe, aiutandomi ad alzarle molto più facilmente… di seguito, ho scoperto e voluto provare la 4 amino piridina (usata in Canada come test per la sclerosi multipla) Dopo aver immediatamente trovato una farmacia che me lo procurava ed essermi però battuto per trovare un neurologo in Italia che la conoscesse e mi facesse una semplice ricetta, grazie a questa ho notato un altro grosso passo in avanti: forse perchè sono riuscito a aggiustare parte della guaina mielinica danneggiata, dei miei assoni! Ho poi scoperto il Mantadan, trovando subito dei grossi benefici utilizzando 2 compresse da 100 mg al giorno (comprandolo in farmacia anche se nessun medico ha voluto prescivermelo). Seguendo invece i loro consigli ospedalieri ho provato a fare il test per inserirmi la pompa al Baclofen, con iniezione intratecale di 0,05 mg, ma il risultato è stato negativo (paralizzato a letto per 17 ore!). Ho voluto anche provare la prima la Marcaina iniettata sui miei polpacci (a Villa Margherita di Arcugnano) e due volte la tossina botulinica (la prima volta a Rovigo con il Dr. De Grandis, sul mio tibiale posteriore sinistro, ma non notando nessun effetto; e la seconda volta a Vicenza dalla Dr.essa Cortese, un po’ più in alto sempre nel mio palpaccio, ma ho rimediato solo uno strano indurimento della gamba iniettata durato tre giorni).

    Allora ho continuato ad assumere molti prodotti galenici (acido folico, coenzima Q10, acetilcolina, carnitina, Cloruro di Magnesio, ecc) per rimettermi un po’ in sesto e rimediare alle disfunzioni che aveva l’interno del mio corpo… Adesso, continuo a prendere solo: Lioresal 50 mg/gg (miorilassante), e Mantadan (capace di aumentare molto la forza delle mie gambe) Da molti mesi la mia spasticità si è notevolmente ridotta, ma il mio stato persiste uguale: vado spesso in piscina, faccio anche grandi spostamenti, ma continuo a camminare col supporto di un bastone e con scarso equilibrio. Rimango convinto che un trapianto di cellule staminali, mi cambino la vita: sapreste dirmi dove posso provarle? Anche se male non possono farmi, sono disposto come dottore a firmare qualsiasi documento, per assumermi ogni responsabilità!
    Grazie.

    Comment by Seba — 23 febbraio 2013 @ 17:26

  • Salve dottore , io ho 49 anni e dovrei mettere le protesi a tutte e due le anche , ho qualche possibilità’ di evitarlo con le staminali ???

    Comment by Claudio — 24 febbraio 2013 @ 22:09

  • Se c’è una possibilità per mia figlia anche lei afetta da sma tipo 1 se cipotete aiutare a fare la cura io sono il papa non lavoro faccio il veditore abulante se c’è possiblita aiutatemi per pieta

    Comment by Mario pirone — 24 febbraio 2013 @ 22:17

  • vi prego o bisogno di metermi in contato con il prof. vanonni sono un ragazzo di 17 anni sono disperato soffro di un ipocusia bilaterale sordita ‘ aiutatemi se si puo curare grazie.

    Comment by giuseppe — 24 febbraio 2013 @ 22:29

  • e’ qualcosa di grandioso di divino, Dio sa come illuminare e come dare informazioni alle persone rette che lavorano per il bene dell’umanita’ guidati dall’unico vero sentimento l’AMORE.
    A chi legge e puo’ darmi indicazioni.
    Mi scuso se uso questo spazio magari in modo scorretto, ma questa sera vedendo il programma delle Iene, ho appreso del bimbo “Celeste” e delle cure del prof. Vannoni con le staminali.
    Permettimi, ho 56 anni mariro e genitore felice ho due figli, da 3 anni sono in dialisi x una MRC.
    sono in attesa di trapianto, in lista in due ospedali del centro nord, ma dopo 2 chiamate e repentine corse nel pieno della notte ho visto naufragare all’ultimo momento l’operazione.
    In cuor mio devo dire che non spingo molto per essere operato poiche’ non ho mai smesso di sperare in una guarigione.
    La mia patologia sembra non essere di origine genetica/ereditaria ma secondaria ad un lungo periodo di forte stress, forte sovraccarico di lavoro e di responsabilita’ associate ad un anno trascorso con mio fratello ammalato di cancro e morto (2008) dopo una lunga notte, negli unici 15 minuti che mi sono concesso, crollando per il sonno.
    Secondo una valutazione medica la mia MRC potrebbe essere secondaria ad un lungo periodo (5 anni) di obesita’ (fino a 114 kg x174 cm) ed un picco di ipertensione 170min. 230 max una brutta sera del 2009.
    La notizia letta sulle staminali puo’ dare speranza anche per patologie come la mia?
    se chi legge sa come posso contattare il prof. Vannini e/o il dott. Andolina o se ha informazioni a me utili ti prego di scrivermi

    Comment by vincenzo — 24 febbraio 2013 @ 22:59

  • Chiunque desideri contattare il dott. Marino Andolina, può scriverci riservatamente alla casella postale ienesicule@gmail.com
    L’indirizzo mail del dott. Andolina è andolinamarino@gmail.com

    Comment by ienesiciliane — 25 febbraio 2013 @ 07:23

  • sono un papà di una bambina che ha una malattia rara la leucodistrofia metacromatica cercavo un contatto per il dott davide vanoni o il dott andolina marino per curare mia figlia con le cellule staminali il mio indirizzo email e luminomava@live.it

    Comment by massimo — 25 febbraio 2013 @ 12:42

  • in seguito ad un incidente lavorativo ho riportato una lesione midollare c4 incompleta dopo circa quattordici mesi di ricovero e degenza mi hanno dimesso con la speranza che avvenga un miracolo…vedendo il programma delle iene le chiedo non il miracolo… ma una semplice opinione .questo trauma mi rende completamente ad essere monitorato da diverse persone famigliari anche per un semplice movimento grazie

    Comment by gianfranco e sabina — 25 febbraio 2013 @ 18:14

  • ciao anch’io sono una mamma disperata con una bimba di 11 anni affetta da una tetraparesi spastica dovuta ad un’asfissia alla nascita.vorrei tanto con mio marito aiutare mia figlia in quanto essendo disabile al100% a tantissime difficolta’.spero tanto mi contattiate alla mia casella di posta. grazie spero di avere presto notizie. grazie ancora.

    Comment by anna giovine — 27 febbraio 2013 @ 10:53

  • L’indirizzo mail del dott. Andolina è andolinamarino@gmail.com

    Comment by Redazione iene — 27 febbraio 2013 @ 14:20

  • Ciao,sonno una mamma e se è possibile voglio una risposta, sono molto disperata, la mia figlia ha 17 anni,quanto aveva 9 anni hanno scoperto la sua malattia Attasia di Frederich,ultimi 3 anni è peggiorata,ora lei cammina accompagnata, le cellule staminale possono essere per lei una speranza prima che lei va a rotelle? Grazie

    Comment by mimoza — 28 febbraio 2013 @ 19:14

  • Gentili lettori, in tanti ci avete scritto per avere informazioni in merito. L’unica cosa che possiamo darvi è l’indirizzo mail del dott. Marino Andolina che è il seguente andolinamarino@gmail.com
    Auguri per tutto e cari saluti

    Comment by ienesiciliane — 1 marzo 2013 @ 07:29

  • C’é molta gente che sta cercando me o il prof. Vannoni per ottenere una cura con staminali. Molti aspetteranno molto tempo prima di avere una risposta; vi prego di capire che le richieste sono arrivate a 2000, e noi riusciamo a rispondere a qualche decina al giorno. Per limitare almeno i disagi (non i miei) scrivere alla mail marinoandolina@comune.trieste.it oppure telefonate al 349 8134038
    Marino Andolina

    Comment by ienesiciliane — 3 marzo 2013 @ 14:20

  • Salve da ottobre2012 abbiamo scoperto che mio padre soffre dell’atrofia multisistemica cerebellare .vorrei contattare il prof. Vannoni ma nn so come qualcuno mi sa dire qualcosa ….ve ne sarei grata

    Comment by maria rosaria — 3 marzo 2013 @ 23:25

  • Salve, sono una donna affetta da retinopatia maculare di Stargardt, forte ipovedente, in pratica quasi cieca. Ci sono centri in Europa che tentano trapianti di cellule staminali?
    Grazie

    Comment by Michela — 9 marzo 2013 @ 23:58

  • Volevo, se possibile, contattare il Professor Vannoni.
    Grazie,
    Laura

    Comment by Laura — 19 marzo 2013 @ 20:16

  • http://www.osservatoriomalattierare.it/attualita/3810

    Comment by bob — 22 marzo 2013 @ 16:54

  • desidero esprimere la mia gratitudine al ai Proff. ANDOLINA e VANNONI ,sono certo che è GESU’ aguidarLi.
    Gradirei parlare con Sebastiano per avere dei preziosi consigli.
    Grazie, grazie,grazie…..
    Stefano

    Comment by stefano — 25 marzo 2013 @ 17:18

  • Che ben vengano i dottori come Vannoni e Andolina…
    Poi si sa in Italia se non c’è guadagno non va mai niente bene…
    W Vannoni e Andolina che hanno tutto il mio appoggio.

    Comment by maria — 27 marzo 2013 @ 10:18

  • Mi chiamo Graziano,scrivo perchè ho letto di Sebastiano da Padova, io non so se ti può aiutare esistono dei cerotti con nanotecnologia che hanno varie funzioni, uno di questi fa riprodurre la guaina mielinica, mediante un ripristino del Dna altri hanno la funzione di riequilibrare l’organismo aumentando le forze altri fanno produrre al corpo altre sostanze non hanno controindicazioni e sopratutto non inserisci nessun farmaco perchè danno ordini dall’esterno al corpo di produrre quello che gli serve,se ti vuoi un aiuto scrivimi che ti spiego graziano.1962@live.it

    Comment by Graziano — 30 marzo 2013 @ 17:35

  • Chi gentilmente mi sa fornire dei numeri telefonici del prof.Davide Vannoni grazie

    Comment by Andrea — 2 aprile 2013 @ 14:18

  • buon giorno mi chiamo elena arei bisogno di avere il numero di telefono del dott. Davide Vannoni potete aiutarmi?

    Comment by elena — 4 aprile 2013 @ 12:23

  • ho due bimbi che dalla nascita soffrono di leucomalaciamulticistica e tetraparesispastica nnvedono nn camminano nn parlano ma sono reattivi acio che li circonda capiscono ma sono come intrappolati in un bozzolo da cui nn riescono ad uscire anchio vorrei dar loro la stessa speranza che si e accesa in me .sono interessata al metodo vannoni chiunque sappia darmi informazioni per poterlo contattare o indirizzarmi per poterlo contattare mi scriva grazie

    Comment by esmerald — 1 maggio 2013 @ 07:53

  • Ciao sono mamma di due bimbi con un sindrome sconosciuta e vorrei sapere se potete aiutrmi! Sono disperata! Le cellule staminali possono aiutarli?

    Comment by donatella — 28 maggio 2013 @ 18:16

  • ho bisogno di prendere contatto con quest medici per poterci portare mia mamma che è gravemente malata per favore ditemi come posso rintracciarli grazie a tutti

    Comment by michele — 26 giugno 2013 @ 22:36

  • Buona sera sono jessica scrivo per chiedere un consiglio per mia cugina ha avuto una sofferenza fettale con conseguenza epilessia con vari problemi come conseguenze varie mi faccia sapere se e possibile fare qualcosa premetto che la famiglia nn lavora nessuno

    Comment by jessica — 26 novembre 2013 @ 21:26

  • VORREI TANTO SAPERE SE E’ PIU’ IMPORTANTE SALVARE UNA VITA O LASCIARLA MORIRE. PERCHE’ NEGARE LE CURE CON LE STAMINALI A PERSONE AFFETTE DA MALATTIE INCURABILI. DAL MOMENTO CHE NON HANNO VIE D’USCITA DOVE STA IL PROBLEMA. CREDO (secondo il mio poco capire) CHE BASTI FAR FIRMARE UNA DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITA’ AGLI INTERESSATI , DI CIO’ CHE SI POTREBBE ANDARE INCONTRO, ED IL GIOCO E’ FATTO. POI NON HO CAPITO PERCHE’ CI SONO DEI TRIBUNALI CHE AUTORIZZANO QUESTE CURE ( con risultati evidenti) ED ALTRI NO!!! GRAZIE PER L’ATTENZIONE. Oreste Rossi.

    Comment by Oreste Rossi — 27 novembre 2013 @ 13:01

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento