comunicato stampa dalla questura

Arrestato presunto aggressore di Pietro Lo Monaco

Comunicati Stampa   Venerdi, 29 novembre 2019

Nel pomeriggio di giovedì scorso, la DIGOS della Questura di Catania unitamente all’omologo Ufficio della Questura di Reggio Calabria ha tratto in arresto un noto pluripregiudicato catanese, per il reato di violenza privata aggravata. I fatti a cui si riferisce l’arresto si verificavano nella mattinata di mercoledì, quando, all’interno della sala bar del traghetto che da Messina conduce a Villa San Giovanni (RC), l’Amministratore delegato del Calcio Catania veniva avvicinato e aggredito. Grazie ad un certosino e tempestivo lavoro di raccordo tra la Digos reggina, immediatamente allertata, e la Digos di Catania, si trovavano riscontri circa l’autore del gesto che hanno permesso di eseguire la misura dell’arresto entro le 48 ore previste dalla normativa vigente a causa o durante i trasferimenti verso i luoghi in cui si svolgono le manifestazioni sportive.

A seguito dell’aggressione, la vittima decideva a rinunciare ad assistere all’incontro del Catania Calcio a Potenza per il turno di Coppa Italia. Il grave episodio delittuoso si inscrive in una serie di fatti tutti connotati dal chiaro scopo di ottenere con la violenza che l’Amministratore delegato abbandoni la gestione della società sportiva.

I particolari verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà nei locali della Questura di Catania, in piazza Santa Nicolella (via Manzoni) alle ore 10.30 di oggi venerdì 29 novembre.

di ienesicule Data: Venerdi, 29 novembre 2019

Articoli correlati

Politica Catania, sesta Municipalità senza servizi: dopo la denuncia d...

Catania, 8 luglio 2020 - Oggi si è tenuta la seduta straordinaria e urgente del Consiglio comunale chiesta dal gruppo consiliare del M5s (primo firmatario Graziano Bonaccors...

Politica, M5s presenta mozione sfiducia: "Musumeci? Solo chiacchiere e...

"Il M5S presenta oggi agli uffici dell’Ars la mozione di sfiducia al presidente. Solo chiacchiere, tante chiacchiere, e zero riforme. Peccato che la Sicilia si governi con i...