dura nota

Cronache comunali, sindacato Confsal Snalv denuncia: ecco cosa non va a Palazzo degli Elefanti

Cronaca   Domenica, 16 febbraio 2020

Segreteria Provinciale Snalv (Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori)

 

                                                                                                   Al Comune di Catania

                                                                                                             Al Sig. Sindaco

                                                                                                Dott. Salvatore Pogliese

                                                             All'Assessore al Personale Dott. Michele Cristaldi

                                                             Al Segretario Generale Dott.ssa Rosanna Manno

                                                   Al Direttore Direzione del Personale Dott. Pietro Belfiore

 

Questa OO.SS. ha rilevato un forte malumore all'interno dei dipendenti del Comune di Catania. In prima istanza la mancata liquidazione delle spettanze arretrate dovute, per il quale secondo l'avviso prot. 66759 del 22 febbraio 2019 redatto a cura della Commissione Straordinaria di Liquidazione, sono state fatte le istanze da tutti i dipendenti. Il tempo trascorso per l'ammissione alla massa passiva non è accettabile, in quanto mette in estrema difficoltà i dipendenti, si rammenta che il mancato pagamento del salario accessorio relativo agli anni 2016, 2017 e 2018 e inoltre le indennità (turnazione, reperibilità, rischio ecc.) relative i mesi di novembre e dicembre hanno penalizzato tutti i lavoratori, che con tanta buona volontà e “Appartenenza” hanno e danno un servizio alla città. Il tempo trascorso per l'ammissione alla massa passiva non è accettabile, in quanto mette in estrema difficoltà i dipendenti a cui erano state date aspettative di liquidazione a breve termine.

Inoltre il mancato prolungamento dell'orario di servizio dei PUC da 24 a 36 ore, promesso dal Sig. Sindaco in occasione della stabilizzazione dello scorso anno.

La pesatura delle posizioni organizzative, dove è evidente la difforme valutazione di talune, con attuali incaricati vicini alle organizzazioni sindacali.

I problemi di gestione presso il Comando di Polizia Locale di Catania, con l'utilizzo anomalo degli “Operatori Polizia Stradale” in servizio i quali non hanno mai avuto le giuste direttive da parte del

Direttore, assente in molti casi, la problematica che investe questi lavoratori che vengono utilizzati in modo “non compatibile” dal Comdo per attività che non competono alla loro funzione. In particolare abbiamo anche segnalato che all'interno del comando VV.UU. L'attività svolta da anni da personale “sindacalizzato” che gestisce il centro radio e la gestione dei turni del personale, che è incluso in modo anomalo nella reperibilità, che invece solo i dipendenti che svolgono servizio esterno ne hanno diritto. Questa OO.SS. ha segnalato più volte l'opportunità di rotazione di quadri (A.P., e P.O.) funzionari e dipendenti dei settori più delicati, tale “Rotazione degli incarichi” prevista dal primo “Piano Triennale della corruzione 2017-2019, lo stesso infatti prevedeva che il personale impiegato nelle aree a maggiore esposizione a rischio doveva, ove possibile essere sottoposto a “rotazione periodica”.

Questa OO.SS. ha individuato quale attività sensibili, che tra l'altro trovano riscontro nel suddetto piano, quelle svolte nella Direzione Polizia Municipale. Il Direttore non ha mai dato seguito a questa norma, non ha mai effettuato rotazione del personale che effettua servizio interno con quello che effettua servizio esterno, che è il maggiore a rischio e che dovrebbe essere tutelato, ma talvolta non lo è per niente. In ultimo questa OO.SS ha lamentato più volte che gli uffici di varie Direzioni sono allo stato attuale fatiscenti. Non sono rispettati minimamente i crismi della Decreto Legislativo 81 del 2008 sulla salubrità dei luoghi di lavoro. La scrivente OO.SS. al fine di tutelare i diritti e la serenità dei lavoratori, ha segnalato più volte tale carenza e anche di tante sedi non idonee in tutte le Direzioni, senza avere alcuno riscontro dall'Amministrazione.

Si chiede un incontro urgente con la scrivente OO.SS., al fine di tutelare i diritti dei lavoratori, dichiarando lo stato di agitazione sin da ora e si resta in attesa di sapere al più presto quali iniziative l'Amministrazione ha in programma in merito all' assurda questione evidenziata.

Dalla mancata convocazione, entro 10 gg, scaturirà da parte di questa OO.SS. la presa di posizione nelle opportune sedi, anche quelle legali.

Il coordinatore                    Il segretario generale

Giuseppe Scalia                      Santo Torrisi.

di ienesicule Data: Domenica, 16 febbraio 2020

Articoli correlati

Roma "spara", Messina risponde..."Non passa lo straniero": De Luca con...

fonte adnkronos: "E' vomitevole che un ministro della Repubblica, in questo momento di emergenza, si occupi di una procedura straordinaria per annullare una ordinanza di...

"CoronaDelirio", avv. Rocco Todero: "Indovina indoviNello chi mente su...

da bacheca facebook dell'avv. Rocco Todero: "Indovina indoviNello chi mente sul numerello?Riavvolgiamo il nastro. Stamattina apprendiamo dai giornali che l’ordinanza regiona...