Presentazione dell'evento

"L’Isola senza catene” la campagna di mobilitazione ideata da Cgil Sicilia approda a Catania. Dal 14 luglio a 4 agosto iniziative contro caporalato, sfruttamento del lavoro e il lavoro nero

Comunicati Stampa   Lunedi, 13 luglio 2020
Cgil, Flai, Fillea, Filcams di Catania
Comunicato stampa 
 
"L’Isola senza catene” la campagna di mobilitazione ideata da Cgil Sicilia approda a Catania. Dal 14 luglio a 4 agosto iniziative contro caporalato, sfruttamento del lavoro e il lavoro nero. 
 
Fa tappa anche a Catania "L’Isola senza catene” la campagna di mobilitazione ideata da Cgil Sicilia. A Catania l'iniziativa è promossa dalla Camera del lavoro insieme alla Flai (lavoratori dell'Agroindustria), alla Filcams (lavoratori Commercio, Turismo e Servizi), e Fillea (lavoratori dell'Edilizia) contro il caporalato, lo sfruttamento del lavoro e il lavoro nero. La Cgil catanese e le tre categorie scendono anche una volta in piazza,  fianco a fianco, per sanare le feriti più difficili del mercato del lavoro. E lo fanno parlando con i lavoratori, informandoli direttamente dei loro diritti e dei rischi correlati al lavoro senza garanzie e spesso frutto di pratiche illegali o arma di ricatto per scopi criminali.
Il calendario delle iniziative parte il 14 luglio e termina il 4 agosto nel Chiostro della Camera del Lavoro di Catania, con un intervento del segretario generale della Cgil Sicilia, Alfio Mannino, e del segretario generale della Cgil nazionale, Maurizio Landini. Ecco gli eventi: il 14 luglio appuntamento con gli edili  di Fillea Cgil di fronte al Palazzo dell'Esa dalle 9,30 alle 11,30; il 17 luglio  al Centro commerciale Porte di Catania dalle ore 9,30-11,30 e il 23 luglio Lido Piramidi alle ore 16 con i lavoratori di commercio e turismo Filcams, il 27 luglio a Paternò alle ore 4 bar Roxi e il 29 Luglio a Adrano piazza S.Agostino ore 4 con i lavoratori agricoli della Flai. Ultimo appuntamento il 4 agosto alle ore 19 in via Crociferi 40 serata con dibattito e musica.
"Reclutare la manodopera con sistemi illegali approfittando della povertà e della fragilità dei cittadini è un sistema che accomuna più comparti produttivi nella nostra provincia e con procedure tanto criminali quanto innovative. - commentano il segretario generale della Cgil di Catania, Giacomo Rota, e i segretari generali Pino Mandrà (Flai), Giovanni Pistorio (Fillea) e Davide Foti (Filcams)- Ci sono sempre più modalità, soprattutto dopo l'emergenza Covid, per far credere che il lavoro non sia un diritto ma un privilegio, tanto da arrivare alla richiesta più vile: esborsare denaro per poter lavorare.
Facciamo ad esempio fatica ad accettare che a quattro anni da quella legge denominata “anti caporalato”, nelle campagne gli intermediari siano ancora i caporali. È necessario che l’assunzione avvenga mediante il controllo pubblico.
Inoltre le lavoratrici e i lavoratori del terziario, del commercio, del turismo, dei servizi (appalti) e del lavoro domestico (colf e badanti) sono essenziali che devono ancora misurarsi con il lavoro nero e forme di assunzioni instabili e irregolari, contratti part-time fittizi, ferie non pagate e riposi non riconosciuti, o con Partite Iva usate per supplire a prestazioni di carattere subordinato ma senza tutele. E nel settore etneo delle costruzioni sono aumentate le forme di sfruttamento; non solo lavoro nero, piaga già endemica, ma anche irregolare, con formule contrattuali spurie come i “muratori a collaborazione o a partita iva”, o la richiesta di un vero e proprio “pizzo sul lavoro” attraverso la dichiarazione di un numero inferiore di ore pagate a fronte di quelle dichiarate.  Alcuni datori di lavoro impongono la restituzione di quote di salario come la cassa edile o gli assegni familiari o, in pieno stile criminale avviano conciliazioni sindacali irregolari attraverso le quali viene estorta la sanatoria di parte del credito dei lavoratori".
 
di ienesicule Data: Lunedi, 13 luglio 2020

Articoli correlati

Nuova Cittadella della Polizia: verrà mai realizzata? Il M5s interroga...

Catania, 8 agosto 2020 - Il nuovo Complesso Polifunzionale della Polizia di Stato doveva sorgere a Librino, tra via Bonaventura e viale Nitta. Giusto costruire una nuova Cittadell...

Politica, verbali comitato tecnico scientifico Coronavirus desecretati...

“L’11 marzo scorso, il primo ministro Conte dispone la chiusura dell’intero territorio italiano. Una decisione, questa, che ha causato gravissime conseguenze econ...