parole, parole, parole...facebook

Covid e chiacchiere: il caso siculo

Cronaca   Venerdi, 7 agosto 2020

Iena in Azione

Leggiamo, increduli, il post FB dell’assessore regionale alla sanità e non capiamo cos’altro debba accadere per attuare misure di contenimento. Per cominciare, caro assessore, dovrebbero essere attivati, anzi si sarebbero già dovuti attivare, controlli e sanzioni per chi non rispetta quelle che lei chiama “regole basilari”.

Basta dare un’occhiata sui social, o andare in giro per strada, per rendersi conto che ognuno fa quello che gli pare. Serate in discoteca, concerti all’aperto,  bar e ristoranti affollati. Protezioni e distanziamento per tanti non esistono. Molti sono tornati alla vita di prima come se nulla fosse successo. Eppure i casi di contagio ci sono, e anche in aumento. Le mascherine, o non si indossano, oppure, ed è la variante più in voga, si portano sotto il mento o al polso come fosse un bracciale. E sono talmente tanti quelli che se ne fottono delle regole che chi le rispetta per non sentirsi in disagio segue il trend.

Tornando al punto: caro assessore non è con i post su Facebook che si risolvono e affrontano i problemi.

di Iena in Azione Data: Venerdi, 7 agosto 2020

Articoli correlati

"Cittadella dell'ingiustizia": quello che non è stato detto dopo l'app...

In merito alla delibera del consiglio comunale sulla Cittadella Giudiziaria. Il consiglio comunale, giorno 17 settembre, ha deliberato l’approvazione del progetto edilizio d...

Catania dal Vivo, Orazio Vasta (Asia e Usb): "la vita Quartararo è ter...

"Al tempo del coronavirus   la situazione in via Riccardo Quartararo è  totalmente illegale, in contrasto con tutte le attuali normative anticovid 19, in cont...