evento di grande rilievo

Taobuk alla decima edizione: l'entusiasmo, la cultura e il mondo durante e dopo la pandemia

Spettacoli e Cultura   Lunedi, 21 settembre 2020

di Gian Maria Tesei

Dall’ 1 al 5 ottobre 2020 si terrà a Taormina la decima edizione di Taobuk, un evento che ha saputo e sa dare un grande impulso alla cultura letteraria, e non solo, ponendosi come riferimento indispensabile per gli amanti del mondo del sapere, dell’erudizione e di tutte le realtà afferenti e contermini, con una visione alta dell’arte intiera e la straordinaria partecipazione di personalità eccellenti come avverrà per questa annata caratterizzata dalla presenza di ben due premi Nobel per la letteratura quali Svjatlana (Svetlana) Aleksievič e Mario Vargas Llosa (nonché il premio Strega 1994 Giorgio Montefoschi), a segnare una kermesse il cui tema centrale sarà l’Entusiasmo.

Caterina Andò, ufficio stampa e membro di un comitato scientifico che supporta e genera i flussi creativi dell’organizzazione dell’evento, ha introdotto Taobuk sottolineando come si sia dovuto posticipare l’inizio della manifestazione, la cui collocazione classica è in giugno, non rinunciando però ma resistendo agli eventi incidenti pandemici per riproporre un evento forse ancor più potente nei significati e nei contenuti.

Manlio Messina, assessore regionale al Turismo, sport e spettacolo, dopo aver ringraziato (come hanno fatto tutti gli ospiti presenti) per l’impegno profuso ed il coraggio Antonella Ferrara, ha evidenziato come Taobuk sia legato alla cultura ma anche al turismo, che, grazie anche all’operato della Regione Sicilia, costituiscono due nodi di un percorso virtuoso che si struttura proprio su eventi di elevata qualità quale quello taorminese. Un evento che avrà una sua espansione che, in futuro proprio anche su impulso della Regione Sicilia potrà avere anche, ad esempio, una fiera del libro a precederlo.

Alberto Samonà, assessore alla Cultura e Identità siciliana, si è soffermato sul fatto che Taobuk rappresenti una sfida, in questo particolare momento contingente, a chi vorrebbe assopirsi sulle difficoltà e non agire, sottolineando come la cultura debba essere un’ispirazione ed un traino per la ripresa, proprio all’insegna dell’entusiasmo, focus centrale di questa edizione della manifestazione.

E proprio l’entusiasmo con la sua etimologia (dal greco enthūsiasmós: “en, ossia con, dentro; “theós”, che vuol dire dio; “ousía”, vale a dire essenza) esprime lo slancio creativo che spinse e spinge gli esseri umani verso aperture per universi sconosciuti, con una tradizione siciliana, sia pagana che cristiana o laica di grande importanza. Taobuk è per Samonà un invito a comprendere chi narra ed a guardare la realtà quotidiana come un’esperienza favolosa, sulla scia di quanto detto da Vanni Ronsisvalle.

Lo stesso assessore ha continuato affermando come Taormina, città a cui hanno guardato con estremo interesse ed amore Oscar Wilde, Truman Capote e Goethe può essere un paradigma di uno sconosciuto che può diventare potenzialità creatrice a significare la cultura che riparte ( #LaCulturaRiparte, hashtag proprio fatto per supportare le inziative di ripresa della cultura).

Riprendendo la citazione finale di Samonà “preferisco gli errori dell'entusiasmo all'indifferenza del discernimento” ( di Anatole France) la Andò ha asserito che in passato importanti autori hanno affermato che se l’entusiasmo fosse solo d’ispirazione divina non avrebbroe saputo cosa farsene, creando una sorta di contraddizione col pensiero precedente che diventa argomento che troverà spazio in una delle tante sezioni dell’evento.

Il sindaco di Taormina Mario Bolognari ha dichiarato come, in un momento come quello che ha segnato negativamente lo sviluppo e la concretizzazione degli eventi, penalizzando il settore turistico in maniera pesante, Taobuk sia un importante segnale di rinascita, nonostante le variazioni al poderoso programma iniziale.

Taormina e Tao Arte, ha accennato ulteriormente Bolognari, si sono aggrappate a Taobuk ed al grande lavoro svolto da Antonella Ferrara, ideatrice, fondatrice ed asse portante della manifestazione, estrinsecando inoltre la ricetta per la ripresa dalla crisi, costituita dal trovare le parole per raccontare la crisi stessa. Tutte le forme d’arte, come la letteratura, la fotografia o la cinematografia sono in grado di dare vita ad una narrazione a cui appellarsi anche in caso di situazioni negative successive per cambiare in positivo la vita superando due grandi piaghe attuali: il negazionismo del Covid 19 e la nevrosi del terrore.

Quindi l’arte e la cultura, con la loro di funzione di racconto e di memoria diventano essenziali, come affermato dalla Andò per rielaborare l’impatto del Covid. Ed anche la formazione è uno strumento essenziale e necessario anche a tal fine. Formazione a cui Taobuk è intimamente legata vista la liaison con l’università di Messina, come emerge dall’intervento del rettore Salvatore Cuzzocrea che ha enfatizzato con soddisfazione il rinnovo per due anni del rapporto con Taobuk. E, riallaciandosi a quanto detto da Bolognari, ha sottolineato la centralità della narrazione che verta anche sulle cose belle, e la partenza di questa manifestazione proprio dall’ateneo messinese, costituisce proprio una di esse in quanto espressione della valorizzazione della cultura anche tra i più giovani.

Bernardo Campo commissario straordinario della Fondazione Taormina Arte Sicilia, ha detto come in questa fase occorra riuscire a fare “parlare le pietre di Taormina”, che trasudano storia e cultura. Le attività del festival del cinema, della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana (FOSS) e di Taobuk sono sintomatiche dello sforzo di Taoarte a tal riguardo. Ed anzi quest’annata particolare, a parere di Campo, ha rafforzato la sinergia tra letteratura e cinema, con Taobuk che dedicherà grande spazio al rapporto di genesi della nascita dell’imagine dalle parole e viceversa.

La presenza di un’orchestra di grande rilievo è un leit motiv che accompagna Taobuk e che quest’anno si sostanzia nell’esibizione proprio della suddetta FOSS, il cui sovrintendente, il Prof. Antonio Marcellino, ha evidenziato le collaborazioni che avverranno nel corso dell’evento con tre direttori d’orchestra e l’esibizione del violoncellista Mario Brunello.

Il Presidente del Comitato scientifico di Taobuk Nino Rizzo Nervo ha aggiunto come organizzare un evento senza avere una certezza sull’esito finale, vista presenza del fenomeno pandemico è stata un’esperienza coraggiosa in un momento storico in cui bisogna attenzionare la difesa delle democrazie fragili ed una nuova visione al mondo post-pandemico.

Antonella Ferrara, dopo avere ringraziato le istituzioni, Tao Arte e Tim, main sponsor, ha enucleato il programma denso di eventi numerosi a carattere interdisciplinare in una città vocata alle belle lettere quale Taormina, con l’Entusiasmo che è stato un tema scelto prima della pandemia ma che adesso è ancora più pregnante.

Centrali saranno le riflessioni sulla pandemia, ha poi affermato la Ferrara, e sull’Europa in un mondo post-pandemico con Taobuk che, in cooperazione con il Think Tank VISION sostenuto ed incentivato dall’Università degli Studi di Messina, realizzerà questo intento dal 2 al 4 ottobre con la Taormina-Messina Conference, mentre i Taobuk Awards vedranno alcuni importanti personalità del mondo dello spettacolo come Pupi Avati, Brunori SAS , Mario Brunello, il soprano russo Ekaterina Bakanova ad essere protagonisti assoluti in una serata di gala che si svolgerà al Teatro Antico giorno 3 con la conduzione del giornalista del Tg1-RAI Alessio Zucchini e della presidentessa della manifestazione Antonella Ferrara.

Tanti gli altri momenti d’attrazione e di interesse tra mostre (REVELATIONS, dell’artista catanese Giuseppe Patané e “RITRATTI ELOQUENTI. Fotografie di scrittori e di protagonisti della scena culturale” del fotografo degli scrittori Basso Cannarsa, contest (TAoTIm dedicato agli entusiasti digitali), con varie sezioni a significare la tematica dell’Entusiasmo come quella ribattezzata “Sacro Fuoco”, con la media partnership con la RAI sempre più solida e quella con il corriere della sera che porterà anche ad eventi online , in una kermesse in cui sono impaginati tanti momenti importanti che si possono riscontrare, con dovizia di particolari, sul sito https://www.taobuk.it/.

 

 

 

 

 

di Gian Maria Tesei Data: Lunedi, 21 settembre 2020

Articoli correlati

Taormina Film Fest 67: la nuova coordinatrice generale Gida Salvino e ...

di GianMaria Tesei Il grande coraggio che ha caratterizzato la scorsa edizione festivaliera, vissuta sapientemente in modo ibrido con momenti in presenza ed altri trascorsi sulla ...

"The Undoing"- le verità non dette" ed i segreti nascosti che sconvolg...

di GianMaria Tesei Una valente Nicole Kidman, assieme al sempre verde Donald Sutherland, al bravo Hugh Grant ed alla sempre più in ascesa Matilda De Angelis, è la gr...