novita' importanti

Taormina Film Fest 67: la nuova coordinatrice generale Gida Salvino e la direzione artistica rinnovata con Francesco Alò, Alessandra De Luca e Federico Pontiggia

Spettacoli e Cultura   Domenica, 17 gennaio 2021

di GianMaria Tesei

Il grande coraggio che ha caratterizzato la scorsa edizione festivaliera, vissuta sapientemente in modo ibrido con momenti in presenza ed altri trascorsi sulla piattaforma che ha ospitato le proiezioni ed ulteriori interessanti appuntamenti della kermesse, effonde la sua forza nella prossimo Taormina Film fest, evento che approda al suo sessantasettesimo anno rimodellando alcune componenti della sua compagine, proponendosi sempre come manifestazione cinematografica dall’elevato rilievo nazionale ed internazionale.

A preludere l’acclararsi delle novità relative al festival filmico della città del Monte Tauro è stato un sentito ringraziamento, giunto proprio il giorno prima della rivelazione delle news della kermesse, a coloro che, in una situazione generale che faceva echeggiare voci di una possibile cancellazione, per il 2020, della manifestazione per le note vicende pandemiche, avevano svolto con grande professionalità e competenza, ruoli apicali nella manifestazione numero sessantasei, ovverosia il poliedrico attore catanese Leo Gullotta, che si è speso in più ruoli, compresa la conduzione, aggiungendo un’importante tappa alla sua lunghissima carriera di interprete di teatro e cinema e Francesco Calogero, preparato regista e direttore artistico legato fortemente al festival taorminese che ha selezionato le pellicole presenti lo scorso anno.

L’inizio del Taormina Film Fest, orchestrato, concepito e generato da Videobank Spa del general manager Lino Chiechio e dell’amministratore unico Maria Guardia Pappalardo( in esecuzione di un mandato triennale, su concessione della Fondazione Taormina Arte Sicilia e sotto l’egida dell’Assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo della Regione Sicilia, della Sicilia Film Commission, del Comune di Taormina e del MIBACT) si celebrerà il 27 giugno del 2021 con la conclusione che avverrà il 3 luglio, con assoluto protagonista assieme al fulgente mondo cinematografico internazionale, come di consueto, il meraviglioso Teatro Antico di Taormina.

La manifestazione filmica si contraddistingue quest’anno per una direzione artistica rimodulata e nuova, con un’ inedita formula a tre punte, un “triumvirato” i cui elementi sono esponenti eccellenti della critica cinematografica e del giornalismo, ossia Franceso Alò( di cui ricordiamo, oltre alle importanti collaborazioni con Il Messaggero e BadTaste.it, e quelle con Radio 24, Rolling Stone, La Rivista del Cinematografo , Mediaset Premium, l’esser stato direttore Artistico per la” Nuct, Scuola di Cinema e Televisione” ed autore per Sky Cinema), Alessandra De Luca ( nota firma di Avvenire e Ciak) e Federico Pontiggia( movie critic e giornalista per La Rivista del Cinematografo, cinematografo.it, Il Fatto Quotidiano, Movie Mag, Cine Mag , nonché scenarista e director filmico– per il suo e di Giancarlo Rolandi “24/25 IL FOTOGRAMMA IN PIÙ” ha ricevuto la candidatura, nel 2018, al Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema ).

A rivestire il ruolo di coordinatrice generale è Gida Salvino, eminente autrice della televisione ( tra gli altri programmi tv Rai a cui ha collaborato troviamo anche Movie Mag), contornata e supportata da un team di professionisti del settore per la determinazione della linea editoriale e di ogni aspetto del progetto e della programmazione degli eventi, segmenti e appuntamenti che scandiranno la nuova edizione della kermesse che si propone ad un pubblico di appassionati ed amanti del cinema che attende con grande passione quest’imperdibile manifestazione della cinematografia mondiale, che , dopo lo scorso anno, avrà nuovamente il logo ideato e firmato da Ginevra Chiechio il cui talento aveva già tradotto con ottimo ed elegante stile e bravura gli intenti e l’anima d’arte del Taormina Film Fest.

 

 

 

di Gian Maria Tesei Data: Domenica, 17 gennaio 2021

Articoli correlati

"L'ANGELO E IL DIO IGNORANTE", il romanzo distopico di Ignazio Pandolf...

di GianMaria Tesei Già solo il titolo, “L’angelo e il Dio ignorante”, accattiva il lettore che si approccia al prodotto letterario dell’eclettico au...

"Fino all'ultimo indizio": un ottimo Denzel Washington in un thriller ...

di GIanMaria Tesei E’ un thriller psicologico il cimento filmico in cui si è impegnato una delle star più importanti della cinematografia statunitense, Denzel ...