che fare?

Cominciamo dal Ministero

Politica   Mercoledi, 3 marzo 2021

di Carlo Majorana Gravina

Tutti, nessuno escluso, hanno esordito ed esordiscono al governo e al Ministero della Giustizia promettendo “la riforma”, salvo poi dimenticarla presi da urgenze, fatti e situazioni, sparse su tutto il territorio nazionale, e sul parterre dell’esecutivo.

Unico ministro esplicitamente citato nella Costituzione, quello di Giustizia, forma il proprio gabinetto attingendo ai ruoli della P. A. Criterio virtuoso, dettato da economie di scala e di spesa che, oggi più che mai, rappresentano il primo ostacolo alla riforma.

I vari tentativi, negli anni, sono stati bloccati sul nascere per la fronda “interna” di magistrati e pubblici funzionari distaccati al ministero. Non abbiamo elementi, ma il dato emerge con evidenza considerando gli argomenti portati a sostegno delle proteste per le quali governo e Parlamento hanno sempre evitato di procedere “a muso duro” su una strada che, presumo, si riteneva utile e giusta.

Per essere concreti e realisti, andrebbe riscritto tutto il Titolo IV della Parte II della nostra Costituzione. I padri costituenti avevano sotto gli occhi una magistratura e una società molto più volte al bene comune di un Paese devastato dal conflitto bellico e ansioso di “ricostruirsi” ed “essere ricostruito”. Oggi, almeno da trent’anni, entrambe sono ben diverse, per non dire altro.

Probabilmente la quota di P. A. più “creativa”, favorevole e funzionale alla riforma si può trovare nelle università, ma anche gli avvocati a mio giudizio andrebbero coinvolti nell’operazione.

Si abbandonerebbe, soprattutto coinvolgendo questi ultimi, il criterio di spesa “virtuoso”, ma sarebbe un prezzo equo da pagare qualora si ottenesse una Giustizia rapida, efficiente e aderente alle novità socio-economiche e tecnologiche.

 

di Carlo Majorana Gravina Data: Mercoledi, 3 marzo 2021

Articoli correlati

A Palazzo degli Elefanti, regalate un manuale Cencelli

La giunta municipale catanese non rispecchia più, né rappresenta in maniera proporzionale e corretta la maggioranza che la sostiene all'interno del consiglio comunale...

GOVERNO. GIUSEPPE BERRETTA NOMINATO DA ANDREA ORLANDO ESPERTO AL MINIS...

"Il catanese Giuseppe Berretta, docente di Diritto del lavoro presso l’Università Kore di Enna, avvocato cassazionista, già Sottosegretario alla Giustizia e Dep...