annuncio choc

Emergenza Covid: tempo scaduto per le imprese! I vertici di Confcommercio cominciano sciopero della fame

Cronaca   Giovedi, 6 maggio 2021

Le "lancette" delle imprese alle prese con le misure stringenti antiCovid si sono fermate: il tempo è finito. Dai vertici di Confcommercio arriva lo "stop".

"Non abbiamo più tempo, le nostre attivita' sono al collasso e chiediamo notizie certe sulle riaperture. Stiamo facendo gli straordinari per tenere calmi i nostri associati che, giustamente, senza alcuna prospettiva, vogliono scendere in piazza. Ecco perchè abbiamo scelto la strada della non violenza: lo sciopero della fame, l'ultima carta che rimane da giocarci con l'auspicio che qualcuno capisca". L'ha detto in conferenza stampa, a Ragusa, il presidente di Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti, che, davanti a un caffé e a un cappuccino, ultimo pasto prima della protesta, ha dato il via allo sciopero della fame che era stato annunciato lunedì scorso.

"La scelta del caffé e del cappuccino non è un caso - ha proseguito Manenti - sono l'emblema delle nostre attività. Non se ne può più, e lo diciamo con il cuore in mano. Sappiamo che ci sono i contagi, ma allo stesso tempo, e l'esperienza degli ultimi mesi ne è la riprova, sappiamo che le nostre attività, nel pieno rispetto dei protocolli, si sono adoperate per garantire la massima sicurezza". Assieme a Manenti, ad attuare lo sciopero della fame anche i presidenti provinciali di Confcommercio Catania Piero Agen e di Trapani Pino Pace, il presidente regionale Fipe Sicilia Dario Pistorio, e, in ultimo, si è aggiunto il presidente Confcommercio Sciacca, Giuseppe Caruana. A Catania e a Trapani, stamane, si sono tenuti incontri riservati ai giornalisti rispettivamente di Agen con Pistorio (nella foto) e di Pace. Da parte loro, sono stati ribaditi gli stessi concetti.

Il presidente Pietro Agen,da parte sua, ha detto: "Non è più possibile continuare così, non è possibile ascoltare le parole del ministro degli Esteri che parla di ripresa del turismo senza che sia certezza sulla riapertura delle attività, senza la certezza dell'abolizione del coprifuoco, e senza che siano stati definiti gli aiuti annunciati. Cosa dovrebbero venire a fare i turisti in Italia? Come si può pensare in questa situazione di combattere la concorrenza Greca e Spagnola? A questo punto vogliamo date certe e risposte concrete senza cui ogni programmazione diventa inutile per non dire dannosa".

 

di ienesicule Data: Giovedi, 6 maggio 2021

Articoli correlati

Cgil Catania, sarà vero cambiamento?

"Aspetta, aspetta", dice un 'compagno' di lunga data, "non leggere in superficie, leggi in profondità. E' vero", spiega il 'compagno', "De Caudo è stato braccio destr...

La polizia interviene a difesa di un medico e denuncia una donna viole...

"COMMISSARIATO DI NESIMA Nel pomeriggio dello scorso 7 giugno, personale del Commissariato di Nesima si portava in piazza Mercato, nel noto quartiere Monte Po, presso uno studio d...