riceviamo e pubblichiamo

No al "pizzo": Claudio Risicato rende omaggio al Cav. Condorelli. E ricorda la sua vicenda...

Cronaca   Martedi, 11 maggio 2021

"Desidero esprimere la mia solidarietà e vicinanza al Cav. Condorelli, proprietario dell'omonima azienda dolciaria di Belpasso che ha denunciato un atto intimidatorio di origine mafiosa con fini estorsivi.

La sua denuncia ha provocato in seguito indagini con arresti di più componenti di clan mafiosi della provincia di Catania. Il suo gesto rende libera la sua azienda dall'ipoteca mafiosa e rende forte la sua dignità di uomo ed imprenditore.

Adesso, però, non deve avere paura. In certe occasioni con la paura si deve convivere senza però somatizzare. Deve essere forte nella sua integrità con l'assoluto sostegno della sua famiglia e dell'Arma dei Carabinieri di cui nutro assoluta stima ricordando la mia esperienza passata.

Anche io anni fa sono stato oggetto di "attenzione" con ripetute minacce di morte, furti e danneggiamenti. Ho denunciato convivendo con la paura. Per nove anni ho aperto l'azienda ad Aci Catena con la presenza dei Carabinieri. Addirittura nel 2014 prima di una irruzione notturna nello stabilimento, con danneggiamenti per oltre 50.000€ mi hanno avvisato con un biglietto ed una tanica di benzina che ero "un morto che cammina" e che non sarei arrivato a Natale. A seguito di ciò  e della conseguente denuncia alla Compagnia di Acireale, una banca di rilievo nazionale, con cui intrattenevo da anni proficui rapporti valutò di revocarmi gli affidamenti poichè ero una persona a rischio, troppo esposta contro la mafia!!!

In quegli anni, come presidente di una associazione Antiracket avevo denunciato a mezzo stampa i "professionisti dell'antimafia" che abbondavano, non solo in Sicilia, con la complicità di alti livelli istituzionali (caso Montante docet). Percorrevo sempre armato il percorso da casa a lavoro non avendo nessuna tutela. I rapporti con l'allora Prefetta di Catania, essendo un uomo libero, non erano idilliaci e le mie prese di posizione a favore della certezza della pena erano considerate fastidiose dal sistema, sempre più permeato dai legami tra mafia e settori della politica.

A distanza di anni posso dire che il sostegno della mia famiglia, dei miei dipendenti e la professionalità dell'Arma dei Carabinieri hanno costituito un fondamentale aiuto alla mia attività, tant'è che la mia azienda è ancora attiva ed operante sul mercato italiano.

La ribellione alla mafia non è un atto eroico ma è un dovere di ogni siciliano onesto che guarda con speranza alla rinascita di questa terra.

Dr. Claudio Risicato

Imprenditore Farmaceutico

Già presidente Associazione Antiracket Rocco Chinnici

Componente ANC Carabinieri."

di ienesicule Data: Martedi, 11 maggio 2021

Articoli correlati

Cgil Catania, sarà vero cambiamento?

"Aspetta, aspetta", dice un 'compagno' di lunga data, "non leggere in superficie, leggi in profondità. E' vero", spiega il 'compagno', "De Caudo è stato braccio destr...

La polizia interviene a difesa di un medico e denuncia una donna viole...

"COMMISSARIATO DI NESIMA Nel pomeriggio dello scorso 7 giugno, personale del Commissariato di Nesima si portava in piazza Mercato, nel noto quartiere Monte Po, presso uno studio d...