meno uno....

Aiuto, arriva il Capodanno! Gli auguri di buon anno di Iene Sicule

Politica   Giovedi, 30 dicembre 2021

Aiuto! Arriva il Capodanno! Con il suo bel carico di buoni propositi e di auguri per l’anno a venire che ci sarebbe da toccarsi le palle fino al 2 gennaio. E come da tradizione, arrivano anche i nostri auguri di buon 2022 (l’anno delle elezioni regionali!), gli auguri sinceri e personalizzati di Iene Sicule, sperando siano graditi.

A Nello Musumeci auguriamo di potersi finalmente dedicare alla sua attività preferita, la “Carioca”, possibilmente alla Villa Pacini, assieme ad Enzo Bianco e Francesco Marano.

Ad Anthony Barbagallo auguriamo un 2022 devillarizzato.

A Gianfranco Vullo un anno da barman in una mensa operaia.

A Salvo Pogliese, dodici mesi di astinenza dal pallone, ma soprattutto dalle “pallonate”.

A Giuseppe Arena un anno senza sesso

Ad Alessandro Pizzarelli auguriamo un anno “penitenziario”

A Giulio Seminara 12 mesi di quarantena con Sonia Messina.

A Simone Serpotta auguriamo un posto da autista dell’Amt.

A Vittorio Turco un anno da acrobata al Circo Togni.

A Luigi Pulvirenti, siccome gli vogliamo bene, gli auguriamo un divorzio breve.

A Maurizio Attanasio auguriamo un anno con contratto precario a 500 euro al mese, così forse la finirebbe di fare il “Signorsì”.

A Giacomo Rota auguriamo un nuovo distacco sindacale affinché possa continuare a fare auguri di buon compleanno e a riproporre a tempo pieno su Facebook i ricordi dei bei tempi che furono (per lui). Nostalgia canaglia!

Ad Alfio Mannino e Carmelo De Caudo auguriamo un anno senza essere taggati nelle fotoricordo stile “amici miei” di Rota.

A Giuseppe Glorioso auguriamo di essere finalmente eletto All’Ars, ne guadagnerebbe sia la politica che il sindacato.

A Lanfranco Zappalà auguriamo un anno di duro lavoro. In campagna. Dove sperimentare i suoi consigli per una nuova amministrazione catanese.

A Michele Giorgianni auguriamo un anno da spin doctor di Claudio Fava.

Ad Alessandro Porto auguriamo 12 mesi senza cambiare partito.

All'assessore Andrea Barresi 12 mesi di full immersion nella trasmissione “L'Italiano per tutti”

Alla Uil di Catania auguriamo un anno demelizzato.

Alla Cgil di Catania auguriamo un anno deraiazzato.

Ad Adele Palazzo auguriamo di diventare segretaria del Pd catanese, quando sarà, al posto di Elisabetta Vanin.

A Jacopo Torrisi auguriamo una dieta con meno polpette.

Ad Antonio Condorelli auguriamo tanti scoop! (perchè “sale la tensione” e calano...gli zuccheri)

Ai “giornalisti questurini” 12 mesi in giro per le carceri, che forse accendono finalmente la luce...

A Giusi Milazzo e al Sunia auguriamo un anno senza gli attacchi iracondi e “ipertesi” di Orazio Vasta.

A tutte le redazioni catanesi, compresa la nostra, auguriamo di non essere più ingolfate dei comunicati stampa compulsivi di Orazio Vasta.

A Enzo Napoli auguriamo di trovare una collocazione nel mondo del lavoro.

A Pierpaolo Montalto auguriamo un anno a pugno chiuso. In un occhio.

A Massimo Malerba auguriamo un altro anno da uomo del villaggio, “Village People”, va.

Ai giornalisti de “La Sicilia” auguriamo di non dover vivere la stessa precarietà vissuta da altri colleghi in passato.

A Debora Borgese auguriamo di vincere tutte le querele.

A Micio Stimolo auguriamo di emanciparsi dalle e-mail e aprire un profilo su Facebook per eliminare il cosiddetto effetto “grotta”.

A Franz Cannizzo auguriamo un anno di acconciature gratis da Davide Ruffino.

Pietro Agen di diventare presidente degli Stati Uniti.

A Nico Torrisi auguriamo di diventare vicepresidente degli Stati Uniti

A Michele Vivaldi auguriamo un anno da supereroe della Marvel.

A Ruggero Razza auguriamo un anno “spalmato”.

A Giuseppe Berretta un anno nelle miniere dell’ennese, stile Rosso Malpelo. Potrebbe allora scoprire la sinistra?

A Orazio Licandro auguriamo un anno più “rilassato”. E soprattutto finalmente 12 mesi di comunismo...non italiano, anzi troppo italiano.

A Puccio La Rosa auguriamo di diventare assessore di Pogliese.

Auguri a tutti, buon 2022!

di Iena Marco Benanti,

al quale auguriamo di finire in carcere, così potrà leggere tanti libri in santa pace. Serenamente, va.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di iena marco benanti Data: Giovedi, 30 dicembre 2021

Articoli correlati

Sfollati di via Castromarino: Oltre al danno, la beffa

Catania, 19 gennaio 2022 - Quando finalmente la vicenda, lunga ormai due anni, degli sfollati di via Castromarino, sembrava conclusa, è arrivata un'altra, indigeribile, docc...

Un "governo di razza", Di Paola, Lupo e Fava scrivono a Miccichè: "Mus...

I rappresentanti delle forze di opposizione all’Ars Nuccio Di Paola (M5S), Giuseppe Lupo (Pd) e Claudio Fava (Cento Passi) hanno inviato una lettera al presidente dell’...