SCANDALO "GARIBALDI": DI GATI, IL PENTITO "DIMENTICATO"

Cronaca   Mercoledi, 29 giugno 2011

catania

"Garibaldi": un processo metafora di una città. Una realtà oscura, "coperta" alla ragione. Chi la usa è "pazzo" o "presuntuoso". Esempio? I "pentiti" nel  processo "Garibaldi" hanno vicende controverse, come nel caso di Maurizio Di Gati, personaggio di grande peso dentro Cosa Nostra. Il suo contributo arrivò alla penultima udienza di primo grado, dopo la trasmissione dei verbali dalla Procura di Palermo. Ma cosa ha raccontato Di Gati? Nei verbali si parla dei politici Nuccio Cusumano (assolto in primo grado, con un caso di prescrizione) e Pino Firrarello, all'epoca dei fatti, rispettivamente sottosegretario al Tesoro del governo D'Alema e senatore dell'Udr. Firrarello è stato condannato a due anni e mezzo, in primo grado, per turbativa d'asta aggravata dall'aver favorito o agevolato Cosa Nostra.

In appello, la Procura Generale, in sede di requisitoria, ha rilevato la prescrizione del reato. Di Gati parla anche di altri personaggi dell'inchiesta, dall'imprenditore Vincenzo Randazzo, a Valerio Infantino, già commissario regionale dell'Iacp di Catania, condannati in primo grado. Ancora Di Gati parla dell' l'imprenditore mafioso, legato al clan Santapaola, il dichiarante Giuseppe Mirenna e  dell'imprenditore in odore di mafia Carmelo Milioti, ucciso, in un agguato in "stile" Albert Anastasia, con un colpo di lupara alla testa, in una sala da barba a Favara, il 13 agosto 2003. Ecco quanto racconta Di Gati: "nel 1997 Vincenzo Randazzo partecipò ad alcune gare d'appalto a Catania, tre le quali una per la costruzione della Casa dello Studente. Prima della gara il Randazzo venne contattato dalla famiglia mafiosa di Catania in quanto non era gradita la sua presenza dal momento che tutte le gare dovevano essere aggiudicate all'impresa Romagnoli. Per riuscire a ‘spianarsi la strada' il Randazzo contattò allora Carmelo Milioti e successivamente Vincenzo Licata, come ho già riferito. In quel periodo c'era un grosso appalto che come lei mi rammenta riguardava l'Ospedale Garibaldi di Catania." Su questo affare, in particolare, Di Gati dichiara: "Anche questo appalto è stato oggetto di trattative tra Cosa Nostra agrigentina e Cosa Nostra catanese tanto che si raggiunse un accordo tra le due fazioni.

In definitiva ci fu la spartizione degli appalti: Vincenzo Randazzo vinse la gara per la costruzione della Casa dello Studente e la ditta Romagnoli vinse la gara per l'appalto dell'ospedale. Confermo di aver appreso da Randazzo che Nuccio Cusumano si interessò, su richiesta del Randazzo per fare nominare come presidente della commissione di gara per l'appalto della casa dello studente, Valerio Infantino da me conosciuto. Aggiungo che sempre da Randazzo e poi da Mirenna ho appreso che si è interessato a queste vicende anche l'on. Firrarello, anch'egli catanese. Questo interessamento ha riguardato anche la gara per l'ospedale Garibaldi che doveva essere vinto da Romagnoli secondo l'accordo mafioso di cui ho già riferito". Tornano nelle parole del nuovo collaboratore racconti di incontri al vertice per gli affari e di inquietanti intrecci mafia-politica. "Ricordo che in particolare che in una occasione conviviale ho appreso da Randazzo e da Mirenna, dopo che erano state svolte entrambe le gare, che c'era stata una riunione a Roma tra Firrarello, suo genero Castiglione, anch'egli onorevole, l'on. Cusumano e gli stessi Randazzo e Mirenna nel corso della quale erano stati pianificati interventi per ottenere finanziamenti per ulteriori lavori pubblici in Catania, quali ad esempio quelli all'aeroporto, sempre con l'apporto di questi politici che mi furono indicati come ‘a disposizione'. Il Mirenna aggiunse che appunto tramite Randazzo aveva conosciuto il Firrarello, il Cusumano e il Castiglione ed era per questo motivo ‘galvanizzato'…" E ancora: "…nella stessa occasione seppi che l'Infantino doveva avere come compenso illecito circa 50-70 milioni per ogni gara. Me lo disse espressamente lo stesso Infantino e me lo confermò il Randazzo. Ciascun politico (cioè Firrarello, Cusumano e Castiglione), avrebbe dovuto percepire il 3% sulla base d'asta aggiudicata. La cosca di Agrigento avrebbe incassato 500-600 milioni per l'appalto vinto dal Randazzo, mentre i catanesi avrebbero preso il 2% oltre a fare subappaltare parte dei lavori o altro, a soggetti vicini a Cosa Nostra". Giuseppe Castiglione, all'epoca dei fatti assessore del governo regionale di centro-sinistra guidato da Angelo Capodicasa, è stato assolto, in appello: dopo la richiesta di rito abbreviato, era stato condannato, in primo grado, per tentativo di turbativa d'asta. L'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa era caduta, davanti al Gup. 

Le dichiarazioni di Di Gati fanno riferimento anche ai presunti interessamenti di una serie di soggetti mafiosi per condizionare l'esito di appalti: fra questi Giuseppe Intelisano ("Pippu ‘u niuru"), all'epoca ritenuto reggente della cosca Santapaola (assolto in primo grado)…"I catanesi –racconta Di Gati- parteggiavano per la impresa Romagnoli del Nord. Lì sappiamo che la gara si doveva rifare e Mirenna disse che al Tar avevano le mani giuste per far vincere l'appalto alla Ditta che dicevano loro. Tramite Vincenzo Randazzo, sapevamo che l'onorevole Cusumano, suo compare, aveva messo a capo della commissione tale Infantino Valerio, impiegato alla Regione che io ho conosciuto personalmente…" Al riguardo, il Pm chiede: e che tipo di mani sono dentro al Tar? Di Gati risponde: "E non lo so….". Il Pm continua: "Abbiamo le mani al Tar" e il collaboratore replica: "Abbiamo le mani al Tar e possiamo fare vincere l'impresa che diciamo noi…Questo lo diceva Giuseppe Mirenna che uno che ne capiva delle varie imprese e dei vari…e dei vari sistemi per fare le gare…"

di Data: Mercoledi, 29 giugno 2011

Articoli correlati

Catania: l'assessore Alessandro Porto incontra i cittadini in occasion...

Si terrà venerdì 20 settembre, alle ore 17.30, presso il Bar Caffè Prestipino di Piazza Duomo 1, l’incontro fra Alessandro Porto – Assessore comuna...

Sindacale, Fontanarossa: Maurizio Landini e le cose che non vanno all'...

Cgil di Catania  Comunicato stampa  Consuntivo assemblea in aeroporto a Catania con Maurizio Landini +Foto “Le persone che lavorano e fanno le stesse cose ne...