Provincia di Catania: strade insicure, Sos dal Consiglio provinciale

Politica   Giovedi, 26 aprile 2012
La Destra: chi controlla lo stato in cui versano le strade provinciali? Presa di posizione molto dura del consigliere Giuseppe Mistretta che proponiamo per intero....a cura di Iena Provinciale

Proprio recentemente in un ultimo consiglio provinciale abbiamo sottolineato come una delle voci che fisiologicamente generano contenzioso e debiti fuori bilancio sono gli incidenti stradali, cagionati dalle cattive condizioni in cui versano alcuni degli oltre 2000 Km di arterie provinciali. Eliminata dalla pianta organica, la figura del cantoniere, il controllo delle strade dovrebbe essere compito della partecipata Pubbliservizi e dei tecnici della Provincia regionale di Catania, tanto dovrebbe bastare a eliminare le insidie e a programmare gli interventi di manutenzione, al fine di garantire un'adeguata mobilità ai cittadini della nostra provincia e, non ultimo, a tutelare il nostro esteso patrimonio viario. Troppe le strade primarie in cui è carente la segnaletica, lento il ripristino delle buche e la rimozione delle frane.

Per chi vi scrive, proprio la risposta a un'ultima interrogazione consiliare ha rappresentato "la goccia che ha fatto traboccare il vaso", segnalavo che a seguito delle intese piogge occorse tra il nove e il dieci marzo scorso, sulla provinciale 86 si erano " appalesati vistosi cedimenti del manto stradale, in più punti e a diverse chilometriche" e considerato che già nel 2008 la strada era inserita piano delle opere pubbliche, approvato in dicembre 2008, con priorità assoluta al n°38, chiedevo di conoscere se l'Amministrazione Provinciale intendesse, ora, attivarsi con delle procedure d'urgenza. A rispondermi è stato l'Ingegnere capo, Giuseppe Galizia, informandomi di aver allertato la Pubbliservizi, vi pare che smottamenti, cedimenti e vistose crepe del manto stradale possano essere oggetto d'intervento della partecipata, infatti, trattandosi di manutenzione straordinaria, ha apposto solo la provvisoria, definitiva, segnaletica di pericolo. Conoscendo la professionalità dell'Ingegnere capo, che di certo non può sempre verificare di persona, qualcuno ha riferito male, convinto che nessuno voglia essere elusivo o superficiale a una precisa segnalazione e interrogazione!

Continuando, è possibile che, sempre a seguito degli stessi eventi meteorici e nella stessa identica zona, quindi a distanza di quasi due mesi, nessuno abbia provveduto a mettere in sicurezza la provinciale 31, dove insistono frane, buche, rami caduti ai margini della carreggiata e altri, essiccati, e pronti a cadere in bilico sugli alberi, oltre a un grosso masso rotolato giù da una scarpata, probabilmente instabile. Chi si occupa delle alberature? Chi controlla queste strade? Quanto bisogna ancora aspettare per intervenire? Forse è necessario che si verifichi un incidente stradale o peggio che ci scappi il morto!

Al prossimo Consiglio utile, il gruppo consiliare de La Destra, Giuseppe Mistretta, Enzo D'Agata e Gaetano Distefano, presenterà un'apposita e dettagliata interpellanza, corredata di ampia documentazione fotografica, chiederemo di verificare le circostanze, d'intervenire con urgenza, di accertare e sanzionare le negligenze e di rivedere procedure adottate da quanti responsabili del controllo e delle operazioni di messa in sicurezza delle strade, sull'intero territorio provinciale.Il consigliere Giuseppe Mistretta

di Data: Giovedi, 26 aprile 2012

Articoli correlati

Salvo Pogliese non è cosa di fare il sindaco

di iena marco pitrella È la svolta a destra, troppo a destra, bellezza! Salvo Pogliese, è stato il “Sole24Ore” a dare la notizia, è risultato solo...

Parlamento esautorato

di Alberto Pasqua  La pubblicazione dal titolo “Parlamento esautorato - Degenerazione della democrazia” di Vito Pirrone, avvocato penalista, pubblicato sul Laos, ...