Liste e paradossi

MOTTA S.ANASTASIA, FESTA...DA FAVA AL CENTRO-DESTRA!

Politica   Sabato, 13 aprile 2019

UNO SGUARDO DISINCATATO ALLA LISTA DEL CANDIDATO DELLA SINISTRA “DURA E PURA”

“La rivoluzione in Italia non si può fare perché ci conosciamo tutti”: forse aveva davvero ragione Leo Longanesi. A guardare la politica siciliana, per non parlare di quella italiana, viene proprio da pensare che quella “freddura” del celebre polemista coglie nel segno.

A distanza di decenni. Succede, infatti, che a Motta Sant'Anastasia, comune della provincia di Catania si voti per il rinnovo del consiglio. A partecipare anche la lista di Danilo Festa, protagonista della battaglia contro la discarica al centro di anni e anni di scontri e polemiche nell'area fra lo stesso centro e Misterbianco. Non solo: Festa è politico che ha fatto della coerenza un “leit-motiv” delle sue campane elettorali, anche dentro quando era nel Pd.

Eppure, a leggere la lista di “Immagina”, che si appresta a condurre la battaglia per le elezioni, si nota una sorta di “colonizzazione” del centro-destra! Proprio così' la lista che fa riferimento a chi si è candidato nella lista “Cento Passi per la Sicilia” alle Regionali, insomma della “sinistra dura e pura” quella di Claudio Fava, è ricolma di persone che hanno una provenienza di centro-destra se non proprio di destra.

Insomma cosa ci fa Antonella Santagati nella lista di Festa? Si tratta di un candidato di estrazione di destra. Ma non è finita: venie da una storia di destra anche Matteo Gallone. Domenico Zuccarello, padre di Ivana Rosaria, anche lei in lista,è uomo di destra.

Ivan Pellegrino e Antonella Di Mauro hanno appoggiato alle scorse Regionali Alfio Papale di Forza Italia. Antonella di Mauro è altresì ottima amica di Nello Musumeci.

E che dire di Annalisa Puglisi, Carmelo Occhipinti e Mario Virgillito anche con loro con un'estrazione politica moderata (già nell'area ex Mpa-Articolo 4, poi pro Giuseppe Zitelli di Diventerà Bellissima alle Regionali)?

E non è finita perchè fra gli assessori designati c'è anche Angelo Di Dio, vicino all'avv. ed esponente già Mpa Gaetano Tafuri, come dire Raffaele Lombardo. Insomma, la “rivoluzione” della sinistra “dura e pura” sta per arrivare? O forse ha preso, quanto a coerenza....un “treno sbagliato”?

Iena Politica.

di iena politica Data: Sabato, 13 aprile 2019

Articoli correlati

Cronache siculopolitiche: ritorna Candido Munafò

Carissimo, ho avuto un sogno in cui mi sono ritrovato ad essere come lo scrivano del famoso romanzo che ripeteva continuamente a chi gli chiedeva di fare qualcosa “preferis...

Politica: Parco degli Iblei, le ragioni del "No"

Come da programma, ieri pomeriggio al civico 100 di via la Vittorio Emanuele, si tenuto l’incontro tra una delegazione del comitato spontaneo NO parco degli Iblei e l’a...