comunicato stampa

Catania "dissestata": stamattina sindacati in piazza, il sindaco Pogliese li incontra e...

Comunicati Stampa   Giovedi, 23 maggio 2019

Comune di Catania Ufficio Stampa 23. 05. 2019

Il sindaco incontra in piazza rappresentanti sindacali e lavoratori

Il sindaco Salvo Pogliese ha incontrato stamani, in piazza Duomo, i rappresentanti sindacali di Cgil-Cisl-Uil e Ugl che hanno guidato una manifestazione di protesta di lavoratori delle aziende partecipate, del Comune e delle cooperative sociali, per sollecitare il Governo nazionale a promuovere, con urgenza, interventi di sostegno per fronteggiare il dissesto economico finanziario dell’Ente.

Dopo avere ascoltato i segretari provinciali delle organizzazioni sindacali il sindaco ha detto:“Conduciamo insieme una battaglia affinché il governo e il parlamento nazionale adottino al più presto i provvedimenti necessari per ripartire. Come ho sottolineato nella lettera al presidente del consiglio Giuseppe Conte, quello che chiediamo non ha costi diretti per lo Stato, ma solo misure, anche temporanee, che ci consentano di approntare un bilancio stabilmente riequilibrato. Ho avuto anche modo di apprezzare - ha proseguito Pogliese - il vostro senso di responsabilità che finora ha impedito che la questione diventasse di ordine pubblico; ma è chiaro che occorre una svolta immediata per uscire da una situazione pesantissima che, come tutti sanno, abbiamo trovato al nostro insediamento e di cui nelle sedi competenti si dovranno accertare le responsabilità.

E’ importante continuare a rimanere uniti e sviluppare sinergie tra istituzioni e parti sociali per ammortizzare l’impatto del dissesto. Chiederò - ha aggiunto Pogliese - un incontro al capo del governo in tempi brevissimi e se necessario ci rivolgiamo anche al presidente della Repubblica, perché Catania deve rialzarsi. Tuttavia sono fiducioso che qualche provvedimento arriverà, almeno così mi è stato garantito dai rappresentanti del governo che ho incontrato in queste settimane. A questo proposito, anche per evitare inutili allarmismi, voglio chiarire, che gli stipendi del comune e delle partecipate, almeno dei prossimi due mesi, non verranno messi a rischio e anche su questo rimango fiducioso”.

Il sindaco ha anche incontrato direttamente, in piazza Duomo, gruppi di lavoratori delle partecipate e delle cooperative sociali e ha garantito che non verrà fatta “macelleria sociale” e che “in qualche modo verranno garantiti le spettanze e i posti di lavoro”.

---------------------------------------------------------------------------comunicato stampa congiunto del 23 maggio 2019 dall'ufficio stampa dell'Ugl

A Catania questa mattina sit - in  corteo  sindacati confederali e forze sociali per chiedere allo Stato di salvare il Comune dal default. "L'Italia si dimentica di noi, ma noi non dimentichiamo di essere italiani. Mattarella e Conte aiutino la città."

 

Tra le mani il tricolore ed una lettera, contenente un accorato appello, da recapitare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed al premier Giuseppe Conte. E' l'immagine simbolo del sit - in che si è tenuto questa mattina in piazza Duomo a Catania e del corteo per via Etnea fino alla Prefettura, dove i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Ufficio diocesano per le problematiche del lavoro, Agci, Cna, Confcooperative, Legacoop, Confimprese, Uneba, Unci ed Unicoop e le associazioni che rappresentano le famigli delle persone con disabilità hanno consegnato al prefetto Claudio Sammartino la missiva.
"La nostra città metropolitana già vive un pesante momento di crisi, soprattutto nei settori della grande distribuzione organizzata e dell'edilizia, che oggi è ancor più aggravava dal dissesto economico - finanziario del Comune che sta coinvolgendo altri comparti come quello dei dipendenti comunali, delle partecipate, delle cooperative sociali, del servizio di igiene urbana, del trasporto pubblico locale, della cultura, nonchè il contesto dei creditori, ma principalmente i cittadini con in testa le fasce più deboli - sottolineano le organizzazioni sindacali e sociali nella nota. Si sta per profilare un fallimento nel fallimento, una situazione esplosiva che rischia non solo di lasciare i cittadini senza soldi in tasca, ma anche di causare il blocco di quelle opere pubbliche del "Patto per Catania" che avrebbero contribuito a cambiare il volto del territorio.
Il Comune è chiamato certamente ad adottare tutte quelle misure necessarie per eliminare le spese superflue e aumentare la riscossione dei tributi, ma è anche vero che tutto questo non basta rispetto all'attuale emergenze, che solo con un aiuto fattivo di Stato e Regione si può superare, applicando appieno i principi di sussidiarietà e solidarietà contemplati dalla Costituzione. In piazza oggi abbiamo portato la nostra rabbia e quella dei lavoratori e cittadini catanesi - aggiungono Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli, Giovanni Musumeci, don Piero Sapienza, Silvana Strano, Floriana Franceschini, Luciano Ventura e Gaetano Mancini, Debora Colicchia, Giovanni Mirulla, Salvatore Caruso, Walter Bentivegna ed Eleonora Contarino - perchè più passano i giorni e più la "vertenza Catania" sembra quasi non interessare a nessuno. Ed è impensabile che il dramma che sta vivendo una delle più importanti aree metropolitane italiane possa diventare oggetto di scontro politico tale da tenere in ostaggio un'intera realtà.
L'Italia si è dimenticata di Catania, ma i catanesi non si dimenticano di essere italiani e, pertanto, in questa particolare giornata in cui cade l'anniversario della strade di Capaci, chiedono al presidente della Repubblica ed al presidente del Consiglio un urgente intervento per la salvezza della città." Intanto, durante il momento di protesta, il sindaco Salvo Pogliese ha incontrato i manifestanti assicurando che almeno fino al mese di luglio gli stipendi degli impiegati comunali e delle partecipate sono salvi, essendo state recuperate alcune risorse a ridosso dell'ultimo incontro avuto in prefettura, mentre da agosto senza alcun aiuto economico da parte delle istituzioni superiori si avrà il blocco totale dei pagamenti.

 

 

 

di ienesicule Data: Giovedi, 23 maggio 2019

Articoli correlati

Cronaca, Catania: corruzione Anas, arrestati tre funzionari addetti al...

Catania, 21 settembre 2019 Oggi, 21 settembre 2019, alle ore 10.30, presso la Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, alla presenza del Procuratore, dott. Carmelo Zuccar...

Cronaca, Catania, non si ferma all'alt investendo un carabiniere: rice...

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno denunciato un pregiudicato catanese di 25 anni, poiché ritenuto responsabile di resistenza pubblico uffici...