protagonisti dei nostri tempi

Alt! parla Enzo Bianco, il grillino piccolo, piccolo

Politica   Lunedi, 3 giugno 2019

 

di iena marco pitrella

Tanto si è rivelato Enzo Bianco, tanto così: più che un piddino, un grillino piccolo, piccolo.

Non s’è smentito, Bianco, nell’intervenire sulla vicenda della telefonata fra Giovanni Grasso, candidato sindaco pentastellato, e Roberto Bonaccorsi, attuale vice sindaco di Catania. La sanno tutti, ormai, la faccenda: registrata da Grasso, la telefonata, è finita nella chat del M5S. Parlavano di Lidia Adorno, consigliere comunale del M5S: “O ci date aiuto… perché lei non capisce… bidella…”, diceva Grasso. “Ci voli u coppu giustu”, rispondeva Bonaccorso.

Che fra Grasso e Bonaccorsi fosse una conversazione privata va da sé, e tale doveva restare: ma quando quel che è privato è sacrificato sull’altare della pubblica virtù… ecco il risultato.

Poi, a volerla dire tutta, pubblicata per pubblicata, ciò che della telefonata avrebbe dovuto far notizia è quanto detto da Grasso a proposito della Catalfo, la Nunzia senatrice del M5S: “noi dovremmo cercare di avere un dialogo, mi diceva la Catalfo, noi dobbiamo collaborarevorrebbe incontrare Pogliese”.

Quindi, sentendo Grasso, persino la Catalfo farebbe politica – “avere un dialogo… incontrare Pogliese -”, invece Bianco un grillino piccolo, piccolo si è rivelato.

Il 30 maggio, con un post sul suo profilo facebook, esprimeva solidarietà alla Adorno, definendola “vittima di una aggressione verbale violenta e inaccettabile da parte del vice sindaco Bonaccorsi e del consigliere Grasso. Tanta la stima che Bianco ha manifestato – “tira avanti diritto come hai dimostrato di saper fare” – che nell’hashtag Lidia Adorno è diventata Luisa Adorno.

Il 2 giugno, in un’intervista a “Live Sicilia”, rincarava: “L'ultima vicenda, la telefonata tra il vicesindaco e il consigliere comunale ed ex candidato sindaco dei 5 Stelle, è assai grave.

Puntale, non poteva certo mancare, il j’accuse di sessismo: “Un discorso triviale da bar, senza contare che le parole irrispettose erano riferite ad una donna a cui va espressa solidarietà”.

Infine, “il vice sindaco e il consigliere dovrebbero fare un passo indietro”.

Di-mi-ssio-ni!di-mi-ssio-ni!di-mi-ssio-ni! dunque, secondo il grillino piccolo, piccolo.

Del resto, mentre la politica, dai deputati ai senatori, passando per i gruppi consiliari, si è indignata per quel che ha detto Mario Michele Giarrusso - “Pogliese non si presenti a chiedere un euro, non gli sarà dato” –, Bianco ancora non ha proferito parola. Zitto, zitto… pardon, piccolo, piccolo; o, piuttosto, un perfetto grillino.

 

 

 

 

 

 

di iena marco pitrella Data: Lunedi, 3 giugno 2019

Articoli correlati

Catania Trombona: liturgie antifasciste

di Marco Iacona Semu tutti antifascisti, tutti? Cittadini, evviva Porta San Paolo. Catania la bulla, ospita un festival del libro e della cultura e lo dedica – se gli organi...

Comitato festeggiamenti agatini: finisce l' "Era Marano-Bianco". Noi l...

Ricordate? Ne abbiamo scritto in diverse occasioni, vedi link https://www.ienesiciliane.it/articolo.php?aid=6703 qui sotto un passaggio dell'articolo "...Al suo posto spicca...