comunicato stampa dell'istituto per la cultura siciliana

Editoria: venerdì presentazione libro "I falchi nella Catania fuorilegge"

Comunicati Stampa   Mercoledi, 5 giugno 2019

Venerdì 9 giugno, alle ore 9.30 nella Sala delle Armi del Castello Ursino presentazione del libro di Pino Vono “I FALCHI NELLA CATANIA FUORILEGGE”, pubblicato dalla Mare Nostrum Edizioni.

Prendono parte all’incontro, presente l’Autore, Luigi Asero, Presidente Istituto per la Cultura Siciliana, Salvo Barbagallo, Direttore del quotidiano La Voce dell’Isola, Laura Distefano, Giornalista LiveSicilia Catania, Fabio Failla, Dirigente Generale della Polizia di Stato, Giuseppe Lipera, Avvocato Penalista.

I FALCHI

Catania che nell’immediato dopoguerra era stata definita la “Milano del Sud” per la grande capacità di ripresa economica che aveva dimostrato dopo le vicissitudini belliche, Anni Settanta, e Anni Ottanta il capoluogo etneo si era trasformato nella “Chicago del Sud”, come la definì un settimanale dell’epoca. Scippi e rapine alla media di trenta/quaranta al giorno, oltre venti omicidi all’anno consuntivo delle lotte fra bande criminali. Nel capoluogo insicurezza nella collettività, quasi un clima di terrore per i continui e sanguinosi conflitti a fuoco nei principali quartieri a rischio. Una situazione insostenibile alla quale pose un freno nel 1974 il questore Emanuele De Francesco creando una nuova sezione della Squadra Mobile, la Squadra Antirapina preposta esclusivamente alla repressione dei crimini di strada, e con lo specifico ruolo di pronto intervento e controllo del territorio. La Squadra venne denominata “I Falchi”, e nella città e nell’hinterland divennero ben presto noti per il loro deciso modo di agire, che non lasciava scampo ai malviventi.

Il modus operandi dei “Falchi” dette i suoi frutti e la speciale sezione della Squadra Mobile venne istituita anche in altre città, come Palermo, Napoli, Bari, Taranto, Cagliari, Roma, Milano e Foggia. 

I “Falchi” indossavano abiti civili e si muovevano su veloci motociclette, dopo un rigoroso addestramento, facendo uso delle armi a seconda delle necessità che si presentavano. La sezione della Squadra Mobile operò fino al settembre del 2008 inquadrata in seno all'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Polizia di Stato e in seguito venne inquadrata nella sezione "Criminalità Diffusa".

Gli anni della Catania rovente, della Catania che viveva sotto il ricatto della criminalità e della mafia vengono ora raccontati in prima persona da uno dei protagonisti di quelle stagioni di sangue, dal “Falco” Pino Vono, oggi funzionario di PS in pensione, nel libro “I Falchi nella Catania fuorilegge”. Per quanti hanno vissuto quel travagliato periodo la narrazione di Pino Vono sarà un riportare alla memoria episodi dimenticati dei quali sconoscevano realtà drammatiche; per i giovani una “scoperta” che potrà far comprendere le trasformazioni sociali e criminali che Catania ha avuto nel corso dei decenni, sino ad oggi. Un modo efficace, magari per scoprire le radici del malessere che la città ha subito.

 

 

di ienesicule Data: Mercoledi, 5 giugno 2019

Articoli correlati

Camera Commercio Sud Est: alle 10,15 conferenza stampa sul Piano degli...

Camera di Commercio Sud Est Sicilia Comunicato stampa    (nella foto il Presidente Pietro Agen) Il Piano degli Investimenti triennali della Camera di Commercio Sud Es...

Giunta Pogliese approva progetto esecutivo lavori potenziamento linea ...

Comune di Catania Ufficio Stampa 26.06.2019 La linea veloce dell’Amt del BRT1 (Bus Rapid Transit) che connette il parcheggio Due Obelischi con il centro cittadino, sar&...