comunicato stampa sindacale

Caso Catania, Cisl: i dati da incubo della scuola e del lavoro negati

Comunicati Stampa   Domenica, 8 settembre 2019

(Nella foto, da sin. Pagliarisi e Attanasio)

ncontro per la 4a giornata nazionale Rsu e delegati

SCUOLA, A CATANIA DISPERSIONE SCOLASTICA E DISOCCUPAZIONE INTERCONNESSE

Abbandono scolastico al 38% e tasso di disoccupazione più alto rispetto alla media isolana  

Catania, 7 settembre 2019 - Dispersione scolastica al 38%, tasso di disoccupazione vicino al 24% e saldo migratorio a +525. Sono i dati della provincia di Catania analizzati nel corso della 4° giornata nazionale delle Rsu e delegati della Cisl Scuola Catania, che si è svolta giovedì scorso.

A discuterne, assieme ai temi della formazione degli insegnanti, della loro sicurezza e dei problemi complessivi di quella che viene definita ormai la “comunità educante”, i componenti delle rappresentanze sindacali unitarie degli istituti scolastici catanesi e i delegati sindacali, alla presenza dei segretari generali provinciali Maurizio Attanasio (Cisl) e Ferdinando Pagliarisi (Cisl Scuola).

«Abbiamo voluto mettere a confronto questi dati – spiega Pagliarisi – perché in altre sedi economiche, sociali e sindacali si è parlato di desertificazione economica e sociale, collasso della struttura sociale, osservato da W. J. Wilson negli anni ’80. Il sociologo, studiando la realtà americana, aveva rilevato come gli alti tassi di disoccupazione, ufficiali e di partecipazione non attiva, influenzassero negativamente la famiglia e la società».

 I dati Istat del IV trimestre del 2018 sulla disoccupazione dicono che, se per la Sicilia il tasso di disoccupazione è in media al 22%, in particolar modo a Catania l’aumento del tasso è stato di 1,6.

La dispersione scolastica supera il 38%, a fronte di 3.130 alunni di 16 anni (l’assolvimento dell’obbligo formativo) e di 3.255 di 18 anni.

Altro dato significativo è quello sul flusso migratorio: gli ultimi dati sul numero di residenti è di 311.584, il flusso migratorio è pari a 6.719 per altri comuni e di 850 per l’estero con un saldo migratorio totale pari a +525.

L'occupazione regolarizza gli aspetti della vita quotidiana. Una disoccupazione persistente e una occupazione irregolare ostacolano la pianificazione razionale nella vita quotidiana. La perdita di posti di lavoro e la necessità di trovare un posto di lavoro lasciando la propria città non può e non deve esser vista come un atto dovuto normale e sempre giustificato ma come un mettere in crisi un sistema familiare, sociale ed economico.

«Nel momento in cui devi cambiare città e regione per lavoro – afferma Pagliarisi – depauperizzi la città che lasci (i soldi che guadagni li spendi altrove) e, com’è naturale che sia, portando con te famiglia e figli impoverisci la società mettendone a rischio una crescita culturale e professionale. Un rientro dei lavoratori siciliani con le loro famiglie e un deciso miglioramento delle politiche scolastiche e formative non sono più procrastinabili».

«Attendiamo segnali dal nuovo governo – dice Attanasio – anche se ci pare utopistico pensare che per la scuolaitaliana ci siano i due miliardi annunciati dal nuovo ministro. Certo è però, che contro la dispersione scolastica occorre investire, specialmente a Catania, magari facendo incontrare il bisogno delle famiglie con l’offerta di programmi credibili e spendibili contro l’abbandono e progetti seri di alternanza scuola-lavoro. La coesione sociale passa anche da politiche scolastiche adeguate e concrete».

 

 

di ienesicule Data: Domenica, 8 settembre 2019

Articoli correlati

Nello Musumeci: "Anas è parte del sistema malato"

“Ripeto quello che ho detto per mesi e vorrò ribadirlo, alla prima occasione, anche al presidente Conte. Per la Sicilia le infrastrutture statali (cioè tu...

Giudiziaria, Catania: GdF arresta tre dipendenti Anas accusati di corr...

Su richiesta di questa Procura distrettuale della Repubblica il G.I.P. del Tribunale di Catania ha convalidato in data 20 c.m. gli arresti in flagranza di reato operati dai Finanzi...