Catania-Palermo= 2 a 0. I rossazzurri dominano il derby e conquistano la leadership siciliana


Pubblicato il 18 Dicembre 2011

di iena sportiva

Il panettone portato da mister Mangia, in occasione della conferenza stampa nel pre derby, è risultato indigesto per i rosanero che incassano la seconda sconfitta consecutiva e la quinta nei derby contro il Catania. Il Palermo arriva a Catania con qualche defezione e lascia in panchina Pinilla, non ancora al meglio, puntando in avanti sul duo Miccoli-Ilicic. Nel Catania, a sorpresa, Gomez e Barrientos partono per la prima volta dall’inizio assieme. Davanti a loro Maxi Lopez.

Partita immediatamente intensissima, ritmi frenetici con il Catania che parte subito deciso e determinato e, intorno alla mezzora, passa con merito. Barrientos semina un paio di avversari, Della Rocca per fermarlo deve stenderlo e dai trenta metri il solito Lodi su punizione non perdona con un tiro che s’infila all’incrocio dei pali: imprendibile per Benussi! Troppo timida la reazione del Palermo, il Catania continua a macinare e l’ex Silvestre è chiamato ad una prestazione importante per arginare i danni. Il Raddoppio dei rossazzurri è solo rinviato alla seconda metà di gara.

Dagli spogliatoi non torna Miccoli e Mangia mette dentro Pinilla con l’intento di dare nuovi stimoli al reparto offensivo palermitano. Nella ripresa la partita è più maschia, la tensione e la paura di perdere offrono azioni più spezzettate. Almiron è incontenibile e il Catania è sempre più determinato dei “cugini” palermitani e così non passano neanche sedici minuti che Maxi Lopez si avventa su uno spiovente dalla destra. Silvestre non ce lo fa arrivare bloccandolo prima che possa impattare la sfera: calcio di rigore nettissimo nonostante le proteste dei rosanero !

Dal dischetto si presenta lo stesso Maxi Lopez che trafigge Benussi e porta il Catania sul due a zero. Il Palermo si spegne quasi del tutto se non fosse per il solo Ilicic che stenta a gettare la spugna. Il match si fa più cattivo, arriva qualche ammonizione ma il senso della partita non cambia.

Maxi Lopez esce tra le lacrime. Che sia stata l’ultima apparizione del bomber biondo davanti al pubblico del Massimino? Tutto lascia presagire di sì, tanto che Montella lo toglie al 67′ per Bergessio quasi a volerlo preservare concedendogli al contempo il saluto dei tifosi. Lui piange mentre lascia il rettangolo di gioco, una conferma del vicino addio? Si parla di un interesse del Milan di Allegri da diversi mesi.

Dopo quattro minuti di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi. Risultato giusto e Catania leader delle squadre siciliane grazie al sorpasso ai danni del Palermo.

CATANIA-PALERMO: 2-0 (1-0)

Reti: 32′ Lodi (C); 61′ Maxi Lopez (C)CATANIA: Andujar; Legrottaglie, Bellusci, Alvarez P., Lodi, Almiron (75′ Sciacca), Delvecchio, Marchese; Barrientos (80′ Ricchiuti), Gomez, Maxi Lopez (67′ Bergessio).PALERMO: Benussi, Mantovani (64′ Varela), Silvestre, Balzaretti, Migliaccio,Della Rocca, Barreto; Bertolo, Alvarez A. (83′ Budan), Ilicic, Miccoli (46′ Pinilla).


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]