Chi Siamo


ATTENZIONE! UN GRUPPO DI IENE DATTILOGRAFE E’ IN AGGUATO…

Benvenuti in questo spazio web che nasce con lo scopo di consentire a chiunque -ad esclusione degli anonimi- di fornire una visione diversa, naturalmente sostenendo le proprie tesi con logica e continenza nell’espressione, di alcuni fatti della vita politica, sociale, sportiva e giudiziaria a cui, secondo l’autore del post, sarebbe stata data una lettura superficiale o, perché no, lontana dalla realtà.

Non a caso abbiamo scelto di chiamare “ienesiciliane” questo portale, proprio perché le iene sono considerate comunemente gli spazzini della savana, le principali divoratrici dei cadaveri dei grandi animali abbattuti dai predatori. Bene, noi faremo altrettanto con le “carcasse” di alcune notizie “abbattute” troppo velocemente da chi non aveva alcun interesse ad approfondirle. Per non parlare poi delle notizie “fantasma”, quelle occultate.

Cercheremo di divertirvi anche con dei fotomontaggi di pura satira, spesso rievocanti credenze popolari o vicende più o meno note o addirittura paradossali, che troverete sia tra gli articoli che all’interno della rubrica “ci n’è ppi tutti…”.
La nostra redazione è composta da un branco di iene, tra i nostri più apprezzati collaboratori troverete iena ridens, iena striata, iena maculata, iena bruna, iena politica, iena giudiziaria, iena nera e iena sportiva.

Chiunque volesse contribuire può scriverci o inviarci documenti all’indirizzo di posta ienesicule@gmail.com
Buona lettura! Marco Benanti (Direttore responsabile)

Quotidiano telematico, Reg. N. 18/2011 presso il Tribunale di Catania
Direttore responsabile Marco Benanti


Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]