Elezioni regionali, Cancelleri (m5stelle) l’ “escluso”: “I partiti sono morti. Hanno paura di noi. Abbiamo portato un mazzo di fiori al cimitero!”


Pubblicato il 19 Settembre 2012

Intervista al candidato dei “grillini” (nella foto) che racconta la giornata di ieri. Niente confronto in tivvù. E tanto altro ancora sulla crisi e il “sistema dei partiti che si difende”…Di iena politica Marco BenantiGiancarlo Cancelleri, ieri lei è stato escluso dalla trasmissione “Tiro Incrociato”, il confronto fra i candidati alla presidenza della Regione Sicilia. Come l’ha saputo?“Mi hanno invitato all’incirca dieci giorni, una settimana fa. Mi hanno invitato. Ho parlato con la direttrice di Antenna Sicilia, la signora Giuffrida. Telefonicamente. Poi hanno chiamato il nostro ufficio stampa, hanno voluto il numero di telefono, mio personale, perché voleva parlarmi in merito all’incontro.”Che cosa è successo?“Due giorni fa, a meno di 24 ore dalla registrazione della trasmissione, di sera, mi chiamano di nuovo, sempre di nuovo la direttrice, per dirmi che in seguito alla direttiva dell’Agcom non eravamo più invitati, perché davano seguito a questa direttiva, per cui non ci invitavamo più”.Cosa ha risposto?“Io ero abbastanza indignato. Ho detto: questa è la morte della democrazia, la morte della deontologia dei giornalisti perché non puoi escludere dal dibattito una parte dei candidati”.A quel punto?“A quel punto, noi abbiamo organizzato la giornata di martedì con gli incontri pubblici in tutta la città di Catania. E niente, venti minuti prima della trasmissione di sento richiamare di nuovo, di nuovo dalla direttrice, che mi invita di nuovo, dicendomi ‘sa, mi scuso per quello che ho detto ieri, è di nuovo invitato, lei può venire’. A quel punto io ho detto: ‘guardi non so se vengo, perché ho degli impegni già presi, se riesco a disdirli, se mi va di disdirli’…”Sul palco, la direttrice di Antenna Sicilia e conduttrice della trasmissione ha detto all’inizio che attendeva il suo arrivo…“Ecco lei aspettava, ma ovviamente io non sono mai andato, anche perché abbiamo avuto degli incontri bellissimi in strada con i cittadini”.Ma perché non tornare indietro e presentarsi?“Non ci possono trattare come bambini, ci trattano come una forza politica fatta di ragazzini, noi siamo persone adulte”.Ma la giornalista ha rispettato la legalità…“L’avrà rispettata, io rispetto anche il suo lavoro, non ne condivido ovviamente i metodi, né quelli di Antenna Sicilia, né quelli delle aziende di Ciancio, né tanto meno l’Agcom che è un organo interno ai partiti…”Era accaduto in passato una cosa del genere, analoga in qualche modo?“Una roba del genere, a Cefalù, dove anche lì l’organizzazione aveva tenuto fuori il ‘movimento cinque stelle’, aveva invitato soltanto i candidati di partito”.Con quale motivazione?“Che avevano invitato soltanto gli onorevoli, per cui io non sono un onorevole”.Sei non sei onorevole non sei invitato?“Purtroppo, i partiti non hanno capito che hanno veramente finito le ‘cartucce’, non hanno più appeal fra la gente, per cui cercano di escluderci nei confronti pubblici, perché sanno che se parlano da un palco ad una platea insieme da noi la gente capisce subito qual’è la differenza anche nel linguaggio”.Questa vicenda, in qualche maniera, avrà strascichi? Farete qualcosa, non so un esposto…“No, non faremo nessun esposto, non perdiamo tempo, siamo in campagna elettorale, noi stiamo promuovendo il nostro programma. Noi ieri abbiamo già fatto quello che dovevamo fare. I partiti sono morti, perché hanno paura di noi. Allora, i partiti sono morti, cosa si fa con i morti? Ci si portano i fiori. Siamo davanti al cimitero di Catania a deporre un mazzo di garofani ai partiti che sono morti”.C’è una tomba, cosa c’è…“No, li abbiamo portati al cimitero, facendo un video, lo potete trovare su internet”.

La giornalista ha fatto il suo dovere, facendo rispettare una norma, una disposizione no? Non era obbligata a farlo? E’ un obbligo o una facoltà?“Hanno rispettato l’obbligo di invitare i partiti e hanno ovviamente in maniera arbitraria non invitato noi”Ha seguito la trasmissione?“Ho seguito i commenti dei cittadini su internet, sui social network. La trasmissione non l’ho vista assolutamente, non perdevo tempo. Ieri abbiamo avuto un incontro bellissimo, è durato fino alle 11”.I cittadini che dicevano della trasmissione?“Che faceva schifo. Che non hanno parlato di niente. Che sono ridicoli”.Prossimo appuntamento…“Stasera a Paternò”E non la faranno entrare?“No, no, prossimo appuntamento mio, del ‘movimento cinque stelle’? Abbiamo un incontro pubblico a Paternò, stasera, in pubblica piazza. Per quanto riguarda appuntamenti come la trasmissione di ieri, non lo so, non mi pare che ce ne siamo in previsione degli altri come confronti”.Ma voi forse avete una visione un pò complottista, può darsi che si è trattato solo di una norma…“Ma noi, infatti, non ci stiamo lamentando assolutamente.”Diranno forse che siete dei complottisti…“DI fatto c’è semplicemente un discorso: ci invitano, poi disdicono l’invito, poi venti minuti prima mi invitano. Siamo dei bambini? No, siamo delle persone adulte, siamo un movimento politico serio, siamo il secondo movimento politico in Italia e farci trattare a pesci in faccia sinceramente non ci piace. Per cui prendono le loro decisioni? Disdicono gli inviti? A venti minuti.. io non ti invito a casa mia poi a venti minuti prima di una cena ti richiamo e ti dico: ‘guarda, se vuoi puoi venire’.E’ un po’ offensivo nei tuoi confronti. Noi l’abbiamo presa come tale e siccome non siamo dei bambini e non abbiamo bisogno dei 15 minuti di gloria, non abbiamo bisogno della televisione, non ci siamo andati, è la televisione che ha bisogno di noi”

A proposito, il famoso Carlo Freccero, in tivvù, di recente ha paventato un qualche vostro legame con centri di potere internaizonale, a sfondo massonico o giù di lì..“Freccero vive in un mondo parallelo. Sì, Freccero ha detto che il male nel mondo è il Bilderberg e che il ‘movimento cinque stelle’ è una diramazione del Bilderberg che combatte sé stesso, per dare ai cittadini la parvenza che il sistema si combatte”.

A questo punto, immagino che truccherete anche le elezioni?“Ovviamente è una tesi che non si regge in piedi, siamo cittadini normali. Chiameremo il 28 ottobre i cittadini a fare il servizio per evitare che i soliti partiti vadano a fare campagna elettorale davanti ai seggi, perché non si può fare, è illegale. Poi chiameremo le persone che daranno la disponibilità per fare il rappresentante di lista perché ovviamente dobbiamo cercare di non farci annullare voti. Il sistema dei partiti si difenderà in tutti i modi e noi cercheremo di prenderci il nostro, se vinceremo vogliamo vincere onestamente o comunque in ogni caso entrare in Parlamento regionale, con i voti, in maniera ovviamente onesta “.

Ultima domanda: favorevoli o contrari al rigassificatore di Melilli?“Assolutamente contrari”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Al Leonardo Da Vinci (ore 18,30) sarà ospite il Basket Giarre. (foto di Romano Lazzara) Al via, in questo weekend, i play-off della Serie C Unica di basket maschile. Al Leonardo Da Vinci, domani (palla a due alle ore 18,30), l’Alfa Basket Catania riceverà la visita del Basket Giarre per gara 1. In casa rossazzurra […]

2 min

comunicato stampa dalla Polizia di Stato Nel corso della notte, sono giunte presso il 112 NUE diverse chiamate da parte di dipendenti dell’AMT, che hanno riferito che un loro collega – in escandescenza – imbracciando un fucile e minacciando i presenti, aveva impedito loro di entrare nel deposito aziendale, ubicato nella XIII Strada della Zona […]

2 min

COMUNICATO STAMPA Di fronte ad una Sala Pinella Musmeci gremita in ogni ordine di spazio, si è tenuto ieri pomeriggio ad Acireale un interessante convegno organizzato dall’Associazione Forense Acese su un tema di stretta attualità che costituisce, per come ci confermano le cronache, un fenomeno sociale da attenzionare ed affrontare con sempre più consapevolezza “La […]