Mobilitazione nazionale di boicottaggio contro TEVA, presidio a Catania


Pubblicato il 10 Febbraio 2024

riceviamo e pubblichiamo:

“In occasione delle tre giornate (9-10-11 febbraio) di mobilitazione nazionale contro la multinazionale del farmaco TEVA oggi pomeriggio si è tenuto un presidio in via Etnea, angolo viale Regina Margherita, nei pressi di una nota farmacia, indetto dalla rete Catanesi Solidali Con Il Popolo Palestinese che riunisce partiti, movimenti, associazioni della sinistra radicale, e i sindacati di base Cobas e Usb.
Perché boicottare la TEVA?
TEVA è una multinazionale israeliana, la più grande produttrice di farmaci generici al mondo. TEVA sfrutta il mercato Palestinese vincolato e detiene quasi il monopolio dei farmaci generici distribuiti nelle farmacie italiane.
“La campagna BDS (Boicottaggio- Disinvestimento-Sanzioni)- spiegano i vari interventi al megafono- indica in TEVA un obiettivo su cui fare pressione internazionale affinché le aziende e i consumatori smettano di sostenere il regime di apartheid israeliano imposto al popolo palestinese”.
Prossima iniziativa per il 23 febbraio, in occasione dello sciopero generale nazionale proclamata da tre organizzazioni palestinesi presenti in Italia.
A Catania, nel pomeriggio, è previsto un corteo con la partecipazione della comunità araba “etnea”. “


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]