Politica, crisi Cmc, Barbagallo (Pd): scenario preoccupante, grave disinteresse del governo regionale


Pubblicato il 17 Gennaio 2019

“La crisi della CMC rischia di determinare uno scenario pesantissimo sul piano del completamento delle infrastrutture viarie in Sicilia e sul piano economico ed occupazionale. A rendere ancora più preoccupante la situazione è il disinteresse del governo regionale”. Lo dice Anthony Barbagallo, parlamentare regionale del PD e componente della commissione Ambiente e Mobilità all’Ars dove oggi si è discusso della crisi della CMC, impresa che ha in appalto importanti opere pubbliche in particolare sulla Palermo-Agrigento e sulla Agrigento-Caltanissetta.

 
“Nessun rappresentante della giunta regionale si è presentato alla riunione della commissione – prosegue Barbagallo – e non si comprende quali iniziative il governo intenda mettere in atto”.

“Il PD – conclude Barbagallo – si impegna a farsi parte attiva, insieme con i sindaci del territorio ed i rappresentanti sindacali e delle imprese, per evitare la risoluzione contrattuale. Bisogna assicurare il completamento delle opere pubbliche, tutelare i lavoratori e garantire sostegno alle realtà imprenditoriali locali, che non possono vedere vanificati anni di sacrifici”.

giovedì 17 gennaio 2019.
 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]