‘Voto di scambio’, Raffaele Lombardo non trattiene la risata alla domanda di Antonio Condorelli: “Presidente il Pdl pagava bene, pare…”


Pubblicato il 25 Maggio 2012

di iena politica

Il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, a margine dell’udienza per reato elettorale, esprime soddisfazione e, riferendosi alle dichiarazioni appena rese dal pentito Gaetano D’Aquino, sottolinea:”Il castello di carte è crollato alla nostra domanda di indicare uno solo, dico uno solo, degli affari che si sarebbero conclusi a seguito del mio intervento. Niente di niente, questo pentito non è stato in grado di indicare un solo episodio che mi ha visto protagonista. Anzi, l’unica cosa concreta a cui ha fatto riferimento il collaboratore di Giustizia è quella relativa alla gestione del bingo di piazza Alcalà: bene è giunta l’ora che si vada a vedere chi c’è dietro a tale attività!”

D’Aquino ha anche detto in Aula che il neo sindaco del Pdl, fino a ieri nella giunta provinciale di Giuseppe Castiglione, avrebbe sborsato ben 120mila euro al clan Sciuto-Tigna per garantirsi voti per le elezioni regionali del 2008 nelle quali era candidato risultanto primo dei non eletti con 8.835 preferenze. Sulla vicenda è il giornalista Antonio Condorelli a imbeccare il governatore con una domanda tra il serio e l’ironico:”Presidente il Pdl pagava bene, pare, e lei no…”, domanda alla quale il presidente riesce a rispondere solo dopo una risata:”nè soldi, né favori né affari, niente di niente. Si consolida l’idea di questa mafia benefattrice dei poveri e dei diseredati…”


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]