Aeroporto di Catania. Lo scalo deve chiudere per un mese, dopo la vicenda Wind Jet ancora disagi in vista per i siciliani


Pubblicato il 11 Settembre 2012

di iena aeroportuale

C’è il rischio di forti disagi per i siciliani se l’aeroporto Fontanarossa dovesse chiudere per un mese senza aver individuato delle valide alternative. Il 2012 sarà difficilmente dimenticato dai siciliani che viaggiano in aereo: prima i disservizi legati alla situazione della compagnia low cost Wind Jet, adesso la chiusura per un mese dello scalo etneo.

La chiusura dell’aeroporto Fontanarossa di Catania è infatti prevista, per un mese, a partire dal prossimo 5 novembre. Il sito sarà interessato da lavori di adeguamento e riqualificazione dell’Air Slide, un appalto aggiudicato da un gruppo d’imprese tra cui il consorzio stabile “Valori Scarl” di Roma e le aziende catanesi “Cogip Spa” e Ing. Pavesi & C”. La base d’asta dell’appalto era di oltre trenta milioni di euro, ma l’Ati sopracitata se l’è aggiudicato a quasi 20milioni, con un ribasso dell’oltre il 33%. I lavori rientrano nel contratto di programma stipulato tra la Sac e l’Enac e il primo passo sarà appunto la riqualificazione della pista con il rifacimento della pavimentazione e delle sue fondamenta vecchie di oltre 50 anni.

Il vero problema è l’alternativa. Su Sigonella non ci sarebbe la disponibilità da parte dell’Amministrazione militare italiana, anche se si spera ancora che il ministro dei trasporti Passera riesca a far cambiare idea alla Difesa. In ogni caso Sigonella potrebbe assorbire molto meno della metà del traffico aereo catanese e quindi da sola sarebbe sempre insufficiente. Qualcuno aveva proposto il vicino aeroporto di Comiso, tanto pubblicizzato e anche inaugurato, ma ancora Comiso non sarebbe in condizione di essere operativo. Rimanendo così la situazione, il traffico aereo dell’aeroporto di Catania per un mese, dal 5 novembre al 5 dicembre, potrebbe essere “dirottato” su Palermo o Reggio Calabria (quest’ultimo scalo richiede però la presenza di piloti con uno specifico addestramento possedendo una pista con un accesso reso difficoltoso dalla presenza degli argini che contengono un torrente che attraversa l’area in prossimità dello scalo).


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]