“Caso consultorio”, interviene Osservatorio Nazionale sulla Pubblica Amministrazione


Pubblicato il 12 Febbraio 2024

COMUNICATO

“Immobili della Biblioteca di via Gallo: l’Osservatorio chiede di accertare la

legittimità legale e sanitaria del “poliambulatorio ASP” che occupava

abusivamente parte dei locali in questione. L’Osservatorio Nazionale sulla Pubblica Amministrazione, grazie alle denunzie del quale sono stati sgomberati dagli occupanti abusivi i locali delle Biblioteche Riunite

Civica e Ursino Recupero di via Gallo, sull’argomento non intende fermarsi e pone

all’attenzione formale delle autorità preposte e dell’opinione pubblica un’altra

questione assai delicata. Si tratta, in particolare, della presenza, anch’essa abusiva, nei medesimi locali, di un

“Poliambulatorio ASP (Azienda Sanitaria Popolare)”.

A giudizio del presidente dell’Osservatorio, l’avv. Vito Pirrone, che ha inoltrato un

dettagliato esposto in merito all’ASL (Azienda Sanitaria Locale) di Catania, lo

svolgimento di attività sanitarie nel sito in questione, come dichiarato dagli

occupanti in diverse interviste pubblicate dalla stampa locale, costituirebbe una

tripla violazione di legge: la prima per l’occupazione abusiva, la seconda per il

probabile furto di energia elettrica ed acqua, e la terza per lo svolgimento di attività

sanitarie prive delle necessarie autorizzazioni, delle attrezzature sanitarie previste, del

personale e della titolarità medica della struttura, che non risulterebbe disporre di un

direttore sanitario responsabile. Per Pirrone, infine, “è gravemente fuorviante

l’apposizione nella targa della struttura in questione, della sigla “ASP”, la stessa

adoperata da varie strutture socio-sanitarie pubbliche ufficiali, ma utilizzata anche dal

sedicente “poliambulatorio” in questione.

“Prima di stabilire che uso fare della ex casa del Barone Ursino”, ha detto in merito

l’avv. Pirrone, “le autorità preposte dovrebbero accertare la presenza o meno delle

varie violazioni del codice penale, in parte citate nell’ esposto, e soprattutto verificare

se la Biblioteca avesse già destinato quei locali ad usi meramente bibliotecari, come

pare abbia espressamente indicato il donatore al momento del lascito”.

“Mi auguro”, ha concluso Pirrone, “che l’Amministrazione Comunale di Catania e gli

organi della Biblioteca, che è l’unica titolare della proprietà dell’immobile di via

Gallo, non vogliano rendersi complici di illegalità, né vogliano determinarne, a loro

volta, di altre, anche se solo per la scarsa o incompleta conoscenza dei fatti reali”. “


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

riceviamo e pubblichiamo: Alla fine del mese di novembre del 2020 il quartiere Santa Maria Goretti – costruito nel 1957 sotto il livello stradale – è stato praticamente investito da un ciclone e sommerso dalle torrenziali acque piovane. Ad oggi il problema degli allagamenti, diventato nel frattempo anche una questione abitativa, non è stato risolto.Nel […]

1 min

Quella che è stata chiamata “Primavera di Catania” (1993-1999) sembrava aver avviato un virtuoso percorso di rinascita che, alla svolta del nuovo secolo, sembrò interrompersi: la città ripiombò in quel degrado dal quale non pare potersi ancora liberare e che è stato simboleggiato dalle strade al buio dell’amministrazione Scapagnini. Come è potuto succedere? Paolino Maniscalco, […]

2 min

comunicato stampa Catania, 25 febbraio 2024 – Quando non si riesce a maneggiare un concetto è meglio lasciarlo da parte. Difficile cogliere il senso della ‘due-giorni’ di Fratelli d’Italia a Catania, pomposamente definita ‘Patrioti in Comune’. Che cosa vuol dire esattamente? Che i ‘Fratelli d’Italia’ sono gli unici patrioti in Comune? Solo a Catania, o […]

2 min

A 120 anni dalla morte di Giorgio La Pira domani sera, alle ore 19, nella sala teatro della parrocchia di San Matteo a Trepunti, frazione di Giarre, si terrà un incontro culturale dedicato alla figura del politico e giurista. “Giorgio La Pira, un politico nuovo. A 120 anni dalla nascita”, organizzato dall’associazione culturale ‘Nuove Idee’ […]