Catania città più pericolosa d’Italia, Marano (M5S): “Risultato indagine Numbeo faccia riflettere chi ha responsabilità amministrative”


Pubblicato il 22 Luglio 2022

“Gli esiti dell’indagine Numbeo sulla pericolosità criminale di Catania sono sconcertanti e danno alla città un triste, ed ennesimo, primato negativo in Italia. Questo risultato dovrebbe far riflettere chi ha responsabilità amministrative: il Comune gestito da Pogliese, sospeso da tempo immemore, non ha mai fatto nulla per invertire la tendenza scoraggiando così investitori e turisti nonché facendo vivere nel degrado i cittadini”.
Così la deputata regionale del M5S Jose Marano in merito ai risultati dell’indagine Numbeo che ha visto la città di Catania quinta in Europa per pericolosità criminale percepita.
“L’allarme lo avevo lanciato da tempo immemore dopo i fatti, gravi, della malamovida – dice Marano – e delle sparatorie e risse all’esterno dei locali. Adesso il livello di guardia è stato ampiamente superato e i cittadini non sanno a chi rivolgersi: “Il sindaco è sospeso, mesi fa abbiamo chiesto tutti a gran voce di dimettersi come atto di responsabilità nei confronti della città e non lo ha fatto, lasciando la città nel limbo, non consentendo alla città di Catania di ripartire con il voto anticipato e quindi con una nuova amministrazione. Serve un piano di lunga gittata per recuperare Catania ma invece l’unico piano che ha Pogliese è quello elettorale per cercare un suo salvacondotto: adesso staranno studiando, lui e i suoi sodali, listini e candidature per nazionali e regionali. Il tutto con grande egoismo mentre la città affonda”.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]