Diritti dei disabili, a Catania calpestati dal comune. Asia Usb : “BASTA!”


Pubblicato il 02 Febbraio 2024

In queste ore il comune di Catania, nelle persone del sindaco e del comandante della polizia municipale, è stato duramente richiamato dall’Autorità Garante Regionale della Persona con condizione di disabili “per le sanzioni amministrative irrogate a persone disabili per l’accesso alle ZTL”.L’intervento del Garante Regionale è stato sollecitato dalle segnalazioni ampiamente documentate inviate dall’irriducibile Santo Musumeci, persona  disabile, segnalazioni sostenute anche con iniziative pubbliche, come il recentissimo presidio “I disabili non chiedono privilegi”, indetto dal movimento civico Catania Più Attiva, che si è svolto davanti alla Prefettura, iniziativa di protesta e di denuncia a cui ha aderito e partecipato ASIA USB. Dalle segnalazioni di Musumeci è risultato evidente che persone disabili nonostante avessero esposto in modo visibile sul parabrezza il  contrassegno che autorizza il passaggio nelle ZTL hanno ricevuto valanghe di verbali perché le autovetture al servizio delle persone disabili non erano registrate nel sistema informatico del Comune di Catania.

“Con riguardo all’accesso alle ZTL – scrive il Garante –  dando per assodato che le Personecon disabilità hanno il diritto di accedervi in quanto in possesso del contrassegno previstodall’art. 381 del d.P.R. n. 495 del 1992, si vuole segnalare il grave disagio che si vive per farsi annullare il provvedimento sanzionatorio dalla competente Autorità amministrativa se nonaddirittura dall’Autorità giudiziaria, a causa di un onere (la segnalazione al sistema informatico ) non previsto dalla legge. A tal riguardo appare opportuno ricordare che l’unico onere posto a carico della Persona con disabilità, è di essere in possesso del contrassegno ivi previsto, che è personale, e di esporlo in modo visibile sul parabrezza della vettura al suo servizio.Secondo la Corte Suprema, nessun altro obbligo o onere può essere imposto allaPersona con disabilità oltre quanto previsto dal predetto art. 381, considerata norma precettiva einderogabile da norme di rango inferiore.Inoltre, si rileva che, sempre l’art. 381 non prevede che lavettura al servizio della Persona disabile risulti adattata”. Concludendo, il Garante chiede al sindaco e al comandante della polizia municipale come intendano operare “per ovviare a questo aggravamento di adempimenti a carico di Persone disabili. E, infine, sollecita, il Comune di Catania  ad aderire al sistema CUDE (Contrassegno Unificato Disabili Europeo)”al fine dimigliorare e rendere più efficienti i servizi per le Persone con disabilità munite di contrassegno”.
Come Asia Usb  aggiungiamo  la nostra denuncia, la mancanza a Catania del GARANTE COMUNALE PER I DIRITTI DEI DISABILI e per l’ennesima voltachiediamo al signor sindaco Trantino l’immediato avviamento dell’iter per permetterne l’insediamento, insediamento previsto dal 2015 e ad oggi non realizzato. 

2 febbraio 2024
Asia Usb Catania Via Caltanissetta, 3.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Al Leonardo Da Vinci (ore 18,30) sarà ospite il Basket Giarre. (foto di Romano Lazzara) Al via, in questo weekend, i play-off della Serie C Unica di basket maschile. Al Leonardo Da Vinci, domani (palla a due alle ore 18,30), l’Alfa Basket Catania riceverà la visita del Basket Giarre per gara 1. In casa rossazzurra […]

2 min

comunicato stampa dalla Polizia di Stato Nel corso della notte, sono giunte presso il 112 NUE diverse chiamate da parte di dipendenti dell’AMT, che hanno riferito che un loro collega – in escandescenza – imbracciando un fucile e minacciando i presenti, aveva impedito loro di entrare nel deposito aziendale, ubicato nella XIII Strada della Zona […]

2 min

COMUNICATO STAMPA Di fronte ad una Sala Pinella Musmeci gremita in ogni ordine di spazio, si è tenuto ieri pomeriggio ad Acireale un interessante convegno organizzato dall’Associazione Forense Acese su un tema di stretta attualità che costituisce, per come ci confermano le cronache, un fenomeno sociale da attenzionare ed affrontare con sempre più consapevolezza “La […]