La “banda del buco” forum


Pubblicato il 11 Aprile 2024

di Attilio Pavone.

Si è tenuto ieri, nella redazione de La Sicilia, l’ennesimo forum a porte saldamente chiuse ed interventi rigorosamente blindati, sulla mobilità a Catania. Questa volta però, dopo oltre tre anni di reticenze, è stata finalmente data la notizia della dismissionedella ferrovia Circumetneada Borgo a Paternò con l’apertura dei cantieri della “metropolitana”, che ormai è imminente.

Zimbello del trasporto pubblico planetario, Catania è l’unica città italiana sotto al milione di abitanti ad avere una “metropolitana” pesante (o di tipo classico: sono 4 in tutta Italia), ma è sempre più in fuga al primo posto per numero di auto pro capite: oggi svettiamo con 801 auto ogni 1000 abitanti, ma se aggiungiamo pure le moto, contiamo addirittura piùmezziamotorecheabitanti!

Se le cose stanno così un motivo ci sarà, e quale sia ormai lo hanno capito anche le basole di via Etnea (hint: hinterland nord), ma al forum non sembrano ancora accorgersene, e anziché pensare a ripristinare le decine di treni soppressi sulla Circum, vorrebbero far credere che perseverare con l’estensione della “metropolitana” – ovvero l’interramento della Circumetnea, prolungando così quel buco mangiasoldi iniziato ormai 40 anni fa, fino alle più grottesche conseguenze – possa essere parte della soluzione. Forse vivono altrove.

E studiano anche altrove: ma quale consesso accademico dell’universo mondo partorirebbe mai la malsana idea di incentivare la mobilità sostenibile interrando ferrovie (sì, ovviamente si è parlato anche dell’interramento della linea costiera, altra fonte provvidenziale per facilissimi guadagni) o

allargando tangenziali? Ma tant’è, dall’articolo a corredo pare si sia parlato proprio di questo. Attendiamo trepidanti di vedere e commentare la registrazione, quando la trasmetteranno.

Quello su cui però vorremmo soffermarci adesso è la disinvoltura con cui è stata annunciata la dismissionedella Circumetnea: una barbarieviolenta e brutale figlia di un’ignoranzaed un’indifferenza inquietanti, che superano oltremodo ogni limite civilmente accettabile.

Non crediamo sia necessario spiegare a nessun normodotato di media incultura cosa significhi la dismissione di una linea storica che costituisce una parte determinante del nostro patrimonio storico/paesaggistico e della nostra stessa identità: sembra davvero di assistere nuovamente all’utilizzo del Colosseo come cava di materiali da costruzione.

Finale scoppiettante, anche questa volta, con l’immancabile paraculata green: sostituire il binario con una ciclabile. Che è una minchiata uguale e contraria a mettere i pedali ad una locomotiva pensando di trovarsi una bicicletta. Lo aveva già presagito lo stesso Sindaco Trantino in persona, in un recente commento con cui sembrava voler prendere le distanze dai vandali dietro a quel progetto. Affidiamo allora a lui le parole di chiusura di questo articolo:

E cogliamo infine l’occasione per invitare singoli ed associazioni all’incontro sul tema – in cui pare saranno svelati quei misteriosi perché – che si terrà lunedì prossimo al salone convegni della CGiL di via Crociferi:


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]