Maurizio Inturri: “con un certo impegno contro la mafia in Sicilia non si vive”


Pubblicato il 09 Aprile 2024

L’ultima denuncia è arrivata il 5 aprile scorso, scenario il cimitero di Avola. A Maurizio Inturri, 50 anni, da tempo capitano cose strane, cose brutte, cose che, però, non suscitano il clamore riservato magari ad altri. A quelli dell’Antimafia ufficiale e da officiare.

  1. Ci puoi spiegare –in sintesi- il tuo percorso professionale?

Il mio percorso professionale (se così possiamo definirlo) è iniziato nel 2015 e fino al 2019 ho collaborato con diverse testate giornalistiche online e cartacee, occupandomi principalmente di cronaca; nel frattempo, già dal 2016, portavo avanti il mio blog con approfondimenti sia sulla politica locale che principalmente su mafia, quindi: droga, estorsioni, appalti, clan.

  1. In particolare, di cosa ti sei occupato come giornalista?

Non chiamarmi giornalista che sollevi un vespaio, considerami un pennaiolo che ha innalzato polveroni in una terra dove cane non mangia cane. Mi ricordo che quando mi occupai del caso Montante, riportando una parte dei suoi appunti con cifre, appuntamenti e nomi ricevetti la telefonata del presidente dell’OdG e del presidente dei provibiri perché volevano che eliminassi tutto. Inutile dire che quell’evento mi chiuse definitivamente le porte per diventare giornalista pubblicista.

  1. Cosa hai denunciato negli ultimi tempi?

La mia passione per il giornalismo si è fermata per vari motivi nel 2019, ma tutto ciò che ho trattato prima ha trovato riscontri, da parte degli inquirenti e procura, negli anni successivi.

Dal 2017 al 2023, ad intervalli e senza che ne fossi messo a conoscenza, ho avuto la vigilanza saltuaria delle forze dell’ordine, in particolare dell’Arma dei Carabinieri.

  1. Quali sono gli elementi di riscontro che hai che mettono in relazione la tua professione e con le vicende oggetto di denuncia?

Non essendo più nell’ambiente del giornalismo, attendo i riscontri dagli organi competenti, anche se dopo gli atti consecutivi ai danni della Cappella di famiglia, denunciati più volte, l’unico elemento che mi balza nella testa è il silenzio.

In casi come questi le domande che una persona si pone sono due:

Il cimitero, luogo sacro, non è abbastanza custodito e quindi si tratta di un atto vandalico che ha colpito diverse famiglie, oppure è un atto specifico nei miei confronti.

Nel primo caso, dovremmo trovare tante denunce simili in procura, nel secondo…beh, a rispondere dovrebbero essere altri.

  1. Chi ti è stato vicino in questo periodo?

Mi ricollego alle risposte precedenti, nessuno, chi alza polveroni viene isolato da tutti, si alza un velo di omertà e rimani solo, tranne se non fai politica.

I pochissimi amici rimasti sono altrove, posso contarli sulle dita di una mano e anche loro lottano. Per il resto. compongo il 112.

  1. Come si vive in Sicilia un impegno professionale come il tuo?

Non si vive, questa è la verità. Se si desidera perseguire una strada senza “amicizie” rimani solo. La mia storia parla da sé e chi la conosce la evita, anche se in alcuni processi di fama nazionale sono citato.

  1. Quali interessi opachi potrebbero essere sullo sfondo della tua vicenda?

Non sono un tipo da ipotesi, ma la vendetta ci sta anche se non so da parte di chi sia.

  1. Quali sono state le risposte delle forze dell’ordine e in generale dell’Autorità Giudiziaria?

Come ho già detto, è l’ennesimo episodio in meno di 18 mesi e l’unica certezza che ho è: per qualunque necessità chiami il 112 o il 113 e faccia presente chi è.

  1. Cosa ti riprometti di fare?

Tra qualche mese sicuramente presenteró l’ennesima denuncia, vuoi scommetterci?

  1. Ritieni opportuno lanciare una sorta di appello sulla tua vicenda?

La mia vicenda penso che non sia un caso isolato, soprattutto per chi ha sfidato il malaffare, penso ai tanti che giornalmente in tutta Italia fanno ciò, siamo semplicemente abbandonati a noi stessi anche da chi si riempie la bocca con la parola “antimafia”.

Non ho ricevuto mai solidarietà dalla politica, ne locale ne regionale, eppure qui abbiamo deputati regionali e nazionali che fra l’altro mi conoscono bene.

Le varie Commissioni antimafia regionali, pur toccando la mia provincia, non mi hanno mai ascoltato, ma la DdA di Catania tempo fa mi ha ascoltato e qualche anno fa sono stato segnalato al ministero dell’interno per aver subito minacce nel mio blog.

Non pensi che il tutto sia di una drammaticità unica, mentre sentiamo che alle elezioni europee stanno candidando personaggi che conoscono il malaffare?”

iena marco benanti.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]