Movimento Forconi: annunci di nuove proteste


Pubblicato il 02 Febbraio 2012

Da lunedì ripartono i presidi. E Ferro “bacchetta” Lombardo: “è scivolato su una buccia di banana”

di Iena Politica

Ritornano i Forconi: da lunedì si annunciano presidi davanti alle raffinerie, in particolare come protesta per quello che viene esportato dalla Sicilia, davanti alle sedi della Serit, dell’Agenzia delle Entrate. Non ci saranno, comunque, blocchi stradali come quelli di qualche settimana fa. Lo ha detto il leader dei Forconi Mariano Ferro, oggi pomeriggio alle “Ciminiere” di Catania.

Un incontro pubblico è servito per ridefinire strategie e azioni per i prossimi giorni: presenti oltre a Ferro, il leader Aias degli autotrasportatori Giuseppe Richichi e Fabio Micalizzi, presidente regionale dell’associazione dei pescatori marittimi professionali (nella foto). Da quest’ultimo l’annuncio di una manifestazione a Roma, davanti a Montecitorio, il 7 febbraio prossimo, dei pescatori siciliani, insieme a quelli del resto d’Italia e la volontà di fare dei blocchi nei principali porti dell’Isola.

La reazione – a sentire i rappresentanti del movimento- è arrivata dal “nulla di fatto” dei promessi “tavoli tecnici”, a partire dalla questione della defiscalizzazione dei carburanti (“in Sicilia le tasse di chi lavora, di chi estrae il petrolio in questa terra, devono essere versate in questa terra”- ha dichiarato Ferro), tavoli preannunciati dopo l’incontro del Presidente della Regione Lombardo con il Premier Monti. “Non possiamo finire con le mani vuote”- ha detto Ferro, il quale ha aggiunto, annunciando queste nuove azioni, che “questa volta, probabilmente, noi vorremmo arrivare all’attuazione dello statuto siciliano”.

Non sono mancati spunti polemici verso il governo regionale. “Il Presidente Lombardo –ha dichiarato Ferro- purtroppo è scivolato su una buccia di banana perché ha detto che noi stiamo davanti alle telecamere, ci stiamo divertendo davanti alle telecamere. Noi non abbiamo bisogno di divertirci. Noi rappresentiamo quella parte di siciliani che lavora e che non guadagna. Ci siamo stancati di essere presi in giro, di essere catapultati da un tavolo all’altro e vogliamo chiarezza.” Ancora: “lui (Lombardo, ndr) ha dimenticato che nel primo incontro che abbiamo avuto con lui stesso ha dichiarato davanti a trenta persone al tavolo che non poteva farci nulla per i diciannove punti nostri”.

Sull’allarme “infiltrazioni mafiose” lanciato dal Presidente di Confindustria Sicilia Ivan Lo Bello, Ferro ha replicato: “A Lo Bello non rispondo più perché sarebbe stato utile semplicemente una cosa, dire che anziché dire che ci sono le infiltrazioni mafiose, sarebbe stato più utile e intelligente per tutti i siciliani e per noi stessi dire che bisognava stare attenti alle infiltrazioni mafiose che è cosa diversa di asserire che ci sono le infiltrazioni mafiose”.

E ancora: “dire su giornali che è stato arrestato un leader dei forconi è una grandissima falsità che noi respingiamo, che non conoscevamo queste signore, quindi, attenzione a queste accuse perché se vogliono annientare qualcuno personalmente possono anche farlo, non c’è problema, ci prendiamo la responsabilità di quello che facciamo, però è anche vero che devono annientare quella popolazione che è scontenta di come vanno le cose e devono dargli risposte, questa è la domanda che viene da tutti, io vi dico subito che già oggi a Parma, a Livorno, si stanno organizzando come movimento dei forconi in tutt’Italia, ci sarà un motivo.

Perché lo scontento per questo governo appoggiato dalla destra e dalla sinistra, compresa l’Mpa dell’on. Lombardo devono smetterla tutti di giocare con noi, non possiamo pensare ad una globalizzazione senza regole.”


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]