Sanità malata, Fsi-Usae: “domani sit-in di protesta contro i 91 licenziamenti annunciati alla Rekeep”


Pubblicato il 09 Gennaio 2019

Si terrà domani 10 gennaio, a partire dalle 9,00, nella zona antistante della direzione del Policlinico di Catania il sit-in di protesta contro i licenziamenti di 91 lavoratori della Rekeep spa società che gestisce l’appalto del servizio di pulizia presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria “Policlinico Vittorio Emanuele”. La manifestazione è stata indetta – si legge nella nota della Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti organizzazione costituente della confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei presente in tutti i comparti lavorativi del pubblico e del privato, dopo che la società Reekep ha comunicato l’avvio delle procedura di mobilità ex artt. 4 e 24 della L. 223/91 con un imponente taglio di risorse umane, che indica un esubero di 91 unità di lavoratori e lavoratrici che rischiano di perdere il posto di lavoro”.

Il 19 novembre, in seguito al trasferimento dei reparti dai presidi ospedalieri Vittorio Emanuele e Ferrarotto al Policlinico, è stata avviata una procedura di licenziamento collettivo dalla società Rekeep spa – spiegano il segretario regionale Calogero Coniglio e i dirigenti sindacali Maurizio Cirignotta, Salvatore Bellia, Gaetano Zappalà e Biagio Cirino – che ha comunicato di non ritenere possibile adottare idonee misure per porre rimedio alla situazione di eccedenza di personale che si è venuta a creare”. “Riteniamo non veritiero il numero dichiarato in quanto parte dei presidi ospedalieri sono ancora attivi, tant’è che i lavoratori vi espletano i servizi”.

Dopo la nostra richiesta, il 19 dicembre scorso siamo stati ricevuti in audizione presso la V commissione regionale del Lavoro e Cultura all’Assemblea Regionale Siciliana. La Rekeep, che non si è presentata all’audizione, aveva come committenti dal 2011 l’Asp di Siracusa, l’Asp di Catania e il Vittorio Emanuele, Ferrarotto e Santo Bambino e a queste, mentre nel 2012, con l’accorpamento, si è aggiunto il Policlinico. Si tratta in sostanza di un raggruppamento di imprese suddivise con un contratto che assicura l’equilibrio di gara: Pfe, Dusman e Rekeep, e quindi con possibilità di ricollocazione del personale nelle 3 aziende sanitarie. Abbiamo esposto che 91 esuberi non solo è un numero sproporzionato ma anche non esistente perché le unità operative sono state semplicemente trasferite ed è necessario che Rekeep trovi un equilibrio interno con la Pfe perché fanno parte del raggruppamento di imprese che si è aggiudicata la gara”.

Come precedentemente detto viene da pensare – continua Coniglio – che la Rekeep utilizzi la ‘minaccia’ di licenziare i lavoratori per avere garanzie certe per il servizio di pulizie dell’ospedale S. Marco. Comportamento scorretto che ha messo in allarme 257 lavoratori”.

Ci auguriamo – affermano i sindacalisti – che l’Assessore regionale della Salute Ruggero Razza per tramite dell’azienda “Policlinico Vittorio Emanuele” possa fornire garanzie certe, adeguate e accurate sui servizi di pulizia necessari, di spazi e ambienti del San Marco per scongiurare che gli esuberi annunciati si trasformino, a breve, in 91 posti di lavoro persi. Successivamente la protesta si sposta all’Ispettorato del lavoro, siamo stati convocati per il giorno 23 gennaio.

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]