Sibeg Coca-Cola: Sugar Tax, udienza in Corte Costituzionale


Pubblicato il 10 Febbraio 2024

SUGAR TAX, LA BATTAGLIA LEGALE DI SIBEG COCA-COLA
PROFILI DI ILLEGGITIMITÀ AL VAGLIO DELLA CORTE COSTITUZIONALE

A rinviare gli atti alla Consulta il Tar Lazio, che ha dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione relativa al principio di eguaglianza tributaria

Si è tenuta presso la Corte Costituzionale (mercoledì 7 febbraio) l’udienza per la legittimità dell’art. 1 (commi 661-676) della legge 27 dicembre 2019 n.160, che ha visto l’introduzione in Italia della Sugar Tax, diretta a colpire attraverso lo strumento fiscale le bevande edulcorate, con l’obiettivo di contrastare l’obesità. L’entrata in vigore della nuova tassa è prevista a partire dal 1° luglio 2024: un iter avviato dal Governo nel 2019 –  e prorogato di anno in anno – che Sibeg Coca-Cola ha tentato di contrastare con una lunga battaglia messa in campo, al fianco di Assobibe, a favore dei diritti degli imprenditori dell’industria delle bevande gassate e di tutti i consumatori.

«La questione è stata portata all’attenzione della Corte a seguito del rinvio disposto dal TAR Lazio a novembre 2022, resa nei giudizi incardinati dalla nostra azienda e dall’associazione di categoria nazionale Assobibe – spiega Luca Busi (nella foto), Ad di Sibeg Coca-Cola, azienda catanese rappresentata dal prof. avv. Saverio Sticchi Damiani e dall’avv. Simone Cadeddu – i profili di illegittimità costituzionale evidenziati dai nostri legali sono stati positivamente apprezzati dal TAR, che ha ritenuto la questione rilevante e non manifestamente infondata, con particolare riguardo alla disparità di trattamento che la Sugar Tax determina tra le bevande contenenti zucchero e gli alimenti che hanno i medesimi edulcoranti, in violazione del principio di eguaglianza tributaria sancito dagli articoli 3 e 53 della Costituzione. Abbiamo fatto di tutto per opporci alla Sugar Tax, ritenendo la vicenda davvero discriminatoria per tutte quelle aziende di bibite che hanno un grande impatto sull’economia italiana e soprattutto su quella siciliana. Siamo davvero fieri di essere arrivati fino alla Corte Costituzionale: ci batteremo con tutti gli strumenti a disposizione per far comprendere quanto iniqua sia questa tassa, nata solo con l’intento di distruggere un settore che crea valore e occupazione».

Durante l’udienza Sibeg Coca-Cola ha insistito sulla fondatezza della tesi difensiva, «evidenziando al Collegio – continua Busi – l’estrema illogicità di una normativa che non tassa lo zucchero né prodotti con lo zucchero, ma solo bibite rinfrescanti anche quando prive di zucchero. L’obesità, come evidenziato da molteplici studi scientifici, costituisce infatti un fenomeno complesso, non correlato solo al consumo di bevande analcoliche, che in Italia peraltro ha registrato un calo costante negli ultimi dieci anni. La Sugar Tax non conduce ad alcun risultato sul fronte dell’obesità; mentre invece sappiamo tutti quale sarebbe il danno per lo sviluppo di tutte quelle piccole e medie imprese che da oltre 4 anni attendono di comprendere quale sarà il loro futuro. Una lunga battaglia intrapresa anni fa, attraverso istanze legittime e fondate più volte inoltrate al mondo delle istituzioni. Insistiamosull’urgenza di una cancellazione definitiva per allentare lo stato di incertezza in cui versa il comparto: una promessa arrivata da più parti, ma rimasta sempre sulla carta».        

La decisione della Corte si potrà conoscere dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]