Al via il processo d’appello per i boss arrestati nel summit di Belpasso. La difesa chiede di acquisire le dichiarazioni di un nuovo pentito


Lacausa_santo400x300Ha preso il via il processo d’appello per i boss tratti in arresto nello storico summit mafioso tenutosi a Belpasso. Era la fine del 2009 e grazie ad una capillare azione dei carabinieri del Comando provinciale di Catania, vennero acciuffati anche potenti nomi del “Gotha” criminale, oggi al secondo grado di giudizio dopo la condanna in primo grado.

Quando furono catturati, la notizia fece il giro dei media nazionali: nelle campagne di Belpasso, centro agricolo a pochi chilometri da Catania, l’8 ottobre 2009 i carabinieri arrestarono, durante un summit in una villetta, esponenti di vertice della mafia catanese. I nomi sono quelli di Vincenzo Aiello, storico uomo di fiducia del capomafia Nitto Santapaola, di Santo La Causa (nella foto), allora latitante, indicato per anni come reggente del clan Santapaola e inserito nella lista dei trenta ricercati più pericolosi d’Italia, Carmelo Puglisi, anche lui latitante, accusato di avere avuto un ruolo nell’estorsione all’impresa dell’imprenditore “antiracket” Andrea Vecchio

Furono catturati anche personaggi “di peso” come Rosario Tripoto, Sebastiano Laudani, Venerando Cristaldi. In manette anche Ignazio Barbagallo, Francesco Platania e Antonino Botta, quest’ultimo ritenuto un semplice fiancheggiatore che secondo i carabinieri avrebbe messo a disposizione la villetta del summit. In primo grado –fra rito abbreviato e ordinario- sono stati tutti condannati, a pene comprese fra i 4 e i 28 anni di carcere.

Stamane è cominciato l’appello (per Cristaldi condannato con l’ordinario si attende un’altra corte), davanti alla prima sezione penale presieduta da Gioacchino La Rosa, a latere Carrubba e Muscarella, Pg Campisi. Nel corso dell’udienza, c’è stata la relazione del dott. La Rosa, poi la parola è passata agli avvocati difensori. La Difesa di Santo La Causa, con l’avv. Carmelo Calì, ha avanzato richiesta di rinnovazione dibattimentale, cioè di acquisizione di nuove prove emerse successivamente, in particolare l’acquisizione di verbali del collaboratore Gaetano D’Aquino. Avanzata anche la richiesta di sentire lo stesso D’Aquino. La Corte ha accolto la prima richiesta e si è riserva su quella di sentire D’Aquino. Prossima udienza il 15 novembre, quando ci sarà la requisitoria della Procura Generale.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

3 min

Domani il neo deputato del Pd eletto all’Ars, da Catania, inviterà tutti gli iscritti a una riflessione sulle ragioni di una sconfitta annunciata” DI GIUSEPPE BONACCORSI “Chi ci dà per finiti si sbaglia” chiosa il comunicato del neo deputato regionale Pd, Giovanni Burtone che, nella debacle generale del Pd alle ultime regionali e nazionali, domani […]

1 min

La revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari per Barbara Mirabella da un lato suscita sollievo per la persona, per la sua famiglia, per tutti coloro che le vogliono bene. Dall’altro lato lascia tanti interrogativi senza risposta.Nel rispetto della giustizia e del suo corso dicemmo immediatamente, tuttavia, che la misura adottata era sproporzionata, perché la […]

3 min

Comincia una nuova stagione sportiva. La Methodos Scherma è pronta. L’obiettivo, anche quest’anno, è quello di essere protagonista. La missione dei maestri Gianni e Carlo Sperlinga è far crescere i giovani e togliersi soddisfazioni importanti. Methodos in evidenza nella prima gara disputata a Santa Venerina (qualificazione ai campionati regionali Assoluti). Felicità e orgoglio per la […]