Alla playa di Catania, in nome dei piu’ bisognosi. Progetti socialcementizi per venire incontro alle esigenze, del popolo?


Pubblicato il 28 Giugno 2011

californiafederica_redTempo d’estate a Catania. Un gelato? Un ghiacciolo? Una cassatella sulla spiaggia? No, c’è bisogno di più: c’è bisogno di strutture. Si dice così: impianti, spazi, cortili, aggregati cementizi per…la gente, i poveri, i bambini. Se ne dicono di tutti i colori pur di fare cose redditizie, per il privato, s’intende: poi se c’è il pubblico, va bene non è il caso di stare qui a guardare il capello…. Del resto, è o no Catania una città fondata sull’interesse privato? Meglio se spacciato per “bene collettivo”.

Ma che cosa accade?

Succede alla Playa: qui in un immobile, al viale Kennedy –insistente sul demanio marittimo e adibito ad accogliere attività di assistenza ai ragazzi bisognosi e portatori di handicap- sono stati effettuati lavori, non ultimati, idonei a variare la destinazione della struttura in albergo. Niente male! Un’idea di intervento “sociale” che sicuramente è stata progettata a portata avanti per il benessere della società, in particolare per i più poveri. Come succede sempre, soprattutto a Catania. Non a caso, sotto l’Etna, vivono milioni di persone che la classe dirigente ha elegantemente recluso in enormi quartieri-ghetto, così magari forse per non sentire il cattivo odore?

Comunque, alla Playa di questi tempi è d’obbligo pensare al bene comune, meglio se coincide con il proprio, quello privato, che non guasta mai. Noi di “IeneSicule” che siamo piuttosto “infami” ci ripromettiamo di raccontare tutto, proprio per accompagnare questo progetto per i più deboli…a buon fine.

Alla prossima puntata, allora!


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Da Marco Iacona arriva “A Destra niente di nuovo, quasi un diario di bordo” Malgrado questa destra di governo, c’è ancora vita a destra? Dopo avere letto il lavoro di Marco Iacona “A Destra niente di nuovo quasi un diario di bordo” per i tipi di “Youcanprint”, la speranza resta. Ma la disperazione corre lungo […]

6 min

Riceviamo e pubblichiamo: “Magnifico Rettore, Chiar.mi componenti del Senato accademico,In preparazione del prossimo Senato, e profondamente convinti del valore del dibattito interno alla nostra comunità accademica, poniamo alla Vostra attenzione la lettera aperta qui allegata, chiedendo di aprire un confronto franco sulla questione di Gaza e della Palestina. Anche alla luce degli sviluppi nel frattempo […]

6 min

Sulle emergenze cenere e rifiuti abbiamo rivolto qualche domanda all’Avv. Fabio Cantarella, già assessore all’ecologia nella giunta Pogliese a Catania. Fabio Cantarella Catania è sommersa dalla cenere dell’Etna: di chi è la responsabilità?  Non vedo una responsabilità in particolare ma la nostra solita incapacità collettiva a valorizzare il patrimonio naturale e architettonico siciliano. In Europa […]

1 min

Nella foto il sindaco Ruggero Strano. Il sindaco di Catania “perde” ancora: cos’è accaduto? Ruggero Strano, sindaco di Castel di Judica, comune della provincia etnea, ha emesso ordinanza per decespugliare gli argini delle strade metropolitane ricadenti nell’area dello stesso comune. L’ordine non è stato eseguito, di qui la verbalizzazione contro…il sindaco metropolitano! E dire che […]