Chiusura via Umberto, cosi non va!


Pubblicato il 14 Novembre 2022

CONFCOMMERCIO 

IMPRESE per l’ITALIA 

         Catania

COMUNICATO STAMPA

Apprendiamo a mezzo stampa le dichiarazioni del Presidente dell’AMTS di Catania in ordine a paventati interventi di chiusura al transito veicolare di alcune strade cittadine, ad iniziare dalla via Umberto da via Etnea a via Oberdan.

Innanzitutto dobbiamo lamentare, ancora una volta, che su questi argomenti non si apre un dibattito approfondito, tenuto conto che queste scelte rischiano di comprimere e compromettere lo svolgimento delle attività commerciali, di mettere a rischio i livelli occupazionali e, persino e paradossalmente, di peggiorare il sistema generale della viabilità e di impattare negativamente sui livelli di inquinamento atmosferico ed acustico, come dimostrano tante altre realtà. Vorremmo sbagliarci, ma le affermazioni del Presidente del’AMTS ci sembrano contrassegnate da estemporaneità e mancanza di una visione complessiva ed organica, sia in termini di sostenibilità economica che ambientale.

Vogliamo ricordare che gli elementi cardine che definiscono l’ambito d’azione della pianificazione della mobilità sono principalmente i seguenti: sostenibilità; equità; sicurezza; inclusione sociale; efficienza economica. Un sistema sostenibile di mobilità deve, inoltre, ispirarsi ai seguenti criteri: soddisfare le esigenze di accessibilità di persone e imprese tenendo conto dei principi di sicurezza, rispetto degli ecosistemi e attenzione alla saluta umana, con riferimento anche alle future generazioni; offrire modalità di trasporto non discriminatorie e sostenere la competitività economica; limitare le emissioni inquinanti.

Ecco ciò che chiediamo, un approccio rigorosamente scientifico sul tema della mobilità per evitare di distruggere una Città. La sostenibilità economica delle scelte in materia di mobilità hanno anche a che fare con le attività economiche del territorio, circostanza che, purtroppo viene spesso dimenticata e/o non valutata correttamente. Purtroppo, come nel caso del progetto di BRT in v.le Mario Rapisardi, la sensazione è che non via sia un approccio rigorosamente scientifico ma ideologico, che non vi sia l’obiettivo di coniugare le esigenze del tessuto economico con tutto il resto, che si tende a impiegare denaro pubblico a prescindere dalla utilità degli interventi progettati e da realizzare. Cosi non va!

    Il v. Direttore Provinciale                                                  Il v. Presidente Vicario

       (francesco sorbello)                                                              (dario pistorio).


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

leggo di una multa nei tuoi confronti per aver violato il codice della strada. Apprendo anche della pubblicazione della ricevuta che attesta il pagamento del verbale. Resta evidente e imbarazzante la violazione del codice. Caro compagno Enrico, predichi bene ma razzoli male. Come primo cittadino dovresti dare sempre l’esempio. Dare l’esempio significa rispettare le regole […]

3 min

“Difficoltà di accesso alle cure mediche pubbliche tra liste di attesa con tempi biblici e lunghissime trafile per prenotare visite o altri tipi di servizi che non saranno espletati prima di svariati mesi, se non nell’anno successivo. Una situazione drammatica che devono affrontare migliaia di persone costrette sempre più spesso a ricorrere alle prestazioni offerte […]

1 min

Iena Puntese Tutti ne parlano, ma nessuno lo dice ufficialmente. San Giovanni La Punta è in dissesto finanziario. Il comune etneo sarebbe già alla paralisi e alcuni servizi sarebbero già stati tagliati. E i problemi investirebbero anche la Multiservizi puntese. Le voci circolano da tempo e la conferma sarebbe arrivata anche durante l’ultimo consiglio comunale. […]

3 min

FILCAMSCGIL di Catania e Caltagirone Comunicato stampaOttimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale e alle spese legali. Sedici lavoratori iscritti alla Cgil di Catania avevano rifiutato il trasferimento al Nord Italia. Foti (Filcams Cgil CT): “Una sentenza storica. ———— La Ottimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale nei […]