E’ Natale! Vogliamoci bene, ecco i “regali” di Ienesicule


Pubblicato il 24 Dicembre 2023

Per Raffaele Lombardo,  un pugno di bussolotti, per fare una verifica matematica: provi il candidato a fare un sorteggione delle assunzioni a Catania negli ultimi 40 anni e a trovare una o più di una che sia frutto del caso.

Per Luca Sammartino: una zappa, per fare crescere i nuovi semi della politica siciliana, in particolare nel “giardino della Lega”.

Ad Alessandro Porto (assessore comunale alla polizia municipale di centrodestrasinistra): una paletta magica, con la quale si può cambiare partito ogni cinque minuti, senza saperlo.

Alla mafia: un “giorno di libertà”, ovvero un giorno senza essere infiltrata da Catania.

A Mario Ciancio: una copia de “La ricchezza delle nazioni” di Adam Smith, testo sacro dei liberali del mondo. Del mondo, non dei liberali italiani. Che non lo hanno mai letto.

A quelli di “Fratelli d’Italia” proponiamo, invece, di essere “sovversivi” almeno per Natale: fate una nomina, magari ai giochi da tavolo, senza guardare alla famiglia di appartenenza.

Per Seby Anastasi (pres. Consiglio comunale Ct): un vocabolario catanese-italiano/italiano-catanese, per migliorare la comunicazione delle Istituzioni con il popolo.

Ad Enzo Bianco: un mazzo di carte per aprire il “circolo degli amici” alla “Villa degli Sbadigli”, Catania City.

A Nello Musumeci: una copia de “Il ritratto di Dorian Gray”. Per vedere se si riconosce nel protagonista.

A Riccardo Pellegrino (vicepresidente del consiglio comunale di Ct, condannato in primo grado per corruzione elettorale): uno specchio magico, per provare a rimanere in carica dimettendosi nello stesso tempo.

A Nico Torrisi: un biglietto –solo andata- per l’estero. Omaggio dell’Enac.

Alla magistratura catanese: un paio di occhiali da presbite, perché talora pare che anche davanti all’evidenza, non trovi il bandolo. Nemmeno della matassa.

Ad Anthony Barbagallo (segr. reg. Pd): la rivelazione di aver detto –per sbaglio- una cosa vera negli ultimi decenni di impegno politico.

Alla sinistra sindacale Cgil Ct: un paio di manette di latta e un ritratto falso di Robespierre per tentare nel sogno di “fare piazza pulita”. Magari a casa loro.

Al catanese che –a parole- dice che “la stampa è venduta”: prova -per una volta all’ anno- a non pagare per le interviste che rilasci.

Regalo speciale al giornalismo italiano: una copia de “Senza bavaglio, ma con il guinzaglio (del piemme)” –Editore “Procure&Giornalisti Associati”.

Al comunista catanese: un sosia che gli ricordi che fra il mondo della borghesia e quello del comunismo c’è opposizione, non consociazione. E così gli consenta di guarire dalla sua nevrosi.

Alla “Signora in Rosso”: “Lotta dura senza paura (del mutuo)”, sottotitolo:  “Vita difficile di una donna in lotta con pericoli di ogni tipo, dal maschio cattivo al mutuo a suo carico”, Editore “LaSeconda che hai detto”.

Al sindacato: un dado per il brodo, per rendere meglio l’idea di essere “pesce di brodo”.

Al magistrato scrittore e presentatore di successo: una sveglia, per ritrovare le vecchie abitudini, cioè alzarsi presto e andare a lavorare.

A Catania: un “esperimento sociale”, liberare la città per 24 ore dai catanesi. E vedere l’effetto che fa

Al sindaco di Catania (e ai suoi amici), un caldo invito, un invito natalizio, sentito dal cuore: levateci manu.

Ps: chi dimenticavamo, al giudice (uno qualunque) di questo tragicomico paese: un giorno di galera, da innocente. Te lo auguriamo sempre e di cuore.

Satira.

iensicule.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]