Europee, candidati a caccia della poltrona “dorata”


Pubblicato il 24 Maggio 2024

di iena politica.

Cosa spinge a candidarsi alle europee? I soldi. Una montagna di soldi. Il resto sono solo chiacchiere.

Cari lettori di Iene sicule, cosa ricordate di importante degli europarlamentari siciliani che si sono succeduti negli ultimi 30 anni? Cosa hanno fatto di straordinario per la nostra terra? Assolutamente nulla. Cosa potranno fare di diverso gli 8 parlamentari che saranno eletti e rappresenteranno Sicilia e Sardegna? Provate a darvi una risposta.

Tutti, però, intascheranno una montagna di soldi e alla fine della legislatura avranno anche un “trattamento di fine rapporto”. Ma fare l’europarlamentare è stancante? E’ un lavoro faticoso? Macché! Cinque anni al Parlamento europeo sono una pacchia. In un solo mese si guadagna quello che alcuni lavoratori precari guadagnano in due anni. Senza contare tutti benefit.

C’è di più: finite le elezioni, elettori e territorio verranno, come sempre, dimenticati. Certo, gli eletti saranno costretti ad un grande sacrificio: fare avanti e indietro in aereo da Bruxelles o Strasburgo. Per il resto avranno zero responsabilità e non dovranno dare conto a nessuno. Dovranno soltanto “obbedire” alle decisioni del leader del partito che li ha candidati e “rispondere”, in alcuni casi, a chi ha contribuito alla loro elezione.

E poi dicono che la gente non vuole più andare a votare! Perché dovrebbe farlo?


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

3 min

di iena controrivoluzionaria Marco Benanti. Sulla scia dei successi (c’è chi giura di averli visti, magari di notte, più probabilmente sulle cronache de “La Sicilia”) del primo anno da sindaco di Catania, sarebbero già partite le consultazioni per un ulteriore cambio di passo a Palazzo degli Elefanti. Anche se secondo taluni non ce ne sarebbe […]

1 min

comunicato stampa dalla questura Catania – dalle prime ore di questa mattina, circa 100 operatori della Polizia di Stato sono impegnati nell’esecuzione di un’ordinanza con cui il Giudice per le Indagini Preliminari presso il locale Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia etnea, ha disposto misure cautelari personali nei confronti di 13 soggetti a vario […]

2 min

Servono presìdi fissi delle forze dell’Ordine con protocolli chiari di intervento Oggi mercoledì 19, a partire dalle 10, i sindacalisti della FP Cgil allestiranno un banchetto di informazione al blocco F2 dell’ospedale Cannizzaro per avviare la campagna “Stop! Alle aggressioni al personale sanitario e socio- sanitario”. L’iniziativa parte dal nosocomio di via Messina a seguito dell’ennesima, […]