Grillo vola verso il Parlamento: secondo Demopolis, anche grazie all’effetto amministrative, il Movimento 5 stelle sarebbe al 12%


Pubblicato il 19 Maggio 2012

di iena statistica

Secondo l’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis, che studia da anni le tendenze della società italiana, se si votasse quest’oggi il Movimente 5 stelle di Beppe Grillo si attesterebbe intorno al 12% dei consensi. Stando a quest’ultimo studio i grillini vederebbero crescere in modo esponenziale il proprio elettorato, (nel giugno del 2010 erano intorno al 2,4%, mentre lo scorso aprile hanno toccato quota 7,8%). C’è da dire che oltre 7 italiani su 10 si sentono oggi poco o per niente rappresentati dal partito votato alle Politiche del 2008 e, secondo l’istituto di ricerche, sarebbe proprio la crescente insofferenza verso i partiti politici che hanno governato l’Italia negli ultimi anni a determinare la crescita esponenziale del Movimento fondato e guidato da Grillo.

Ecco alcuni grafici statistici coi quali Demopolis spiega la crescita del Movimento 5 stelle.

Per il direttore di Demopolis, Pietro Vento, “È l’effetto, anche emulativo, della risonanza mediatica che ha seguito il recente successo alle Amministrative. Infatti, di fronte all’assenza di concreti e percepibili segnali di rinnovamento da parte dei partiti tradizionali, il Movimento di Grillo diviene oggi, virtualmente, la terza forza politica nel Paese, con un bacino potenziale che tocca il 20%: un italiano su cinque prenderebbe in considerazione l’ipotesi di un voto al movimento del comico genovese. Il 43% di chi voterebbe oggi il Movimento 5 Stelle – spiega Pietro Vento – attribuisce la propria scelta all’esigenza di contribuire ad un radicale cambiamento della classe politica; il 28% perché non si sente più rappresentato da alcun altro partito, il 19% per dire “basta” alla politica economica dell’Unione Europea e del Governo Monti”.

L’Istituto Demopolis ha analizzato la provenienza del consenso in base al voto espresso alle Politiche del 2008: su quasi 4 milioni di elettori stimati oggi per il Movimento 5 Stelle, circa un quinto proviene dall’area del non voto, mentre 24 su 100 avevano votato per il PD nel 2008 e 22 per il PDL. Grillo sottrarrebbe consensi anche all’IDV di Antonio Di Pietro.

Secondo l’approfondita ricerca dell’istituto di ricerca, al momento il Movimento 5 stelle appare in ulteriore crescita al Nord, dove raggiunge il 16% e nelle regioni del Centro, mentre si posiziona intorno al 6% al Sud e nelle Isole. Ha il suo bacino più forte nell’elettorato sotto i 50 anni, ottiene consensi superiori alla media tra i laureati e soprattutto tra i navigatori abituali della Rete (21%): uno su cinque, se ci recasse alle urne per il rinnovo del Parlamento, sceglierebbe Grillo.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Al Leonardo Da Vinci (ore 18,30) sarà ospite il Basket Giarre. (foto di Romano Lazzara) Al via, in questo weekend, i play-off della Serie C Unica di basket maschile. Al Leonardo Da Vinci, domani (palla a due alle ore 18,30), l’Alfa Basket Catania riceverà la visita del Basket Giarre per gara 1. In casa rossazzurra […]

2 min

comunicato stampa dalla Polizia di Stato Nel corso della notte, sono giunte presso il 112 NUE diverse chiamate da parte di dipendenti dell’AMT, che hanno riferito che un loro collega – in escandescenza – imbracciando un fucile e minacciando i presenti, aveva impedito loro di entrare nel deposito aziendale, ubicato nella XIII Strada della Zona […]

2 min

COMUNICATO STAMPA Di fronte ad una Sala Pinella Musmeci gremita in ogni ordine di spazio, si è tenuto ieri pomeriggio ad Acireale un interessante convegno organizzato dall’Associazione Forense Acese su un tema di stretta attualità che costituisce, per come ci confermano le cronache, un fenomeno sociale da attenzionare ed affrontare con sempre più consapevolezza “La […]