History Channel, quale sarà il partito di Alessandro Porto? Lettera aperta all’on. Pistorio


Pubblicato il 07 Luglio 2022

                                                                                                Alla Cortese Attenzione

                                                                                                 On. Giovanni Pistorio alias “Giuvanni da Barera”

On. Pistorio

Ci consenta di rivolgerLe una domanda dai profondi significati storici e morali: in quale partito sarà candidato Alessandro Porto?

Porto, da lei sicuramente ricordato per il suo contributo all’elevazione culturale della città di Catania e della Sicilia in tanti anni passati nella sua segreteria politica, è personaggio a tutto tondo, talmente tondo che non si mai da quale parte “svolta”.

Ora, da ieri, da quando cioè Porto ha annunciato al popolo la sua candidatura alle prossime elezioni regionali, il mondo intero si chiede: dove va Porto? Pare che dal New York Times alla Cnn per passare per Le Monde, sia un unanime palpito di domanda: Porto unni vai?

Allora, ci consenta di chiederLo a Lei. Da parte nostra, riteniamo sia possibile una candidatura in questi soggetti (al netto di quelli che non lo hanno mai candidato): Sudtiroler Volkspartei, Partito Comunista del Donbass, Insieme per il Futuro di Di Maio, Insieme per il futuro di Turi dell’Olio, Turi dell’ Olio senza ma e senza se, altri ed eventuali.

Ci aiuti On. a sciogliere il nodo.

Ne vale della nostra Sicilia.

Ienesicule.

Ps: ci scusi, ma non potrebbe tornare da tale Lombardo Raffaele, giovane emergente della politica catanese? Ci illumini.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

2 min

Riceviamo e pubblichiamo. Egregio (si fa per dire) direttore di Ienesicule, malgrado la vostra presenza mediatica, contrassegnata dalla pervicace volontà di colpire una delle migliori Amministrazioni che la Città di Catania abbia mai avuto, le cose per la Nostra Città stanno andando sempre meglio. Non avrei mai voluto scrivere a gente come voi, gente che […]

1 min

“Il Reddito di cittadinanza funzionava alla grande per dare una mano agli ultimi. E questa volta non sono i contiani o altre fonti, pur autorevolissime, a riconoscerlo, ma è lo stesso governo nazionale. Lo dice, come riporta oggi Repubblica, la relazione sulla povertà messa a punto dalla commissione del ministero del Lavoro. Nei quattro anni […]