La malapolitica e poi… Salvatore Massimo Fazio assessore a Battiati: perchè non siamo tutti uguali


Pubblicato il 17 Aprile 2024

Ho sempre creduto che se alla politica si toglie la meritocrazia, si ottiene uno show di “animali” dallo sguardo basso e dall’appetito alto. Nel passaggio dalle posizioni elettorali a quelle istituzionali spesso si è smarrito il senso del dovere, della dimensione autentica della politica, che è quella della competenza a servizio della collettività. Invece, ci siamo abituati alle pratiche clientelari, del trasformismo, dei collettori di voti e sull’altare di un bieco appetito di potere abbiamo sacrificato le competenze e la meritocrazia. E i danni sono incommensurabili. 

É  notizia di questi ultimi giorni l’indegno teatrino di corruzione in Puglia, a Torino e persino a Tremestieri Etneo. Vergogna bipartisan, che testimonia come la corsa al potere produca corruzione e mala amministrazione, macigni che schiacciano l’incolpevole collettività. É questo show di “animali affamati” che allontana il cittadino dalla politica, perché venendo a mancare lo scopo ideologico quello che il cittadino cerca nella politica è la “ soluzione” dei problemi. 

E se non ci sono le competenze, la soluzione rimane una chimera. Ma non tutto è perduto. Ho saputo che a Sant’Agata li Battiati alcuni gironi fa è stata assegnata la delega alla cultura a Salvatore Massimo Fazio, filosofo, romanziere, saggista, giornalista, psicologo, pedagogista. In buona sostanza, uno che ha competenze, che conosce la materia che gli è stata affidata, che sa la differenza tra un libro e un carciofo. Quindi, il bravo e attento sindaco Marco Rubino ha scelto il principio meritocratico, è andato in direzione opposta, ha preferito il competente al collettore dei voti, la conoscenza al patronato, e in questi periodi di incompetenti elevati ad amministratori, di improvvisazione istituzionalizzata, di professionisti della politica,  è una notizia che fa rumore. 

Fazio non ha mai fatto politica, non è mai stato candidato, non è un grande elettore e neanche piccolo, è stato sempre lontano dalle logiche confuse e torbide delle segreterie politiche; di contro, Fazio ha scritto libri, ha organizzato eventi culturali, ha studiato, ha fondato uno dei blog letterari più apprezzati in Italia e conosce alla perfezione la materia che gli è stata affidata.

Possiamo parlare, quindi, di un modello Battiati? Credo di sì, soprattutto se prendo come termine di paragone Catania. Perché ultimamente nella mia città la delega alla cultura è stata maltrattata, tenuta distante dalla meritocrazia e dalla competenza e non è un caso se questa città si abbrutisce alla velocità della luce, se si affida alle contingenze e agli espedienti, se non si ricorda  di commemorare i cent’anni della nascita di Sciascia o i 50 anni della nascita di Mishima. 

Che qualcuno potrà pure considerare piccoli particolari, ma che a me danno l’esatta misura del deserto che l’incompetenza produce.

Gianni Coppola.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]