“Miracolo” a Telecolor, riappare Michela


Pubblicato il 12 Gennaio 2024

di Charles Dickens Benanti.

Già direttore del tg e ancor prima redattrice e ancora prima conduttrice radiofonica e presentatrice di televendite, Michela Giuffrida è riapparsa sugli schermi del gruppo Ciancio in veste di opinionista. E al suo nuovo debutto ha parlato di politica. Viene da chiedersi: sono state e saranno opinioni obiettive?

Va ricordato, infatti, che la collega Michela è stata eurodeputata del Partito Democratico, sponsorizzata dal compianto Lino Leanza e sostenuta dal gruppo Ciancio e poi a sorpresa, dopo la bocciatura alle europee del 2019, portavoce del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Una fulminea virata a destra con un compenso che fece molto discutere. E ancora oggi in tanti si chiedono: fu scelta da Musumeci o “segnalata”?

Dopo la “caduta” di Musumeci, Michela Giuffrida era “scomparsa” dalla scena pubblica, ma è riapparsa la scorsa settimana a Telecolor, presentata come opinionista del programma da un “impacciato” Luca Ciliberti.

Domanda: si prepara ad una ricandidatura alle imminenti europee?

Del resto il Partito Democratico ha bisogno di volti e nomi noti e Michela Giuffrida potrebbe, nonostante tutto, essere riaccolta all’interno del partito. E un po’ di visibilità mediatica è assolutamente necessaria. La sua apparizione in tv, tra l’altro, testimonia che i legami con il gruppo Ciancio, in particolare con Angela Ciancio, sono ancora solidi. Michela, insomma, potrebbe fare lo stesso percorso che nel 2014 gli consenti di acchiappare un seggio al Parlamento europeo. Ma va detto che allora, grazie a Matteo Renzi, il PD sbancò, superando il 40%, oggi la situazione è assai diversa e l’appeal di Michela, peraltro, non è più quello di allora.

Di certo la sua apparizione fa molto pensare. “Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano”, cantava Venditti, e l’amore per il giornalismo e per la politica in lei non è mai tramontato.

Del resto le porte girevoli esistono sia in politica che nel giornalismo. E qualche maligno sussurra che Michela potrebbe puntare a guidare nuovamente il tg di Telecolor. Il ruolo di opinionista sarebbe solo un modo per rientrare in maniera soft ed evitare mal di pancia agli ex colleghi. Quale sarà la prossima mossa? E soprattutto quando? Succederà entro fine aprile?   


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

riceviamo e pubblichiamo: Alla fine del mese di novembre del 2020 il quartiere Santa Maria Goretti – costruito nel 1957 sotto il livello stradale – è stato praticamente investito da un ciclone e sommerso dalle torrenziali acque piovane. Ad oggi il problema degli allagamenti, diventato nel frattempo anche una questione abitativa, non è stato risolto.Nel […]

1 min

Quella che è stata chiamata “Primavera di Catania” (1993-1999) sembrava aver avviato un virtuoso percorso di rinascita che, alla svolta del nuovo secolo, sembrò interrompersi: la città ripiombò in quel degrado dal quale non pare potersi ancora liberare e che è stato simboleggiato dalle strade al buio dell’amministrazione Scapagnini. Come è potuto succedere? Paolino Maniscalco, […]

2 min

comunicato stampa Catania, 25 febbraio 2024 – Quando non si riesce a maneggiare un concetto è meglio lasciarlo da parte. Difficile cogliere il senso della ‘due-giorni’ di Fratelli d’Italia a Catania, pomposamente definita ‘Patrioti in Comune’. Che cosa vuol dire esattamente? Che i ‘Fratelli d’Italia’ sono gli unici patrioti in Comune? Solo a Catania, o […]

2 min

A 120 anni dalla morte di Giorgio La Pira domani sera, alle ore 19, nella sala teatro della parrocchia di San Matteo a Trepunti, frazione di Giarre, si terrà un incontro culturale dedicato alla figura del politico e giurista. “Giorgio La Pira, un politico nuovo. A 120 anni dalla nascita”, organizzato dall’associazione culturale ‘Nuove Idee’ […]