Ordine degli Avvocati: accordi scellerati o rispetto della legalità? Arriva lettera di Iena Athos!


Pubblicato il 27 Marzo 2019

di iena Athos

Pregiatissimo Direttore,

leggo con interesse le Sue note di commento delle vicende del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, e apprezzo l’interesse della Stampa per la nostra categoria.

Sono anche io un avvocato, di modeste dimensioni professionali, attanagliato dalla crisi, però sempre attento alle questioni della nostra rappresentanza, che ritengo importanti: vorrei anche io, come tanti colleghi, un Consiglio forte, che magari ci lasci sottomessi come siamo, ma eviti di farci calpestare da tutti.

La mia modesta posizione professionale mi impedisce di espormi pubblicamente, per ragioni che saranno chiare continuando a leggere; mi perdonerà, quindi, se mantengo l’anonimato usando uno pseudonimo ispirato dalla firma di un recente articolo che Lei ha pubblicato.

Non concordo con il mio amico Porthos, che insinua dubbi di accordi, pastette, inciuci; a me sembra che un Consiglio forte debba vantare una forte dignità dei suoi componenti, per poterla pretendere dagli interlocutori, primi tra tutti i Magistrati.

La dignità impone non solo il rispetto della Legge, che riguardo alla questione del superamento del doppio mandato mostra interpretazioni diverse e anche fantasiose, ma ancor prima di quel Decoro che domina il nostro Codice deontologico.

Insomma, se quello di Consigliere è un servizio, perché restare ad ogni costo incollati alla poltrona? Perché non accettare l’idea di un turno di riposo?

Uno dei candidati l’ha fatto, dimostrando che è possibile lasciare il posto ad altri e mantenere apprezzamento generale; perché non lo fanno anche gli altri, i ben noti ineleggibili, dei quali Lei ha pubblicato i nomi?

Assisto invece a un accanimento, a una lotta che non è più una competizione leale tra Colleghi ma travalica e diventa personale; gli uscenti pretendono che si stia “o con loro o contro di loro”, facendo intendere che chi sta contro … sarà visto con occhio diverso.

Non ho le forze per espormi in prima persona e mi limiterò a esprimere il mio voto. Non ho potuto farlo perché intendevo recarmi al seggio il sabato mattina, ma a quanto sembra avrò un’altra occasione.

Voterò per chi ha dimostrato di saper fare un passo indietro e per chi è riuscito a ripristinare la legalità violata. Apprezzo chi ha saputo esporsi in prima persona per tutelare anche il mio piccolo voto, ed escludo che chi ha avuto questa forza possa piegarsi a piccoli accordi post-elettorali.

Mi piacerebbe che Lei intervistasse tutti i protagonisti di questa storia; che chiedesse agli ineleggibili le ragioni di questo comportamento che ci lascia in situazione sempre precaria, che impegnasse “il nuovo che avanza” sui programmi già annunciati, che chiedesse al Presidente (ormai ex) le ragioni di quelle parole “e ora vi potete sfogare”.

Soprattutto, Le sarò grato se continuerà a seguire le vicende forensi anche dopo il caldo periodo elettorale.

Con apprezzamento, Suo

Athos.

 

 

 

 

 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]