Partinico: Peppino Impastato crocifisso ancora una volta


Pubblicato il 17 Marzo 2024

di Mimmo Cosentino.

La risposta più sensata, ai giornalisti che hanno chiesto una sua valutazione sulla scelta degli studenti della scuola di Partinico di non intitolare la loro scuola a Peppino Impastato, l’ha data Giovanni: “voglio parlare con questi ragazzi “. Aggiungo io: non tanto con i due rappresentanti degli studenti, peraltro legati familiarmente a esponenti della giunta di centrodestra che amministra Partinico, protagonisti di una consultazione da repubblica delle banane.

Infatti i due giovani autori di questa pratica “bolsonara”, hanno girato le classi inventandosi una consultazione che ha poco a vedere con il rispetto dei principi democratici. Niente voto segreto, niente controparte che illustrasse l’altra tesi, niente seggio verbalizzante. E, per giustificarsi di fronte alla figura di merda regalata alla scuola e al paese, l’ attribuzione a Peppino di essere “figura divisiva”. Comunista, antimafioso non solo a parole, antifascista, disobbediente, antiliberista. Divisivo al massimo: nella famiglia di appartenenza. come nella militanza politica.

Una figura così  è  scomoda al sistema di potere, la sua memoria va rimossa, cancellata, meglio il messaggio pacione di Totò Cuffaro, con il simbolo della nuova Democrazia Cristiana: su quella croce i suoi seguaci hanno provato a silenziare la memoria di Peppino, fino ad ammazzarlo per la seconda volta. E qui si pone il tema attuale quale antimafia vogliamo costruire: perchè Partinico ci dice che non regge la rappresentazione istituzionale, per il semplice motivo che abbiamo bisogno di divisività, non tra giustizialismo e garantismo, ma tra borghesia mafiosa e opposizione sociale antiliberista.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

leggo di una multa nei tuoi confronti per aver violato il codice della strada. Apprendo anche della pubblicazione della ricevuta che attesta il pagamento del verbale. Resta evidente e imbarazzante la violazione del codice. Caro compagno Enrico, predichi bene ma razzoli male. Come primo cittadino dovresti dare sempre l’esempio. Dare l’esempio significa rispettare le regole […]

3 min

“Difficoltà di accesso alle cure mediche pubbliche tra liste di attesa con tempi biblici e lunghissime trafile per prenotare visite o altri tipi di servizi che non saranno espletati prima di svariati mesi, se non nell’anno successivo. Una situazione drammatica che devono affrontare migliaia di persone costrette sempre più spesso a ricorrere alle prestazioni offerte […]

1 min

Iena Puntese Tutti ne parlano, ma nessuno lo dice ufficialmente. San Giovanni La Punta è in dissesto finanziario. Il comune etneo sarebbe già alla paralisi e alcuni servizi sarebbero già stati tagliati. E i problemi investirebbero anche la Multiservizi puntese. Le voci circolano da tempo e la conferma sarebbe arrivata anche durante l’ultimo consiglio comunale. […]

3 min

FILCAMSCGIL di Catania e Caltagirone Comunicato stampaOttimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale e alle spese legali. Sedici lavoratori iscritti alla Cgil di Catania avevano rifiutato il trasferimento al Nord Italia. Foti (Filcams Cgil CT): “Una sentenza storica. ———— La Ottimax Italia SpA del Gruppo Bricofer è stata condannata per condotta antisindacale nei […]