Regione Siciliana, ci pensa Giorgia?


Pubblicato il 02 Febbraio 2024

di Iena Winston Churchill

Tutti contro Luca Sammartino. Sarebbe stato lui il regista dell’operazione che ha portato a far implodere la maggioranza che sostiene il presidente della Regione, Renato Schifani. La questione, com’è noto riguarda la norma “salva ineleggibili”, bocciata dall’Ars. C’è di più: Fratelli d’Italia, dopo aver subito la batosta, ha anche dovuto “digerire” la nomina dei direttori generali. Tutto questo ha creato il caos. E per calmare gli animi Giorgia Meloni dovrebbe avere un faccia a faccia con Schifani. Obiettivo: ridimensionare Sammartino e nel contempo evitare “scissioni” prima delle europee.

La tornata elettorale, infatti, è assai importante per Fratelli D’Italia, una eventuale emorragia di voti non farebbe bene al governo nazionale e soprattutto al partito della premier. Lo scontro è evidente. Ma la battaglia vera si combatterà alle prossime europee.

Nel centrodestra sono tutti contro tutti. Si è anche ventilata l’ipotesi di una crisi che potrebbe portare ad elezioni anticipate, ma è uno scenario futuristico. Nessuno all’Ars è disposto a mollare il proprio seggio e affrontare una nuova e dispendiosa campagna elettorale dagli esiti imprevedibili.

Altra ipotesi potrebbe essere un rimescolamento delle carte e la nascita di una nuova maggioranza, ma anche in questo caso qualche vecchio della politica sostiene che non accadrà poiché significherebbe che qualche partito andrebbe all’opposizione e avrebbe meno potere. E non conviene a nessuno. Quasi certamente troveranno un’ intesa, magari con una “punizione” esemplare. Un po’ com’è successo con Marco Falcone. Ma siamo sempre sul campo delle ipotesi.

Di certo c’è che Giorgia Meloni domani sarà a Catania per delle visite istituzionali ed un omaggio a Sant’Agata, ma gira voce che la sua presenza in Sicilia è legata alla complicata situazione regionale. Il faccia a faccia con Schifani servirà a mettere ordine? In questo contesto bisognerà poi capire cosa accadrà in casa Lega. Chi vincerà il braccio di ferro tra Luca Sammartino e Raffaele Lombardo (che tanto per cambiare ha raccolto molto poco in questi giorni, eppure passa sempre per “leader”)?

Non si escludono colpi di scena. Del resto è già accaduto alla vigilia delle regionali e altrettanto per le comunali a Catania.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

riceviamo e pubblichiamo: Alla fine del mese di novembre del 2020 il quartiere Santa Maria Goretti – costruito nel 1957 sotto il livello stradale – è stato praticamente investito da un ciclone e sommerso dalle torrenziali acque piovane. Ad oggi il problema degli allagamenti, diventato nel frattempo anche una questione abitativa, non è stato risolto.Nel […]

1 min

Quella che è stata chiamata “Primavera di Catania” (1993-1999) sembrava aver avviato un virtuoso percorso di rinascita che, alla svolta del nuovo secolo, sembrò interrompersi: la città ripiombò in quel degrado dal quale non pare potersi ancora liberare e che è stato simboleggiato dalle strade al buio dell’amministrazione Scapagnini. Come è potuto succedere? Paolino Maniscalco, […]

2 min

comunicato stampa Catania, 25 febbraio 2024 – Quando non si riesce a maneggiare un concetto è meglio lasciarlo da parte. Difficile cogliere il senso della ‘due-giorni’ di Fratelli d’Italia a Catania, pomposamente definita ‘Patrioti in Comune’. Che cosa vuol dire esattamente? Che i ‘Fratelli d’Italia’ sono gli unici patrioti in Comune? Solo a Catania, o […]

2 min

A 120 anni dalla morte di Giorgio La Pira domani sera, alle ore 19, nella sala teatro della parrocchia di San Matteo a Trepunti, frazione di Giarre, si terrà un incontro culturale dedicato alla figura del politico e giurista. “Giorgio La Pira, un politico nuovo. A 120 anni dalla nascita”, organizzato dall’associazione culturale ‘Nuove Idee’ […]