Speciale in memoria di Pippo Fava su Rai 3, i fan di Crocetta insorgono: “Potevano mandarlo in onda a novembre”


Pubblicato il 17 Settembre 2012

Anche il giornalismo libero finisce nel tritacarne elettorale…

di Iena televisiva

Non sfugge nulla ai fan di Rosario Crocetta. Il loro unico obiettivo, come quello del loro leader, è vincere le elezioni regionali. Costi quel che costi, a qualsiasi condizione come dimostrano le alleanze innaturali tra l’ex sindaco di Gela e forze politiche come l’Udc, per non parlare di esponenti berlusconiani come Nello DiPasquale, ex sindaco di Ragusa.

Oggi, nel mirino dei crocettiani c’è Carlo Lucarelli, reo di aver dato spazio nel suo speciale di ieri su Rai3, dedicato ai giornalisti che si sono battuti contro la mafia spesso pagando con la vita, alla figura di Pippo Fava, scrittore e giornalista catanese ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984.

Pippo Fava è il padre di Claudio, attualmente candidato alla presidenza della regione. Tanto basta ai crocettiani per lanciare i loro strali contro la trasmissione di Lucarelli. “Secondo me spropositato lo speciale andato in onda ieri sera su Raitre condotto da Lucarelli, non era l’anniversario di nulla e di niente… Mi limito a dire che si poteva fare anche dal 1 novembre” sbotta Claudio La Mattina, amministratore del gruppo Crocetta Presidente. A sostenere questa tesi, per la verità un po’ assurda e offensiva, anche altri tre pezzi da novanta della tifoseria di Crocetta: Giovanni Ferro di Gela, Nicoletta La Bella e Carmelo di Gesaro.

Che tristezza. Nemmeno un esempio indiscusso di giornalismo libero, che ha pagato con la vita il suo impegno contro la mafia, viene risparmiato dal tritacarne elettorale. Noi invece diciamo: 10-100-1000 speciali su Pippo Fava e su tutti gli altri giornalisti che con coraggio lavorano, spesso isolati, per denunciare le mafie e il malaffare.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Iena comunista. “Compagno” Enrico, nell’ultimo post ti sei superato. Oltre 700 parole e più di 4500 battute. E un linguaggio che sembra quasi una “memoria difensiva”. Mi chiedo: ma questo amore “incondizionato” per Catania come mai non lo hai mai esternato e messo in atto nel passato? Eppure hai vissuto a Catania. Anche da semplice […]

2 min

Iena comunista “Compagno” Enrico, noto che la tua voglia di comunicare attraverso Facebook è costante. Ho letto il tuo ultimo post sulla visita al Monastero dei Benedettini. Hai usato 313 parole per un totale di oltre 2000 battute. Scrivere un testo del genere, per quanto tu possa essere estremamente abile, richiede del tempo. Sarei molto […]

3 min

Percorsi e strategie per fare applicare il d.l. 124/1998, una legge “dimenticata”  Nella foto, da sin. Ferrara, Aquilone, Giuliano, Attanasio. Catania, 27 maggio 2024 – Un vademecum con 20 domande/risposte, uno sportello-ascolto e un team di volontari. Obiettivo: far valere i diritti dei pazienti contro i ritardi nelle prestazioni sanitarie e le lunghe liste d’attesa e fare […]

7 min

riceviamo e pubblichiamo: ABBATTIMENTO LISTE DI ATTESA IN FARMACIA – SCELTA SBAGLIATA CHE NON TUTELA IL PAZIENTE: IL FARMACISTA NON HA STUDIATO MEDICINA – DURISSIMA PRESA DI POSIZIONE DA PARTE DEL CIMEST Durissima presa di posizione da parte dei vertici del Cimest (Coordinamento Intersindacale Medicina Specialistica di Territorio) presidente Salvatore Calvaruso e coordinatori Domenico Garbo […]