Tic tac tic tac. Sono alle prese con un fiume di documenti


Pubblicato il 12 Luglio 2011

PRESSTranquilli, non ho desistito dal mio proposito di fare chiarezza su alcune omissioni giornalistiche che riguardano fatti di mafia, intrecci tra le aspirazioni della criminalità organizzata e il potere economico. Solo che analizzando la vicenda mi sono ritrovato alle prese con un fiume di carte! Ho già realizzato gran parte del lavoro ma sono in attesa di alcune visure e altri atti amministrativi pubblici che vorrei consegnarvi al fine di rendere il mio servizio d’inchiesta lontano da strumentalizzazioni di ogni sorta.

Vi confermo, ancora una volta, che studiando i documenti ho dovuto iscrivere nel registro degli indagati di ienesicule, un “pezzo grosso” della nostra redazione (ai tempi in forza ad altra testata) dal quale, non appena pubblicherò la mia inchiesta, mi aspetto dei chiarimenti precisi e coerenti.

Vi chiedo scusa, pertanto, se mi prenderò ancora qualche altro giorno. Il tema è scottante e assai delicato, ne vale la pena, vedrete! Mi dispiace per lo stato d’ansia che la situazione potrebbe generare presso quei soggetti che, consultando la coscienza, dovessero sentirsi coinvolti nelle mie indagini, ma, come sempre, il dovere m’impone di pubblicare tutto quanto è a mia conoscenza solo se riscontrato documentalmente. Niente congetture o illazioni, saranno le carte ed i fatti a parlare per me. Naturalmente, com’è nel mio stile, lascerò spazio ad eventuali repliche difensive da parte dei personaggi contro i quali punterò il dito.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

3 min

di iena controrivoluzionaria Marco Benanti. Sulla scia dei successi (c’è chi giura di averli visti, magari di notte, più probabilmente sulle cronache de “La Sicilia”) del primo anno da sindaco di Catania, sarebbero già partite le consultazioni per un ulteriore cambio di passo a Palazzo degli Elefanti. Anche se secondo taluni non ce ne sarebbe […]

1 min

comunicato stampa dalla questura Catania – dalle prime ore di questa mattina, circa 100 operatori della Polizia di Stato sono impegnati nell’esecuzione di un’ordinanza con cui il Giudice per le Indagini Preliminari presso il locale Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia etnea, ha disposto misure cautelari personali nei confronti di 13 soggetti a vario […]

2 min

Servono presìdi fissi delle forze dell’Ordine con protocolli chiari di intervento Oggi mercoledì 19, a partire dalle 10, i sindacalisti della FP Cgil allestiranno un banchetto di informazione al blocco F2 dell’ospedale Cannizzaro per avviare la campagna “Stop! Alle aggressioni al personale sanitario e socio- sanitario”. L’iniziativa parte dal nosocomio di via Messina a seguito dell’ennesima, […]