Verso il 25 novembre. Contro la violenza sulle donne, per la gestione non violenta dei conflitti. DOMANI Martedì 21 si terrà il primo appuntamento con il laboratorio “Passi” al Liceo Boggio Lera


Pubblicato il 20 Novembre 2023

La CGIL e la FLC-CGIL di Catania,le associazioni “Fare stormo- Il cerchio delle donne” hanno avviato Il progetto “PASSI, per la gestione non violenta dei conflitti”, con i laboratori di crescita personale sul rispetto delle differenze, sulla reciprocità, sugli strumenti per la gestione non violenta dei conflitti, al Liceo Statale “E.Boggio Lera”di Catania. Il percorso del laboratorio” è stato appositamente tracciato tra due date fortemente simboliche: dal 25 Novembre 2023 all’8 Marzo 2024,  e sarà fatto di “passi” che allargheranno sempre più il cerchio partecipativo e organizzativo. Martedì 21 si terrà il primo appuntamento con il laboratorio a partire dalle 16,30; aprirà l’incontro Valeria Pappalardo, dirigente scolastica del liceo scientifico Boggio Lera Catania. Seguiranno gli interventi di Rosaria Leonardi, segretaria confederale CGIL Catania, Giovanna Nastasi, responsabile Politiche di Genere FLC-CGIL, Katia Perna, componente dell’ assemblea naziknale della FLC-CGIL. Il laboratorio sarà attivato da Josè Calabrò, formatrice e autrice di “Fare Stormo- Il Cerchio delle donne” e di UDI CT.  L’obiettivo di “Passi” è connettere tra di loro competenze del territorio ma anche mettere a disposizione di tutta la comunità educante, “non solo informazioni, ma esperienze formative per affermare in modo concreto, non semplicistico, la possibilità che l’aggressività non diventi violenza”. Una pratica che andrebbe poi allenata nella vita di tutti i giorni, in ogni ambito.
Un’azione che riveste un significato potente in occasione del prossimo 25 novembre, giornata nel corso della quale in tutto il mondo si sollecitano azioni di contrasto alla violenza sulle donne; quella violenza che è divenuta fenomeno dirompente fino a sfociare nei femminicidi che si registrano  oramai in tutta Italia, compresa Catania e in provincia. È adesso forte la necessità che questo tipo di interventi possano diventare strutturali nei programmi didattici, coinvolgendo nella pratica dell’educazione all’affettività, quanti più soggetti nel mondo scolastico.
“Con l’omicidio di Giulia Cecchettin sono 100 donne che sono state uccise nel nostro Paese dall’inizio dell’anno (quasi una donna uccisa ogni tre giorni) e i dati sugli stupri e su altri episodi violenti sono enormi, anche se riferiti ai soli fatti emersi. – scrivono le promotrici del progetto- Sono crimini che hanno radici culturali profonde e che confermano come il patriarcato, con i suoi effetti più tremendi, non sia stato sconfitto definitivamente. Per questo la comunità è chiamata  a sostenere la scuola, in quanto “luogo cardine”, nel suo grande impegno educativo; la chiamiamo a fare rete, ad attivare iniziative che lascino il segno per procedere verso un cambiamento culturale e di mentalità, offrendo strumenti affinché ciò si realizzi. Perciò, l’obiettivo del progetto – che affianca le tante iniziative già in corso nella scuola – è muovere dalle/dagli insegnanti, coinvolgendo famiglie, studenti, associazioni del territorio, perché le iniziative proposte non restino isolate e possano permeare la vita d’aula e la vita sociale”.
Il progetto, che offre informazioni e attiva un laboratorio esperienziale, sarà articolato in tre incontri:21 novembre 2023; metà febbraio 2024 (la data esatta sarà stabilita con i partecipanti al 1° incontro);intorno all’8 marzo 2024 (la data esatta sarà stabilita con i partecipanti al 2° incontro).
Nel corso dell’incontro di martedì 21 sarà delineato un quadro sulle politiche di genere e sul fenomeno della violenza di genere, e ci si soffermerà ad attivare un laboratorio sulla gestione  non violenta dei conflitti, che nei successivi incontri si svilupperà in forme sempre più allargate e cogestite.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Altre Notizie

1 min

Il presidente dell’Associazione “Antimafia e Legalità”, avv. Enzo Guarnera, in una nota afferma: “Il Presidente di Confindustria di Catania, sottoposto ad estorsione dalla mafia, ha pagato il “pizzo” per venti anni e non ha mai denunciato. Dovrebbe dimettersi subito – continua Guarnera – e, se non lo facesse, dovrebbe sfiduciarlo la sua organizzazione. Se ciò non avvenisse, la vergogna sarebbe […]

2 min

I Riveli, documenti per anni custoditi nell’Archivio di Stato di Palermo, raccontano la storia delle famiglie dell’antica Occhiolà, città distrutta dal terremoto che colpì la Val di Noto l’11 gennaio del 1693, da cui per volontà del principe Carlo Maria Carafa fu fondata Grammichele, il 18 aprile di quello stesso anno; è storia dunque che […]

3 min

Lanza: «Nuove tecnologie, approcci innovativi e crescita delle competenze professionali. Sono i pilastri su cui abbiamo investito per dare servizi di qualità ai cittadini». ACIREALE – L’UOC di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale di Acireale fra i centri di riferimento per la diagnosi e la cura dei tumori testa-collo. Si tratta di neoplasie che hanno origine negli organi […]

1 min

Nel Girone B del campionato di Eccellenza si gioca, in questo weekend, la tredicesima giornata del girone d’andata. L’Imesi Atletico Catania 1994 scenderà in campo, domani pomeriggio (fischio d’inizio alle ore 15) a Santa Teresa Di Riva. La squadra giallorossoblù se la vedrà contro la Jonica Fc già affrontata in Coppa Italia. Trasferta difficile e […]